Sistema Monetario Europeo

 


Sistema Monetario Europeo

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Sistema Monetario Europeo

 

Il Sistema Monetario Europeo, nacque da una Risoluzione del Consiglio Europeo del 5 dicembre 1978. Incominciò a funzionare il 13 marzo 1979 in conformità ad un accordo celebrato lo stesso giorno tra le banche centrali dei paesi che facevano parte della Comunità. Aveva 3 obiettivi fondamentali:
· stabilizzare i tassi di cambio per correggere l'instabilità esistente,
· ridurre l'inflazione
· preparare mediante la cooperazione l'unificazione monetaria europea.

Gli elementi basilari di questo Sistema sono tre:
L'ECU: si trattava di una moneta composta (o cesta di monete) formata da percentuali determinate da ognuna delle monete partecipanti stabilite in funzione dell'apporto del relativo paese al PNB della Comunità ed agli scambi comunitari. Il valore della cesta si calcolava moltiplicando il peso attribuito ad ogni moneta per il suo tasso di cambio rispetto all'ecu.
È una moneta che si usava concretamente per specificare il bilancio comunitario, non essendo moneta di corso legale. Serviva come mezzo di pagamento e riserva delle banche centrali.
Un meccanismo di tassi di cambio ed intervento (MTC): è il nucleo basilare delllo SME. L'MTC stabiliva per ognuna delle monete un tipo di cambio centrale dell'ecu (perno centrale) ed alcuni tassi di cambio centrali o parità fisse di ogni moneta rispetto alle restanti (perni laterali).
Attorno alla griglia di uguaglianza, formata da tutti i tassi di cambio bilaterali, dovevano stabilizzarsi i distinti tassi di cambio delle monete partecipanti, essendo le banche centrali compromesse ad intervenire per cercare di mantenere le loro monete sempre entro il margine di fluttuazione stabilito.
Fondo Europeo di Cooperazione Monetaria (FECOM): creato nell'ottobre 1972, le cui funzioni principali erano:
· facilitare gli interventi nei mercati di valute,
· effettuare le liquidazioni tra le banche centrali
· gestire le agevolazioni di credito a breve termine associate allo SME

 

Fonte: http://www.isitgofreeschool.it/didattica/upload/doc2105/GLOSSARIO.doc

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Parola chiave google : Sistema Monetario Europeo tipo file : doc

 

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

Sistema Monetario Europeo

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

Sistema Monetario Europeo