Cos'è lo spread

 


Cos'è lo spread

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

 

 

Cos'è lo spread ?

 

Spread: confrontando bonds emessi dai diversi debitori (sovrani o privati) è possibile misurare il grado di rischiosità attribuito dal mercato a ciascun bond. Lo spread è dato dal margine tra il rendimento del titolo considerato e quello di un titolo analogo valutato come privo di rischio o a rischio molto basso. Ad es. lo spread tra i rendimenti di un titolo decennale in $ emesso dalla Repubblica Italiana e un T-bond americano di uguale scadenza. Oppure, lo spread sui BTP decennali italiani e i Bund decennali del Governo Federale Tedesco.

 

Fonte:

http://www.de.unito.it/web/member/cozzi/TMaterial/Euro_e_Finanz/Strumenti_finanziari.doc

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Parola chiave google : Cos'è lo spread

 

Cos'è lo spread

In questi giorni scanditi dalle “borse”, tanti di noi sono stati costretti ad apprendere una serie di nuovi termini, spesso parole inglesi, come spread, default, bund, eurobond, rating, ecc, ecc. Parole che non tutti conoscono. Ma cos'è lo spread?

Cerchiamo quindi di fare ordine e comprendere di cosa parliamo e di cosa ci parlano i giornali quando scrivono questi paroloni. Spread significa “ampiezza”, “apertura” (ma anche “allargamento”, “forbice” in senso figurato) e viene usato oggi per definire la differenza tra il rendimento dei titoli di stato italiani e quelli tedeschi, benché possa applicarsi a diverse coppie di enti paragonabili. Gli stati mettono sul mercato, con aste periodiche, un certo numero di titoli obbligazionari per avere liquidità dai mercati finanziari e potere così finanziare il debito pubblico. Nel caso italiano, si tratta dei BTP (Buoni del Tesoro Poliennali) che, due volte al mese, vengono messi all’asta dalla Banca d’Italia. Hanno scadenza a 3, 5, 10, 15 e 30 anni. Semplificando un po’, lo stato italiano promette all’investitore che, se investirà sul suo debito pubblico (se gli presterà dei soldi), riavrà interamente il suo capitale alla fine del periodo stabilito e in più, prima della scadenza, gli verranno corrisposte periodicamente alcune “cedole” di rendimento. Su questo rendimento si misura lo spread, solitamente in punti base (basis point). Un punto base è un decimo di millesimo di un valore. Oggi lo spread tra i BTP decennali e i Bund tedeschi (le obbligazioni dello stato tedesco, particolarmente “solide” e per questo utilizzate come riferimento per le altre nazioni europee) è arrivato oltre i 500 punti base. Questa differenza è decisa dal mercato: chi vuole investire nelle obbligazioni italiane pensa di correre più rischi rispetto a un investimento in titoli tedeschi, per il peggior stato delle finanze italiane, e quindi vuole un rendimento più alto: oggi i BTP hanno raggiunto sul mercato un rendimento sulla scadenza decennale del 6,7 per cento. Non solo, all'asta indetta dal Tesoro i Btp a 5 anni sono schizzati al 6,29%, il massimo storico dal '97, dal 5,32% di ottobre. Mentre i titoli tedeschi sono intorno al 2,71 per cento.

 

Fonte: estratto da http://www.uilpadirigentiministeriali.com/Documentazione/Voci%20della%20stampa/documenti/2011/novembre%202011/18-11-2011/Ma%20cos.doc

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Parola chiave google : Cos'è lo spread

 

Cos'è lo spread

 

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

Cos'è lo spread

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

Cos'è lo spread ?