Corsa veloce

 


Corsa veloce

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Corsa veloce

 

LA CORSA VELOCE

 

La velocità di uno sprinter va intesa come la capacità di estrinsecare rapidamente forza, ed è proprio il dinamismo della forza a determinare la rapidità dei movimenti.
Si può dire quindi che la velocità è abilità ad usare la forza veloce.
La corsa veloce nasce dal prodotto tra ampiezza del passo (la distanza che si percorre con un passo) e frequenza dei passi (numero di passi nell’unità di tempo).
Risulta quindi di fondamentale importanza trovare un rapporto ottimale tra questi due elementi.
Un terzo fattore che caratterizza la corsa veloce è l’intensità della spinta: gli arti inferiori al contatto con il terreno devono restituire la massima energia che permetta la massima accelerazione nella fase di avanzamento.

Rispetto alla corsa a ritmo lento e costante la corsa veloce si caratterizza prevalentemente in quattro aspetti che la differenziano:

  • posizione del busto leggermente più inclinata in avanti (ma non troppo);

2) movimento di oscillazione degli arti superiori maggiormente ampio, con angolo braccio-avambraccio di circa 90°, in avanti ed indietro con i gomiti adiacenti ai fianchi e non trasversalmente. Le mani sono aperte con le dita tese e ravvicinate per acquisire maggior aerodinamicità e poter fendere l’aria;
3) maggior flessione e sollevamento delle ginocchia con tallone dell’arto libero sotto il gluteo e non dietro (azione circolare degli arti inferiori);
4) presa di contatto esclusivamente con l’avampiede, con maggior spinta reattiva e riduzione dei tempi di appoggio a terra (il terreno viene toccato brevissimamente come correndo sul fuoco).

Altri elementi tecnici essenziali della corsa veloce che si ritrovano anche nella corsa a ritmo prolungato sono:

  • completa distensione dell’arto di spinta;
  • movimento coordinato degli arti superiori;
  • posizione della testa tenuta come naturale prolungamento del busto;
  • decontrazione della muscolatura non impegnata. E’ interessante notare, in riferimento a questo aspetto tecnico della corsa veloce ovvero il mantenere le spalle non irrigidite, la scioltezza articolare e muscolare, che i migliori velocisti (quelli che verosimilmente adottano una tecnica migliore) hanno addirittura, rispetto agli altri, un’espressione mimica più rilassata: questo ci fa comprendere come sia importante sfruttare solo i muscoli devoluti al movimento e lasciare che quelli non impegnati rimangano rilassati;
  • sguardo rivolto verso l’avanti.

 

 

Fonte: http://88.42.123.18/didattica/files/edfisica/8.doc

Sito web da visitare: http://88.42.123.18/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Parola chiave google : Corsa veloce tipo file : doc

 

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

Corsa veloce

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

Corsa veloce