Grammatica italiana formazione dei plurali

 


 

Grammatica italiana formazione dei plurali

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

 

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

 

Plurali

Formazione del plurale

           Dal punto di vista morfologico, la differenza tra i nomi singolari e i nomi plurali è marcata per lo più da una diversa desinenza. Ma ci sono anche nomi che hanno la medesima forma al singolare e al plurale (nomi invariabili), nomi privi di singolare o di plurale (nomi difettivi) e nomi con più forme di singolare o di plurale (nomi sovrabbondanti).

           Il plurale dei nomi si forma, nella maggior parte dei nomi, mutando la desinenza morfologica del singolare.

           Per comodità, a seconda della desinenza del singolare, in italiano i nomi si suddividono in tre classi: nomi in -a, nomi in -o e nomi in -e.

                                                     

Nomi in -a. I nomi che al singolare terminano in -a formano il plurale in -i, se sono maschili, in -e, se sono femminili: il problema - i problemi,         la casa - le case.

           Osservazioni:          

           1. I nomi che terminano in -ca e -ga conservano al plurale il suono velare (duro) della c e della g. Perciò formano il plurale in -chie -ghi se sono maschili, in -che e -ghe se sono femminili: il duca - i duchi, il collega - i colleghi, la basilica - le basiliche, la bottega - le botteghe.

           2. I nomi femminili in -cìa e -gìa con i tonica, cioè accentata, formano il plurale regolarmente, in -cie e -gie, conservando la i: la farmacia - le farmacie, la bugia - le bugie.

           3. I nomi femminili in -cia e -gia con i atona, cioè non accentata, formano il plurale in -cie e -gie, conservando la i, se le consonanti c e g sono precedute da vocale: la camicia - le camicie, la ciliegia - le ciliegie; e in -ce e -ge, perdendo la i, se le consonanti c e g sono precedute da consonante: la pronuncia - le pronunce, la pioggia - le piogge.

                                                     

           Nomi in -o. I nomi che al singolare terminano in -o prendono al plurale la desinenza

-i: il bambino - i bambini, la mano - le mani.

Osservazioni:

           1. I nomi in -co e -go non seguono un comportamento costante nella formazione del plurale. In linea di massima, se sono piani, cioè accentati sulla penultima sillaba, conservano il suono velare (duro) delle consonanti ce g, ed escono in -chie -ghi; se sono sdruccioli, cioè accentati sulla terzultima sillaba, formano il plurale in -ci e -gi, con la palatalizzazione: il banco - i banchi, il medico - i medici, l’albergo - gli alberghi, il teologo - i teologi.

           Fra i nomi piani fanno eccezione: l’amico - gli amici, il nemico - i nemici, il greco - i greci, il porco - i porci  ecc.

Fra gli sdruccioli, molto più numerosi: il dialogo - i dialoghi, l’incarico - gli incarichi, il catalogo - i cataloghi, l’obbligo - gli obblighi, il prologo - i prologhi ecc.

           Molto numerosi sono poi i nomi sdruccioli che presentano entrambe le forme: chirurgo - chirurgi, chirurghi; stomaco - stomaci, stomachi ecc.

           2. Per i nomi uscenti in -logo, in linea di massima, vale la seguente regola pratica: i nomi in -logo hanno il plurale in -logi se si riferiscono a persone: il sociologo - i sociologi; e hanno, invece, il plurale in -loghi se si riferiscono a cose: il dialogo - i dialoghi.

3. I nomi uscenti in -ìo con la i tonica, cioè accentata, formano, senza eccezioni, il plurale regolarmente in -ìi: lo zìo - gli zìi, il rinvìo - i rinvìi.

           4. I nomi uscenti in -io con la i atona, cioè non accentata, formano, invece, il plurale in -i. In taluni casi la -i- del tema si fonde con la -i della desinenza plurale: il cambio - i cambi, l’occhio - gli occhi.

           Invece nei nomi in cui la -i-del tema è solo un segno grafico con la funzione di rappresentare il suono palatale della consonante o del gruppo consonantico che precede la desinenza del singolare -o, tale -i-cade: il figlio - i figli, il bacio - i baci.

           5. I nomi uomo, dio e tempio formano il plurale rispettivamente in uomini, dei, templi, per influenza delle corrispondenti forme latine (homines, dei, templa).

           6. Alcuni nomi di genere maschile uscenti in -o diventano al plurale di genere femminile e assumono la desinenza -a: il paio - le paia, il miglio - le miglia, l’uovo - le uova, il migliaio - le migliaia, il riso (il ridere) - le risa, il centinaio - le centinaia ecc.

           7. Quasi tutti i nomi femminili uscenti in -o sono invariabili, presentano cioè al plurale la stessa forma del singolare:           la biro - le biro, la moto - le moto.

                                                                

Nomi in -e. I nomi che al singolare terminano in -e formano il plurale in -i, siano maschili o femminili:           il padre - i padri, la madre - le madri.

Osservazioni:

           1. Il nome bue presenta il plurale irregolare buoi.

           2. Nei multipli, mille assume una speciale forma di plurale: -mila: duemila, tremila.

           3. I nomi uscenti in -ie sono, di solito, invariabili. Fanno eccezione i seguenti nomi, che formano il plurale in -i: l’effigie - le effigi, la superficie - le superfici, la moglie - le mogli.

           Esistono anche le forme invariate le superficie e le effigie, ma sono meno comuni.

          

          

BIBLIOGRAFIA DI BASE

 

Elena Pîrvu; Ramona Vasile; Aurelian Velea, La lingua italiana. Fonetica. Fonologia. Morfologia, Craiova, Editura AIUS, 2001, pp. 37-51.

Maurizio Dardano; Pietro Trifone, Grammatica italiana. Con nozioni di linguistica, Terza Edizione, Bologna, Zanichelli Editore, 1995, pp. 170-208.

Luca Serianni (con la collaborazione di Alberto Castelvecchi), Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria, Bologna, UTET Libreria, 1989, pp. 103-159.

 

Fonte: http://cis01.central.ucv.ro/litere/idd/cursuri/an_1/limba_straina/italiana/lb_it_an1.doc

Sito web da visitare: http://cis01.central.ucv.ro

Autore del testo: E.PÎRVU

Nota : se siete l'autore del testo sopra indicato inviateci un e-mail con i vostri dati , dopo le opportune verifiche inseriremo i vostri dati o in base alla vostra eventuale richiesta rimuoveremo il testo.

 

NOMI   E   AGGETTIVI

 

Nomi  e  Aggettivi  in    – o

 

MASCHILE

 

 

 

 

Singolare

 

Plurale

 

 

Nomi

 

libro

 

libri

 

gatto

 

gatti

 

 

 

 

Aggettivi

 

 

bello

 

belli

 

nero

 

neri

 

o    à    i

 

 

esempio

 

 

libro   nero

 

libri   neri

 

 

 

 

 

 

 

Nomi  e  Aggettivi  in   - a

 

FEMMINILE

 

 

 

 

Singolare

 

Plurale

 

 

Nomi

 

penna

 

penne

 

matita

 

matite

 

 

 

 

Aggettivi

 

 

rossa

 

rosse

 

brutta

 

brutte

 

a    à    e

 

 

esempio

 

 

penna  rossa

 

penne  rosse

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nomi  e  Aggettivi  in   - e

 

 

MASCHILE

 

 

 

 

 

FEMMINILE

 

 

 

Singolare

 

Plurale

 

 

Singolare

 

Plurale

 

 

Nomi

 

studente

 

studenti

 

 

Nomi

 

estate

 

estati

 

padre

 

padri

 

madre

 

madri

 

 

 

 

 

Aggettivi

 

grande

 

grandi

 

 

Aggettivi

 

gentile

 

gentili

 

facile

 

facili

 

dolce

 

dolci

 

à  i

 

à  i

 

 

esempio

 

studente grande

 

studenti grandi

 

 

 

esempio

 

madre gentile

 

 

madri gentili

 

 

 

 

 

 

 

 

NOMI   INVARIABILI   AL   PLURALE

 

 

i nomi con accento finale

 

città – felicità – virtù - caffè

 

nomi femminili in - si

 

analisi – diagnosi – tesi

 

nomi femminili abbreviati

 

moto – foto - bici

 

nomi monosillabici ( 1 sillaba )

 

re – tè – gru - bar

 

nomi in consonanate (parole straniere)

 

film – gol – spot – autobus

 

nomi femminili in -ie

 

serie – specie

 

altri esempi

 

radio - cinema

 

 

PLURALI   PARTICOLARI

 

nomi maschili in  - ma

panorma - panorami / telegramma – telegrammi

 

nomi in  – cia  e  - gia

goccia - gocce / camicia - camicie

 spiaggia - spiagge / valigia - valigie

 

nomi in  - sta

farmacista - farmacisti (maschile)

pianista - pianiste (femminile)

 

nomi e aggettivi in -io

foglio - fogli / zio -  zii /

vecchio - vecchi / grigio - grigi

 

altri plurali particolari

 

paio – paia / centinaio – centinaia / migliaio – migliaia / uovo – uova / labbro – labbra

 

 

 

 

Fonte: http://sites.waldonet.net.mt/scibi/NOMI%20%20E%20%20AGGETTIVI.doc

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

 

IL PLURALE DEI NOMI

In italiano, tutti i nomi sono o maschili o femminili e possono essere singola­ri e plurali.
Quasi tutti i nomi maschili singolari finiscono con la vocale O, alcuni finiscono con la vocale A oppure E.
Al plurale tutti finiscono sempre in I.
Nomi maschili singolari   →  Nomi maschili plurali
il tavolo                              →   i tavoli                                                          
il libro                                 →   i libri
il bambino                         →   i bambini
il lavoro                              →   i lavori
il cane                                 →   i cani
il cuore                               →   i cuori
Quasi tutti i nomi femminili singolari finiscono con la vocale A, alcuni finiscono con la vocale O oppure E.
Al plurale tutti finiscono sempre in E.
Nomi femminili singolari   →  Nomi femminili plurali

 


-O diventa  -I
-A diventa  -E
-E diventa  -I

LIBRO → LIBRI
CASA  → CASE
RETE  → RETI

 

la finestra                             →   le finestre
la casa                                   →   le case
la ragazza                              →   le ragazze
la scuola                                →   le scuole
la mano                                →   le mani
la rete                                   →   le reti

 

ESERCIZI

 

  1.  Trasforma al plurale.

Singolare maschile

Plurale maschile

Singolare femminile

Plurale femminile

il panino

i panini

la pizza

le pizze

il cuore

 

la finestra

 

il coltello

 

la scuola

 

il ragazzo

 

la mano

 

il nonno

 

la lampada

 

lo spazzolino

 

la rete

 

il padre

 

l’attrice

 

il libro

 

la madre

 

il pavimento

 

la stanza

 

il sapone

 

la scala

 

il dottore

 

la matita

 

l’operaio

 

la chiave

 

l’amico

 

la studentessa

 

il fratello

 

la mela

 

il cugino

 

la penna

 

il piatto

 

la gomma

 

il tavolo

 

la nonna

 

l’asciugamano

 

la professoressa

 

il bagno

 

la macchina

 

il salotto

 

la cugina

 

il letto

 

la sorella

 

il tappeto

 

la forchetta

 

il viso

 

la cartella

 

il cucchiaio

 

la porta

 

il coltello

 

la bilancia

 

il fornello

 

la pentola

 

il quaderno

 

la televisione

 

il dizionario

 

la lavagna

 

il termosifone

 

la sedia

 

il comodino

 

la coperta

 

 

Fonte: http://www.ipsiacorni.modena.it/MENU2/STUDENTI/INTERCULTURA/GRAMMATICA/GRAMMATICA-PluraleNomi-LivelloA1.doc

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Parola chiave google : plurali tipo file : doc

 

Grammatica

 

I PLURALI

 

 

I) Plurali regolari (nomi e aggettivi):

 

     MASCHILE                                                   Esempi
Sing.   -   Plurale                          Singolare      -       Plurale

  - O     ]                                    Il bravo ragazzo - I bravi ragazzi
- E     ]  -     - I                               Il barone gentile - I baroni gentili
- A     ]                                    Il turista ottimista - I turisti ottimisti


      FEMMINILE
Sing.  -    Plurale                           

  - A      -     - E                                La bella donna - Le belle donne
- E      -     - I                                 La lezione breve - Le lezioni brevi

 

II) Plurali invariabili :

  1. Parole con una consonante finale:       - L’autobus - Gli autobus

                                                                                  - Il film - I film

  1. Parole accentate sull’ultima sillaba:     - La verità - Le verità

                                                                - La tribù - Le tribù                                                                           

  1. Parole abbrieviate:                                    - La foto - Le foto (¹ Le fotografie)

                                                                                  - Il cinema -  I cinema

  1. Parole in -i:                                                  - L’analisi - Le analisi

            o in -ie:                                                   - La serie - Le serie
Δ  Eccezione: La moglie - Le mogli

  1. Parole monosillabiche:                            - Il re - I re

                                                                            - Lo zoo - Gli zoo

  1. Certi colori:                                                 - Rosa / Viola / Lilla / Nocciola / Beige

                                                                            - Marrone / Arancione / Bordò / Blu

 

 

PLURALI 2

 

III) Plurali irregolari:

 

  • Certi singolari maschili- Plurale femminile in -a:
    • Il dito - Le dita                              -    Il ciglio - Le ciglia
    • Il labbro - Le labbra                     -    Il ginocchio - Le ginocchia
    • Il paio - Le paia                            -    L’uovo - Le uova
    • Il migliaio - Le migliaia               -    Il centinaio - Le centinaia

 

         Δ  N.B. : Certi nomi hanno 2 plurali con significati diversi:

    • L’osso - Le ossa (corpo) ¹ Gli ossi (per i cani)
    • Il membro - Le membra (corpo) ¹ I membri (famiglia / società)
    • Il braccio - Le braccia (corpo) ¹ I bracci (fiume)
    • Il muro - Le mura (città) ¹ I muri (casa)
    • Il frutto - Le frutta ¹ I frutti (albero / risultato)

 

  • Altri plurali irregolari:

 
-    Il dio - Gli dei                                -    L’uomo - Gli uomini
-    Il Belga - I Belgi                            -    Il tempio - I templi
-    L’arma - Le armi                           -    L’ala - Le ali
-    La mano - Le mani                      -    L’orecchio - Le orecchie

 

  • Parole in -io:

                  -    La i non accentata -i: L’occhio - Gli occhi

                  -    La i accentata         -  -ii:  Lo zio - Gli zii
Il mormorio - I mormorii

 

 

PLURALI 3

 

  • Parole maschili (nomi e aggettivi) in -co / -go:

 

 a) Parole piane: accento sulla penultima sillaba - Plurale in -chi / -ghi

    • -co - -chi:               Il banco sporco - I banchi sporchi

                  
                   Δ  Eccezioni:                L’amico - Gli amici / Il nemico - I nemici
(-co - -ci)               Il porco - I porci / Il greco - I greci                             

    • -go - -ghi:              L’albergo largo - Gli alberghi larghi                    

 

             b) Parole sdrucciole: accento sull’antepenultima sillaba- Plur. in -ci / -gi

                 -    -co - -ci:                   Il medico simpatico - I medici simpatici

                 -    -go - -gi:                  Lo psicologo - Gli psicologi (SOLO i nomi)

                 Δ  Eccezioni:                  - Certi nomi:  Il catalogo - I cataloghi
(-go - -ghi)                                       Il monologo - I monologhi
Il dialogo - I dialoghi
          
- TUTTI gli aggettivi sdruccioli (-go - -ghi):
analogo - analoghi / omologo - omologhi

 

  • TUTTE le parole femminili (nomi e agg.) in -ca / -ga- Plur. in -che / -ghe:

 

                    L’amica simpatica - Le amiche simpatiche

 

  • Parole femminili in -cia / -gia:

 

a) Dopo 1 consonante - Plur. in -ce / -ge:    La bilancia - Le bilance
La frangia - Le frange

b) Dopo 1 vocale - Plurale in -cie / -gie:        La camicia - Le camicie
La ciliegia - Le ciliegie

c) La i accentata - Plurale in -cie / -gie:         La farmacia - Le farmacie
La bugia - Le bugie

 

Fonte: http://s1.e-monsite.com/2008/11/12/27948056gr-plurali-doc.doc

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Parola chiave google : plurali tipo file : doc

 

 

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

plurali

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

 

Grammatica italiana formazione dei plurali