Predicato verbale

 


Predicato verbale

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Predicato verbale

IL PREDICATO

PREDICATO = elemento fondamentale intorno al quale si costruisce la frase, perché trasmette l’informazione principale.

Si distinguono due tipi di predicato:

  • PREDICATO VERBALE → è formato soltanto dal verbo
  • PREDICATO NOMINALE→ è formato dal verbo più un aggettivo o un nome

 

PREDICATO VERBALE: è costituito da tutti i verbi, transitivi e intransitivi, di forma attiva, passiva o riflessiva; fornisce un’informazione completa. Può indicare: 1) un’azione compiuta dal soggetto 2) un’azione subita dal soggetto 3) un fenomeno, un evento 4) uno stato, una condizione.

ESEMPI DI PREDICATO VERBALE:
Marco guarda la televisione- Il pesce nuota nell’acquario- Il ladro è stato avvistato- Il sole sorge alle cinque e tramonta alle diciotto.

Il predicato, insieme ai complementi che ne arricchiscono il senso, dà origine al GRUPPO DEL PREDICATO. Ad esempio nella frase “Paolo legge un avvincente libro di fantascienza” Paolo è il SOGGETTO e “legge un avvincente libro di fantascienza” è il GRUPPO DEL PREDICATO.

 

PREDICATO NOMINALE: è generalmente formato da una voce del verbo essere seguita da un nome o da un aggettivo. Il nome o l’aggettivo indicano un modo di essere del soggetto.

All’interno del predicato nominale il verbo essere viene detto copula ( dal latino, significa legame), mentre il nome o l’aggettivo vengono chiamati parte nominale o nome del predicato.

Esempio: Luca è un esperto di monete antiche→ “Luca” = soggetto; “è” = copula; “un esperto” = parte nominale o nome del predicato. La voce del verbo essere più la parte nominale vanno a formare il predicato nominale.

 

Esistono poi alcuni verbi, definiti copulativi, che si comportano come il verbo essere (quando fa parte di un predicato nominale): sembrare, parere, divenire, risultare, mostrarsi, annunciarsi,ecc.
In questo caso essi sono seguiti da un nome o da un aggettivo, e danno origine ad un predicato nominale.

ESEMPIO: La mamma sembra arrabbiata. (sembra arrabbiata è un predicato nominale)
La situazione sta diventando insostenibile. (sta diventando insostenibile è un predicato nominale)
Federico si rende antipatico a tutti i colleghi (si rende antipatico è un predicato nominale)

 

 

Fonte: http://www.scuolemaestrepie.it/contenuti/upload/attached/aart1321_il_predicato_2.doc

Sito web da visitare: http://www.scuolemaestrepie.it/

                             

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Nota : se siete l'autore del testo sopra indicato inviateci un e-mail con i vostri dati , dopo le opportune verifiche inseriremo i vostri dati o in base alla vostra eventuale richiesta rimuoveremo il testo.

Parola chiave google : Predicato verbale tipo file : doc

 

Predicato verbale

 

Il  soggetto e il predicato verbale

  • Il soggetto è la persona l’animale o la cosa che compie l’azione.

 

  • Il predicato verbale è l’elemento essenziale della frase, è l’azione compiuta dal soggetto:

ES:   Il ragazzo studia
Il cane abbaia
Il bicchiere brilla
IL SOGGETTO PUO’ ESSERE SOTTINTESO
ES: mangiate !
(voi = soggetto sottinteso)

 

IL SOGGETTO PUO’ ESSERE PARTITIVO
ES: in classe ci sono dei quotidiani
(alcuni quotidiani = soggetto)
IL PREDICATO VERBALE
RIPETIAMO e’ l’azione compiuta dal   soggetto.

IL verbo può  essere:

  • ATTIVO= quando il soggetto compie l’azione.

ES: Mario studia.

  • PASSIVO= quando il soggetto subisce l’azione.

ES: il bimbo è pettinato dalla mamma.                                           

  • INTRANSITIVO= quando l’azione compiuta dal soggetto si esaurisce nel soggetto stesso.

ES: Giulio corre.

d) RIFLESSIVO = quando l’azione compiuta dal soggetto ricade sul soggetto stesso.
ES.Lilia si pettina.

  • TRANSITIVO= quando l’azione compiuta dal soggetto ricade direttamente  sul complemento  oggetto.

ES: Gianni mangia ( che cosa?) la mela
( la mela-complemento oggetto)


ESERCIZIO
Completa con il complemento oggetto.
1) Stefano si reca  dal compagno e gli porta (che cosa ?) ….………
2) Non voglio piu’ sentire ( che cosa?) ......................
3) Il Presidente della squadra del Napoli ha esonerato (chi ? )……………       
4) Cristoforo Colombo raggiunse (che cosa? ) ……………..nel 1492, dopo un viaggio molto avventuroso.
5) Il professore di italiano ha richiamato (chi ?) ……………….  che si comportavano scorrettamente.


FORMULIAMO DELLE    FRASI CON IL VERBO TRANSITIVO ATTIVO  E  VOLGIAMOLE AL PASSIVO.
1)


Soggetto

Pred.verb.

Compl.oggetto

Attributo

Io

ascolto

Una musica

piacevole

VOLGIAMO AL PASSIVO
1)


Diventa Soggetto

Attributo

Pred.verbale passivo

    Diventa Compl.d’agente

Una musica

piacevole

è ascoltata

da me

 

 

2)


Soggetto

Pred.verb.

Compl.oggetto

Attributo

Sergio

mangiò

una mela

verde

VOLGIAMO AL PASSIVO
2)


Diventa Soggetto

Attributo

Pred.verbale passivo

Diventa Compl.d’agente

 

Una mela

verde

fu mangiata

da Sergio


 

ESERCIZIO:

VOLGIAMO AL PASSIVO
LE SEGUENTI FRASI:

1)


Soggetto

Pred.verb.

Compl. Ogg.

Att. Com. ogg.

Antonio

Lesse

Un romanzo

poliziesco

1)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2)


Soggetto

Pred.verb.

Compl. Ogg.

Attr. Compl. ogg.

Carmine

Ha seguito

Un programma

interessante

2)

 

 

 

 

 

 

 

 

3)


Soggetto

Attr.  sogg.

Pred.verb.

Comp.ogg.

Attr. Compl.ogg.

Un ragazzo

goloso

mangiò

Una torta

deliziosa

3)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   
IL PREDICATO NOMINALE

E’ costituito da una voce del verbo essere PIU’un nome o un aggettivo che ne completano il significato.

ESEMPIO:     -   IL Nilo è. un fiume.
- Il gatto è bianco.
- Mia zia è una dentista .

In questi casi il verbo ha valore di verbo copulativo, cioè non ha significato autonomo, ma serve a unire il soggetto al nome o all’aggettivo che ne completa il significato.


Nel predicato nominale si distingue :

  • il verbo vero e proprio, che si dice copula (cioè unione)

 

  • il nome o l’aggettivo che è detto nome del predicato o parte nominale.

 

Ora tocca a te !

ESERCIZIO: Individua e sottolinea i predicati nominali,
evidenziando in verde la copula e in rosso il nome del predicato.

Esempio: Guido era abile a guidare.

Domani il cinema sarà chiuso.

La Campania è una regione.

“Pianto antico” è una poesia.

A causa della pioggia il fondo stradale era bagnato.

Ieri mattina l’aria era fresca.  

       

Fonte: http://www.ipianiglio.it/risorse%20didattiche/elementi%20di%20analisi%20logica.doc

Sito web da visitare: http://www.ipianiglio.it/

                             

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Nota : se siete l'autore del testo sopra indicato inviateci un e-mail con i vostri dati , dopo le opportune verifiche inseriremo i vostri dati o in base alla vostra eventuale richiesta rimuoveremo il testo.

Parola chiave google : Predicato verbale tipo file : doc

 

Predicato verbale

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

Predicato verbale

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

Predicato verbale