Analisi del periodo

 


 

Analisi del periodo

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

 

 

Analisi del Periodo

 

  1. Il periodo è una frase o un insieme di frasi collegate tra loro per formare un messaggio di senso compiuto. La frase è formata da una o più proposizioni.
  2. In un periodo il numero delle proposizioni corrisponde al numero di verbi (predicati) di modo finito (espressi o sottintesi) o di modo indefinito che possono però ridursi in modo finito.
  1. Le proposizioni possono essere:
    1. principali (= indipendenti) se il verbo si regge da sé;
    2. secondarie (= subordinate) se il verbo dipende da altro verbo.
    1. coordinate se due o più proposizioni principali e due o più proposizioni secondarie vengono collegate in modo da mantenere la stessa natura. La coordinazione può essere per asindeto (senza congiunzioni) o per polisindeto (mediante congiunzioni copulative o disgiuntive o avversative).
  1. Il periodo può essere:
    1. semplice, se formato da una sola proposizione principale;
    2. complesso, se formato da una proposizione principale e da una o più proposizioni secondarie;
    1. composto, se formato da più proposizioni principali e da una o più proposizioni secondarie.
  1. Le proposizioni principali possono avere solo verbi di modo finito.
  2. Le proposizioni secondarie possono avere verbi sia di modo finito(forme esplicite) che di modo indefinito (forme implicite).
  1. Le proposizioni secondarie possono essere:
    1. di 1 ° grado, se dipendono da una prop. principale;
    1. di 2° grado, se dipendono da una prop. secondaria di 1° grado; (...e via di seguito...3° grado, 4°...)
  1. La proposizione dalla quale dipende una subordinata è detta reggente.

PROPOSIZIONI SUBORDINATE:

  1. Soggettiva
    La proposizione soggettiva fa da soggetto alla proposizione reggente ("Sembra che il tempo si metta al brutto."). E' introdotta da forme impersonali (sembra... pare...;  si dice... si pensa...; è giusto... è necessario...).
    Nella forma esplicita sono introdotte da che e vogliono il verbo al modo indicativo o congiuntivo (talvolta il condizionale).
    Nella forma implicita hanno l'infinito preceduto o meno dalla preposizione di.
  2. Oggettiva
    La proposizione oggettiva fa da complemento oggetto ad una proposizione reggente ("Dicono che è tardi.").
    Nella forma esplicita come in quella implicita è identica alla soggettiva.
  3. Relativa
    La proposizione relativa si collega alla reggente con un pronome relativo.
    Le proposizioni relative possono essere proprie e improprie: quelle proprie possono essere trasformate in attributi o apposizioni ("Cipollini, che è un grande sprinter, ha battuto il record di Binda""). Quelle improprie hanno la forma delle proposizioni relative, ma hanno la funzione di altre proposizioni (causale, finale, temporale, consecutiva e concessiva. Esempio: chiamerò qualcuno che mi spieghi... ha il valore di una finale). Nella forma implicita sono espresse con un participio ("Luca, amante del cinema -= che ama il cinema-, va in sala tutte le sere").
  4. Finale
    La proposizione finale indica il fine per cui si compie l'azione della proposizione reggente ("Vanno a casa affinché si asciughino i vestiti").
    Nella forma esplicita si esprime con perché, affinché,  per far sì che... e il congiuntivo.
    Nella forma implicita si esprime con l'infinito preceduto dalle preposizioni per, di, a. ("Leggo il libro per divertirmi").
  5. Causale
    La proposizione causale indica la causa per la quale avviene o non avviene ciò che è espresso nella proposizione reggente ("Non acquistò il quadro perché costava troppo").
    Nella forma esplicita si esprime con poiché, perché, giacché, dal momento che... e il modo indicativo.
    Nella forma implicita si forma col participio passato ("Eliminato dal torneo, se ne tornò a casa"), oppure col gerundio semplice (se l'azione è contemporanea a quella della reggente) e col gerundio composto (se l'azione è anteriore: "Avendo speso tutti i soldi, dormì sotto i ponti").
  6. Consecutiva
    La proposizione consecutiva indica la conseguenza di quanto si afferma nella reggente della quale fa parte un avverbio che annuncia la conseguenza ("Era così distratto che spesso usciva in ciabatte").
    Nella forma esplicita si forma con che (così tanto che, al punto che...) e il modo indicativo.
    Nella forma implicita è introdotta dalla preposizione da, + verbo all'infinito ("Ho mangiato da scoppiare").
  7. Temporale
    La proposizione temporale indica una circostanza di tempo in cui avviene quanto è detto nella proposizione reggente ("Ho avvertito una forte scossa di terremoto, mentre leggevo tranquillamente." 
    Nella forma esplicita si forma con locuzioni e congiunzioni temporali e l'indicativo. Si usa il congiuntivo quando inizia con prima che
    Nella forma implicita si forma con l'infinito o il gerundio.("Andando a casa ho incontrato Mario").
  8. Concessiva
    La proposizione concessiva indicano una condizione (vera o supposta) in contrasto con quanto si afferma nella reggente. Essa equivale al complemento concessivo. ("Benché sia cresciuto, ancora non si allaccia le scarpe ").
    Nella forma esplicita si esprime con quantunque, nonostante, benché, quand'anche, sebbene... e il congiuntivo.
    Nella forma implicita con pure + il gerundio ("Continuò ad insistere pur avendo visto la stanchezza della madre");
    Oppure con benché, sebbene, pur... + participio passato ("Benché dimenticata da anni, l'immagine tornò viva alla sua memoria"). 
  1. Condizionale
    La proposizione condizionale esprime la condizione necessaria perché si verifichi quanto viene detto nella reggente ("Se guarderò la televisione, mi addormenterò sul divano".
    Nella forma esplicita si forma con se e l'indicativo (quando la condizione è reale), oppure con il congiuntivo (se la condizione è possibile o irreale).
    Nella forma implicita si forma con il gerundio ("Partendo tardi, perderemo il treno").

    La proposizione condizionale insieme con la reggente forma il periodo ipotetico che può essere di tre tipi:
    1 ° tipo o della realtà ("Se mi chiami, ti rispondo");
    2° tipo o della possibilità ("Se mi procurassi più soldi, comprerei un CD");
    3° tipo o della irrealtà ("Se mio nonno fosse vivo, mi racconterebbe le fiabe").
    Nel periodo ipotetico la proposizione condizionale si chiama protasi, quella reggente apodosi .
  1. Modale
    La proposizione modale indica il modo in cui avviene ciò che è detto nella reggente ("La festa è finita come tutti si aspettavano").
    Nella forma esplicita è' introdotta da come, nella maniera che, comunque, quasi che... ed è all'indicativo se esprime certezza, o al congiuntivo o al condizionale per esprimere dubbio, possibilità ("Vi hanno consultati come foste stati esperti.")
    La forma implicita è espressa dal gerundio o dall'infinito preceduto da con oppure a ("La lettera iniziava omettendo i saluti"); ("La lettera iniziava col saltare i saluti").
  2. Comparativa
    La proposizione comparativa stabilisce un paragone con quanto viene detto nella proposizione reggente ("Il voto ottenuto è più alto di quanto mi aspettassi").
    Nella forma esplicita è introdotta dalle espressioni di quanto, di quello che, piuttosto che, come se e vogliono il verbo al modo indicativo o congiuntivo.
    Nella forma implicita sono formate da che + infinito ("Niente mi è più gradito che fare una bella nuotata").
  3. Avversativa
    La proposizione avversativa indica un fatto o una situazione che risultano contrapposti a quello che viene detto nella reggente ("La giornata è stata bellissima, mentre noi l'aspettavamo piovosa").
    Si usa soprattutto nella forma esplicita. E' introdotta dalle congiunzioni mentre, quando, laddove e vuole il verbo di modo indicativo.
  4. Strumentale
    La proposizione strumentale indica il mezzo con il quale si realizza l'azione espressa dalla reggente ("La produzione scritta si migliora leggendo molto.")
    Esiste solo nella forma implicita. Di solito è formata col gerundio, più raramente con un infinito preceduto dalla preposizione con + articolo ("Con il mangiare si soddisfa un bisogno fondamentale").
  5. Limitativa
    La proposizione limitativa indica i limiti di ciò che viene detto nella reggente ("Per quel che ne so io, mi sa tanto che sarà bocciato").
    La forma esplicita è introdotta da per quello che, per quanto, secondo che... e i verbi sono all'indicativo o al congiuntivo.
    Il verbo è all'infinito nella forma implicita ed è preceduto da a, per, in quanto a ("A cantare, tutti si credono divi...").
  1. Interrogativa indiretta
    La proposizione interrogativa indiretta formula una domanda in forma indiretta, cioè dipende da un verbo come "chiedere", "domandare", e non ha un punto interrogativo alla fine. ("Dimmi dove sei andato."; "Chiedigli se parte oggi.")
    Può essere introdotta da:
    pronomi o aggettivi interrogativi: chi, quale, quanto;
    avverbi interrogativi: dove, da dove;
    congiunzioni che esprimono dubbio o interrogazione: quanto, come, perché, se.
    Nella forma esplicita, si usa l'indicativo quando si suggerisce un'informazione ("Dimmi chi ti ha infastidito."); si usa il congiuntivo se si esprime un dubbio ("Non so chi stia vincendo."); infine si usa il condizionale se la proposizione è introdotta da se ("A queste condizioni, non so se accetterebbe la scommessa").
    Nella forma implicita il verbo è all'infinito ("Non sapevo come spiegarglielo.").

 

Fonte: http://files.achillefolgieri.webnode.com/200000072-2de8f2ee32/Analisi%20del%20Periodo%201.doc

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

 


 

Analisi del periodo

 

ANALISI DEL PERIODO

 

 La frase


La frase è un insieme unitario di parole che, organizzato intorno a un verbo, esprime un messaggio di senso compiuto.
Essa può costituire da sola un testo:
Ieri Paolo e Laura hanno fatto una escursione in montagna.
oppure può unirsi ad altre frasi e costituire un testo più lungo:
Visto che finalmente era tornato il sereno, ieri Paolo e Laura sono partiti per la loro escursione in montagna. Hanno camminato quattro ore, ma una volta al rifugio vicino alla vetta hanno potuto riposarsi e rifocillarsi. Poi, verso le quattro, si sono rimessi in cammino e alle sette, prima che facesse buio, erano già a casa.
Le frasi, come si vede, oltre che essere costruite intorno a un verbo e avere un senso compiuto, hanno tutte un inizio e una fine ben marcati: la prima parola di ogni frase, infatti, ha l'iniziale maiuscola e l'ultima è sempre seguita dal punto (o da un altro segno di punteggiatura forte, come il punto interrogativo o il punto esclamativo).

La frase semplice e la frase complessa
Dal punto di vista della loro struttura, le frasi si distinguono in due tipi:
· la frase semplice o proposizione, in cui le parole che compongono la frase si organizzano intorno a un solo verbo, cioè a un solo predicato: Paolo legge.
· Ogni giorno, dall'inizio delle vacanze, mio fratello Paolo legge con passione un romanzo d'avventura o un racconto.
· la frase complessa o periodo, in cui le parole che compongono la frase si organizzano intorno a più verbi: Paolo legge e scrive tutto il giorno.
Le autorità aereoportuali hanno bloccato tutti i voli perché è scesa la nebbia e non sussistono le condizioni minime di sicurezza.

Ogni frase complessa è costituita da tante "parti" quanti sono i verbi in essa contenuti. Ognuna di tali "parti" si chiama proposizione:



                                                                                                                   
La «forma base» della frase semplice: la frase minima
La frase semplice o proposizione presenta una forma base - detta frase minima - costituita da un predicato, cioè un verbo di modo finito che contiene una informazione, e da tutti gli elementi assolutamente indispensabili per dare al predicato, e quindi alla frase, un senso compiuto.
Quando il predicato è costituito da un verbo intransitivo ("Il telefono squilla") o da un verbo transitivo usato in forma assoluta ("Paolo studia") o è formato da una voce del verbo "essere" seguita da un aggettivo o da un nome ("Il cielo è azzurro"; "Antonio è un ingegnere"), il predicato ha bisogno solo del soggetto per avere un senso compiuto e dare vita a una frase minima:






frase minima
                                                                          
In tutti gli altri casi, invece, perché la frase abbia senso compiuto e quindi risulti una frase minima, il verbo che costituisce il predicato ha bisogno, per avere un senso, oltre che del soggetto, di un altro elemento, per lo più l'oggetto dell'azione espressa dal verbo. Ci sono infatti verbi - tutti transitivi - che non hanno significato se non è indicato l'oggetto dell'azione che esprimono: è il caso di verbi come fare, salutare, dare, rimproverare, incontrare ecc. In questi casi, la struttura minima della frase è del tipo:





     frase minima                                                                           
L'espansione della frase minima
La frase minima, cioè la struttura di base della frase, costituita soltanto da soggetto e predicato, può espandere la sua forma arricchendosi di altri elementi che forniscono ulteriori precisazioni e informazioni relative al soggetto o al predicato o a entrambi. Così, la frase minima:

Il gatto dorme. può progressivamente espandersi:

· con l'aggiunta di una indicazione che completa il significato del verbo specificando dove il gatto dorme:

Il gatto dorme sul cuscino.

· con l'aggiunta di una indicazione che completa il significato del soggetto specificando di chi è il gatto in questione:

Il gatto della nonna dorme sul cuscino.

· con l'aggiunta di una indicazione che completa il significato dell'intera frase specificando quando il gatto della nonna dorme sul cuscino:

Durante la notte, il gatto della nonna dorme sul cuscino.

Le parole o, meglio, i gruppi di parole (sul cuscino, della nonna, durante la notte) che progressivamente hanno arricchito la frase minima "Il gatto dorme", aggiungendovi indicazioni non sempre indispensabili ma certo utili per ampliare il significato del messaggio, si chiamano complementi (perché "completano" il significato di uno degli elementi essenziali della frase o dell'intera frase) o espansioni (perché "espandono" tale significato) o determinanti (perché lo "determinano"). Oltre che mediante l'aggiunta di complementi, la frase minima può arricchire il proprio significato con altri elementi non sempre necessari alla sua esistenza come frase di senso compiuto, ma utili per la completezza del messaggio che si vuole trasmettere. Questi elementi sono:
· l'attributo, costituito da un aggettivo che si unisce a un nome per indicarne una qualità o per determinarlo meglio:
Durante la notte, il gatto soriano della nostra nonna materna dorme sul cuscino rosso.

· l'apposizione, costituita da un nome che, riferito a un altro nome, lo precisa o lo determina:

Durante la notte, Fufi, il gatto soriano della nostra nonna materna, dorme sul cuscino rosso.

· il predicativo, un aggettivo o un nome che completano il senso del predicato riferendosi al soggetto o all'oggetto della frase:

Durante la notte, Fufi, il gatto soriano della nostra nonna materna, dorme tranquillo sul cuscino rosso.

La frase complessa o periodo
La frase complessa o periodo è un testo costituito dall'unione di due o più proposizioni (o frasi semplici) in un'unica struttura di senso compiuto ed è chiusa tra due segni di interpunzione forte:












Un periodo è costituito da tante proposizioni quanti sono i predicati verbali o nominali che contiene.
Nel conteggio dei predicati, si deve tenere conto del fatto che, in alcuni casi, il predicato è costituito da più voci verbali. Formano, infatti, un solo predicato, pur essendo costituiti da più verbi:

· i verbi servili seguiti da un infinito: "Disse / che non poteva uscire";
· i verbi fraseologici seguiti da un infinito o da un gerundio: "Paolo stava per partire / quando è arrivata la tua lettera"; "Quando sono tornato / cominciava a piovere"; "Sto cercando / di capirci qualcosa".
La struttura del periodo: proposizione principale, proposizioni coordinate e subordinate
Un periodo è sempre costituito da una proposizione, detta principale o reggente, cui sono collegate altre proposizioni. Tale collegamento può avvenire in due modi:
· per coordinazione (o paratassi), quando alla proposizione principale si collega una proposizione ponendola sul suo stesso livello mediante una congiunzione coordinativa o mediante la semplice giustapposizione. Le proposizioni che si collegano alla principale per coordinazione si chiamano proposizioni coordinate:
Paolo legge           e        scrive tutto il giorno
proposizione principale          proposizione coordinata alla principale
· per subordinazione (o ipotassi), quando alla proposizione principale si collega una proposizione ponendola alle sue dipendenze mediante una congiunzione subordinativa o un altro elemento subordinante. Le proposizioni collegate per subordinazione alla proposizione principale, che in questo caso è detta anche proposizione reggente, si chiamano proposizioni subordinate:
Paolo legge molto                              prop. principale o reggente
                                                           
perchè ama le avventure romanzesche.          prop. subordinata
La proposizione principale è una proposizione che ha come caratteristica fondamentale quella di essere del tutto autonoma sia sul piano sintattico sia sul piano del significato. Proprio perché è tale, e quindi non ha bisogno per esistere di nessun'altra proposizione, è detta anche indipendente.
I vari tipi di proposizione indipendente
Le proposizioni indipendenti si distinguono in:
· proposizioni informative (o enunciative): vengono utilizzate per informare, cioè per enunciare un fatto, riferire un avvenimento, esprimere un giudizio o un'opinione. Possono essere affermative o negative e hanno come modo verbale l'indicativo, cioè il modo della realtà:

È arrivata una lettera per te.
Per te non è arrivata nessuna lettera.
La seconda guerra mondiale si è conclusa nel 1945.
Antonio è simpaticissimo.

· proposizioni volitive: sono usate per esprimere una "volontà", cioè un ordine (imperative), un'esortazione o un invito (esortative), un divieto (proibitive) o una concessione (concessive). Possono avere il verbo all'imperativo, al congiuntivo presente (detto appunto "congiuntivo esortativo") o all'infinito presente con valore di imperativo negativo:

Vieni subito qui!
Stia zitto!
Non toccare!
Esca pure!

· proposizioni desiderative (o ottative): sono usate per esprimere un desiderio, un augurio o un rimpianto. Sono spesso caratterizzate dal punto esclamativo /!/ e hanno il verbo al congiuntivo. Sono introdotte da interiezioni come oh, ah, dalla congiunzione se o da locuzioni come voglia il cielo che/volesse il cielo che:

Oh, se tu fossi qui!
Voglia il cielo che torni presto.

· proposizioni interrogative: vengono utilizzate per porre una domanda in forma diretta e hanno il tempo all'indicativo:

Quanto costa la tua moto nuova?
Dove vai?
Paolo è tornato? Oltre che all'indicativo, le interrogative possono avere il verbo anche al condizionale, se chi parla vuole esprimere una possibilità o formulare una richiesta in modo cortese: "Per favore, potrebbe indicarmi la strada per il centro?"; al congiuntivo, se chi parla vuole avanzare un dubbio in forma ellittica: "La nonna non ha risposto al telefono. Che sia uscita?"; o all'infinito: "Io partire con te?"; "Perché partire proprio adesso?". Esse si distinguono in:
- semplici, quando contengono una sola domanda: "Hai comperato le mele?";
- disgiuntive, quando contengono due domande poste in alternativa tra loro: "Andate al cinema o in discoteca?";
- reali, se esprimono una domanda vera, cioè una domanda di cui non si conosce la risposta: "Che ore sono?"; "Dove hai posteggiato l'automobile?";
- retoriche, se esprimono una domanda la cui risposta è data per scontata da chi pone l'interrogazione. In questo caso, la domanda è solo un procedimento espressivo usato per sottolineare una certa affermazione: "Che cosa c'è di più bello della libertà?" (= La libertà è la cosa più bella); "Chi mai potrebbe criticarti?" (= Nessuno potrebbe criticarti);

· proposizioni esclamative: sono usate per esprimere stupore, gioia, dolore o simili emozioni e hanno il verbo all'indicativo:

Paolo è tornato!
Come era divertente quel film!
Oltre che all'indicativo, le esclamative possono avere il verbo al congiuntivo imperfetto: "Fossi matto!"; al condizionale: "Che brutta vita sarebbe!"; e anche all'infinito: "Tu, partire da solo!". Talvolta il verbo viene lasciato sottinteso: "Che paura (ho provato)!";

· proposizioni dubitative: sono usate per esprimere, sotto forma di interrogazione, un dubbio, un'incertezza o una domanda cui è difficile o addirittura impossibile rispondere. Hanno per lo più il verbo all'infinito presente oppure sono costruite con i verbi servili dovere e potere all'indicativo o al condizionale, seguiti da un infinito:
Che fare? (= Non so assolutamente che cosa fare).
Chi potrà mai aiutarmi? (= Non so chi potrà mai aiutarmi).
A chi potrei rivolgermi? (= Non so a chi potrei rivolgermi).

Le proposizioni incidentali
Le proposizioni incidentali sono proposizioni di senso compiuto che si inseriscono nel periodo senza legami sintattici con le altre proposizioni, per esprimere un'osservazione, un commento o un chiarimento.
Di solito, nella lingua scritta, per sottolineare il loro carattere di inciso, sono racchiuse tra due virgole o tra due lineette:
Quella curva, lo capirebbe anche un bambino, è pericolosa.
Il sindaco - si mormora in paese - sta per dimettersi.
"Allora - aggiunse Paolo - io parto".
Talora, le incidentali sono introdotte da come o da altre congiunzioni che danno loro particolari sfumature di significato:
Mio fratello, come sai, studia ingegneria.
La biblioteca, se non ricordo male, riapre alla metà di settembre.
Queste cose, per intenderci, non mi piacciono.

La coordinazione o paratassi collega tra loro due o più proposizioni mettendole sullo stesso piano:
Paolo dorme                 e       Laura studia.

Le diverse forme di coordinazione
La coordinazione fra due o più proposizioni può essere realizzata in quattro differenti modi:
· per mezzo di una congiunzione coordinativa, come e, o, ma, tuttavia, dunque e simili:
Ceniamo in casa                   o      usciamo?
· per asindeto o giustapposizione, cioè accostando semplicemente le proposizioni l'una all'altra, senza ricorrere a congiunzioni e utilizzando, invece, per collegarle, i segni di punteggiatura debole (virgola e due punti):
Piombò sul posto   ,                         vide la situazione          ,           licenziò tutti

Aprì il frigo                  :            era vuoto
· per correlazione, cioè collegando le proposizioni l'una all'altra mediante pronomi o avverbi correlativi (chi... chi, alcuni... altri, gli uni... gli altri, questo... quello, ora... ora, prima... poi ecc.):
Chi arriva,                           chi parte.
· per polisindeto, cioè ripetendo la medesima congiunzione davanti a tutte le proposizioni del periodo:
e       si muove   e     si gratta     e    parla di continuo.

Le proposizioni coordinate
La proposizione coordinata è una proposizione che è legata a un'altra per coordinazione e che svolge, nel periodo, la medesima funzione sintattica della proposizione a cui si lega.
Una proposizione coordinata può essere legata a una proposizione principale e allora si chiama proposizione coordinata alla principale:

Tornò a casa stanchissimo  e      andò subito a letto
proposizione principale              proposizione coordinata alla principale
Una proposizione coordinata può anche essere legata a una proposizione subordinata, ovviamente dello stesso grado e dello stesso tipo, e si chiama proposizione coordinata alla subordinata:
Non abbiamo sciato                  

proposizione pricipale
                                                
perché le piste erano gelate     e         c'era un vento terribile
proposizione subordinata di 1°grado causale                        proposizione coordinata alla subordinata di 1° grado causale
I diversi tipi di proposizione coordinata
Le proposizioni coordinate, a seconda del tipo di congiunzione coordinativa che le introduce, possono essere:
· copulative, quando sono introdotte da una congiunzione copulativa, affermativa e o negativa , che le unisce quasi sommandole: "Siamo usciti e siamo andati al cinema"; "Non so dove abiti Sergio dove lavori";
· disgiuntive, quando sono introdotte da una congiunzione disgiuntiva, che le lega ponendole in alternativa, come o, oppure, ovvero: "Mangeremo una pizza o andremo al cinema";
· avversative, quando sono introdotte da una congiunzione avversativa, che le lega ponendole in contrapposizione, come ma, però, eppure, tuttavia, nondimeno: "Ho telefonato a Laura, ma non l'ho trovata";
· esplicative, quando sono introdotte da una congiunzione esplicativa, che le lega segnalando che la seconda spiega o precisa la prima, come cioè, ossia, infatti: "Paolo ce l'ha con me: infatti non mi ha telefonato";
· conclusive, quando sono introdotte da una congiunzione conclusiva, che le lega stabilendo tra esse un rapporto di conseguenza, come, dunque, perciò, pertanto, quindi: "Hai sbagliato, quindi è giusto che paghi";
· correlative, quando sono introdotte da congiunzioni correlative, che le legano strettamente facendo in modo che l'una richiami direttamente l'altra, come e... e, o... o, non solo... ma anche, sia... sia, né... né: " ha scritto ha telefonato".
La subordinazione o ipotassi collega, mediante una congiunzione subordinante, due proposizioni mettendole l'una in dipendenza dall'altra. In questo modo, una di esse funziona da reggente e l'altra, invece, detta appunto subordinata o dipendente o secondaria, dipende da essa:
Paolo dorme         prop. principale reggente
congiunzione subordinante  mentre                  
Laura studia.           

La coordinazione si limita a unire le proposizioni lasciando indeterminato il rapporto che le lega: "Paolo dorme e Laura studia". La subordinazione, invece, determina in modo preciso tale rapporto, specificando come va inteso. Così, nel caso del nostro esempio, la subordinazione, attuata mediante la congiunzione subordinante mentre, stabilisce tra i due fatti (Paolo dorme/Laura studia) un rapporto temporale: "Paolo dorme mentre Laura studia".

Le proposizioni subordinate
La proposizione subordinata o dipendente o secondaria è una proposizione che espande e arricchisce il significato di una proposizione indipendente, ma non può mai essere usata da sola, perché non ha alcun significato autonomo e non sta in piedi dal punto di vista sintattico. Essa, pertanto, per reggersi sintatticamente e per avere senso compiuto, deve inserirsi in un periodo, in dipendenza da una proposizione che abbia di per sé significato autonomo e che, appunto, la regge:
L'aereo è decollato                 prop. principale reggente
benché                                  
ci fosse una nebbia fittissima                
La proposizione subordinata retta dalla proposizione principale si chiama subordinata di 1° grado.
Una subordinata, però, può dipendere anche da un'altra proposizione a sua volta subordinata. In tal caso, la proposizione subordinata di 1° grado ha il doppio ruolo di proposizione dipendente e di proposizione reggente e la proposizione che essa regge si chiama subordinata di 2° grado. Da una subordinata di 2° grado può, poi, dipendere una subordinata di 3° grado e così via:

Vado da Mario                                     prop. principale reggente
per                                                            
restituirgli il vocabolario                           
che                                                           
mi ha prestato                                           
per                                                            
tradurre il brano di inglese                               
Dalla proposizione principale, per altro, possono dipendere direttamente anche più subordinate che, in tal caso, sono tutte di 1° grado:
Poiché
è molto timido
   
Mario è spesso così impacciato                     prop. principale reggente
   
da                                             
sembrare uno sciocco.             

Ad ogni proposizione subordinata, infine, possono essere collegate una o due proposizioni coordinate:
Vado da Mario                prop. principale                             
a                                                             
riportargli il vocabolario e                    ringraziarlo                   
La forma delle proposizioni subordinate: subordinate esplicite e implicite
Le proposizioni subordinate, dal punto di vista della forma, possono essere:
· esplicite (dal latino explicitus, 'espresso con chiarezza'), quando hanno il predicato costituito da un verbo di modo finito (indicativo, congiuntivo o condizionale):
L'imputato proclamò che era innocente.
Parlava piano perché nessuno lo sentisse.
Mi domando se verrebbe volentieri con noi.
Fammi sapere al più presto quando verrai in città.
Se uscirò presto dal lavoro, ti verrò a trovare.

· implicite (dal latino implicitus, 'chiuso, intricato'), quando hanno il predicato costituito da un verbo di modo non finito (infinito, participio, gerundio):
Morto il padre, i figli vendettero il podere.
Si allontanarono camminando rapidamente.
Sono qui per parlarti.
Dopo aver salutato tutti, l'uomo si alzò e se ne andò.

I diversi tipi di subordinazione
Le proposizioni subordinate, dal punto di vista delle funzioni che svolgono nel periodo, si distinguono in:
· subordinate completive (o sostantive o complementari dirette);
· subordinate relative (o attributive o appositive);
· subordinate circostanziali (o avverbiali o complementari indirette).
Le subordinate completive
Le proposizioni subordinate completive (o sostantive o complementari dirette) sono proposizioni dipendenti che completano il senso della proposizione reggente svolgendo nel periodo la medesima funzione che nella proposizione ha un sostantivo non preceduto da preposizione, cioè usato in funzione di soggetto o di complemento oggetto.

La proposizione soggettiva
La proposizione subordinata soggettiva è una proposizione subordinata che fa da soggetto al predicato della reggente:
È evidente                         che sei triste.               La tua tristezza            è evidente
                prop. subordinata soggettiva           soggetto           
Dipende sempre da verbi o locuzioni verbali impersonali o usati impersonalmente. In particolare, dipende:
· da verbi impersonali o usati impersonalmente alla 3a persona singolare, come accade, avviene, capita, bisogna, occorre, sembra, pare, dispiace, basta, importa, interessa ecc.: "Sembra che tutti siano d'accordo"; "Bisogna che partecipiate anche voi"; "Mi basta vederti ogni tanto"; "Bastava che arrivassi un'ora prima";
· da verbi costruiti con il si passivante, come si dice, si crede, si pensa, si teme, si spera: "Si dice che il sindaco si dimetterà"; "Si temeva che fossi già partito";
· da locuzioni verbali impersonali costituite dal verbo essere + un nome, come è ora, è tempo, è compito, è dovere, è una vergogna, è un piacere: "È ora di alzarsi"; "È un'indecenza che possano succedere queste cose"; "È dovere di tutti provvedere al bene comune";
· da locuzioni verbali impersonali costituite dai verbi essere, parere, sembrare, riuscire, venire, accompagnati da un aggettivo o da un avverbio in funzione di nome, come è bello, è brutto, è necessario, è tanto, è poco, è molto, è bene, è male, pare certo, sembra sicuro, pare opportuno, riesce facile, riesce difficile, viene opportuno ecc.: "È stato brutto da parte tua comportarti così"; "È tanto che non lo vedo"; "Sarà opportuno chiedere un prestito alla banca"; "Non ci sembra necessario informarli del nostro progetto"; "Mi riesce difficile immaginare una cosa simile".
Nella forma esplicita, la proposizione soggettiva è introdotta dalla congiunzione subordinante che e ha il verbo:
· all'indicativo, quando la reggente esprime certezza: "È chiaro che il responsabile sei tu";
· al congiuntivo, quando il verbo della reggente esprime possibilità, probabilità, dubbio, speranza e simili: "Si dice che il responsabile sia tu";
· al condizionale, quando il fatto indicato dalla soggettiva dipende da una condizione (espressa o sottintesa): "È chiaro che verrebbe volentieri (se potesse)".
Nella forma implicita, la proposizione soggettiva ha il verbo all'infinito, con o senza la preposizione di: "È ora di partire"; "Bisogna avvertire subito Paolo".
La proposizione oggettiva
La proposizione subordinata oggettiva è una proposizione subordinata che fa da complemento oggetto al predicato della reggente:
Desideriamo      che tu sia presente.                      Desideriamo      la tua presenza.
                         prop. subordinata oggettiva                                      complemento oggetto
Diversamente dalla soggettiva, la proposizione oggettiva dipende sempre da reggenti con il predicato costituito da un verbo usato in forma personale, cioè fornito di soggetto espresso o sottinteso. In particolare, può essere retta:
· da verbi che enunciano una dichiarazione, come dire, affermare, proclamare, comunicare, informare, rivelare, raccontare, riferire, promettere, scrivere, telegrafare, telefonare, rispondere, negare ecc.: "Gli zii hanno scritto che verranno qui a Natale"; "Ti prometto che rientrerò presto"; "Rispose che non sapeva nulla";
· da verbi che indicano percezione o ricordo, come vedere, sentire, udire, percepire, accorgersi, degnarsi, rifiutarsi, capire, dimenticare ecc.: "Ho sentito che stavano litigando"; "Ricorda che devi finire subito quel lavoro";
· da verbi o locuzioni che indicano opinione, giudizio, sospetto, dubbio o ipotesi, come credere, pensare, ritenere, giudicare, supporre, ipotizzare, convincere, essere conscio, essere consapevole, essere convinto, rendersi conto ecc.: "Credo che lo spettacolo finirà fra poco"; "Perché ritieni che abbia ragione Mario?"; "Si convinse di essere un incapace";
· da verbi o locuzioni che indicano concessione, speranza, desiderio, ordine, divieto, timore, come desiderare, sperare, comandare, vietare, impedire, proibire, permettere, concedere, promettere, temere, essere desideroso, essere timoroso ecc.: "Temo che non otterremo alcun risarcimento"; "Gli impediremo di fare altri danni".
Nella forma esplicita, l'oggettiva è introdotta dalla congiunzione subordinante che e ha il verbo:
· all'indicativo, se la reggente annuncia un fatto come reale o certo: "Paolo dice che gli hai mentito";
· al congiuntivo, se la reggente presenta il fatto come un'opinione o un'ipotesi: "Paolo crede che tu gli abbia mentito";
· al condizionale, se la reggente presenta il fatto come possibile: "Paolo pensa che saresti capace di mentirgli".
Nella forma implicita, invece, l'oggettiva è introdotta dalla preposizione di e ha il verbo all'infinito: "Spero di rientrare per le sette"; "Ricordati di passare dal meccanico". Come appare dagli esempi, la costruzione implicita dell'oggettiva, di norma, è possibile solo se il soggetto della reggente è lo stesso di quello dell'oggettiva. Essa, tuttavia, è possibile, anche se i soggetti non coincidono:
· con i verbi come ordinare, comandare, richiedere, proibire, vietare, impedire, concedere ecc.: "Il generale ordinò ai soldati di attaccare battaglia"; "Vi prego di tacere"; "Il medico ha proibito al nonno di alzarsi";
· con i verbi indicanti percezione, come sentire, udire, vedere ecc. In questo caso, però, l'infinito non è preceduto dalla preposizione di: "Sento abbaiare il cane"; "Vide arrivare i bambini di corsa". Con questi verbi, inoltre, l'oggettiva implicita può essere trasformata sia in un'oggettiva esplicita, sia in una dipendente relativa

La proposizione dichiarativa
La proposizione subordinata dichiarativa (o esplicativa) ha la funzione di chiarire o di spiegare in che senso si debba intendere un elemento della reggente, completando così il significato del periodo:

Questo mi rattrista, che tu sia infelice.
Ho la certezza che Paolo sia partito.
L'elemento della reggente spiegato dalla dichiarativa può essere:

· un pronome dimostrativo (questo, quello, ciò): "Su questo siamo tutti d'accordo, che la situazione si è fatta insostenibile!";
· un nome derivato da un verbo indicante opinione, convinzione, speranza ecc., come la speranza, la certezza, il sospetto, il timore, il pensiero, l'impressione, il fatto: "Mi sostiene la speranza che un giorno ti rivedrò"; "Ho l'impressione che tu menta"; "Ora hai la certezza che quell'uomo ti ha imbrogliato"; "Non contare troppo sul fatto che tutti ti stimano".
Nella forma esplicita, la dichiarativa è introdotta dalla congiunzione subordinante che e ha il verbo all'indicativo ("Di questo siamo certi, che siete persone oneste"), al congiuntivo ("Il pensiero che Paolo sia lontano mi rattrista"), o al condizionale ("Questo so di sicuro, che tu non mi avresti mai lasciato solo").
Nella forma implicita, la dichiarativa, che è usata solo se il suo soggetto coincide con quello della reggente, è introdotta dalla preposizione di e ha il verbo all'infinito: "Abbiamo paura di venire fraintesi"; "Questo sperava Claudio, di essere simpatico ai suoi amici".

La proposizione interrogativa indiretta
La proposizione subordinata interrogativa indiretta esprime una domanda, un interrogativo o un dubbio in forma indiretta, cioè ponendo la domanda, l'interrogativo o il dubbio in dipendenza da un'altra proposizione:
prop. interrogativa diretta                                  prop. sub. interrogativa indiretta
Quanti anni hai?                                                Ti ho chiesto quanti anni hai.
Chi ha telefonato?                                              Ditemi chi ha telefonato.
Che cosa dirai?                                                  Siamo in dubbio su cosa dirai.
È una persona onesta?                                      Non so se è una persona onesta.
Le interrogative indirette dipendono di norma da verbi, nomi o locuzioni esprimenti domanda, desiderio di sapere, ricerca, incertezza o dubbio. In particolare, possono dipendere:
· da verbi come chiedere, domandare, indagare, interrogare, ricercare, informarsi, cercare ecc. o da nomi di significato corrispondente come domanda, indagine, interrogazione ecc.: "Mi chiedo come dovrò comportarmi con lui"; "Il giudice ha avviato un'indagine su chi era il vero responsabile della ditta";
· da verbi o locuzioni di significato dichiarativo, come dire, sapere, indovinare, pensare, spiegare, far sapere ecc., spesso utilizzati all'imperativo: "Dimmi dove stai andando"; "Fammi sapere chi ci sarà alla festa"; "Non riesco a capire come abbia fatto";
· da verbi o locuzioni che esprimono dubbio e da nomi e aggettivi di significato corrispondente, come dubitare, ignorare, non sapere, non capire, essere incerto, non essere sicuro ecc.; dubbio, incertezza ecc.; dubbioso, incerto ecc.: "Tutti ignorano dove Laura sia andata in vacanza"; "Sono incerto se partire o no"; "Non so di chi stiate parlando".
Al pari delle dirette, le interrogative indirette sono introdotte:
· da un pronome o un aggettivo interrogativo: "Dimmi con chi esci"; "Non so con quali amici uscirò"; "Puoi dirmi che ore sono?";
· da un avverbio (dove, quanto, come, perché) in funzione di congiunzione subordinante o da una locuzione avverbiale interrogativa: "Gli agenti della stradale mi chiesero da dove venissi e dove andassi"; "Vorrei sapere quanto costa il biglietto per Roma"; "Dimmi perché sei così triste"; "Fammi sapere come hai fatto";
· dalla congiunzione se: "Non so se potrò venire".
Nella forma esplicita, l'interrogativa indiretta può avere il verbo:
· all'indicativo: "Dimmi dov'è";
· al congiuntivo, soprattutto quando si vuole sottolineare la componente dubitativa: "Non so dove sia";
· al condizionale, soprattutto quando sono introdotte dalla congiunzione se: "Non so se accetterebbe".
Le interrogative indirette implicite, che dipendono per lo più da verbi o da locuzioni di significato dubitativo, hanno il verbo all'infinito presente: "Non so come fare per arrivare in tempo"; "Nessuno sa dove andare".
Le subordinate relative
Le proposizioni subordinate relative sono proposizioni dipendenti che completano il senso del periodo determinando o espandendo un nome della reggente cui sono collegate mediante un pronome o un avverbio relativo. Esse svolgono nella frase la stessa funzione che nella proposizione hanno l'attributo e l'apposizione

Quando svolgono questa funzione, le relative sono dette anche attributive o appositive e sono considerate relative proprie. Quando invece svolgono, nel periodo, la funzione che nella proposizione hanno i complementi indiretti, sono considerate relative improprie o circostanziali.

La proposizione relativa propria
La proposizione subordinata relativa propria precisa un nome della reggente cui è collegata mediante un pronome o un avverbio relativi: Ho letto il libro che mi hai regalato. La proposizione relativa è introdotta:
· da un pronome relativo, come che, cui, il quale, o misto, come chi, chiunque: "Voglio conoscere il ragazzo con cui esci"; "Chi ha detto una cosa simile è un incompetente";
· da un avverbio relativo, come dove, da dove, o relativo indefinito, come ovunque, dovunque: "La città dove vivo è Bologna"; "Paolo si trova bene ovunque vada".
Nella forma esplicita, la relativa ha il verbo:
· all'indicativo, quando esprime un fatto presentandolo come certo e reale: "Ho conosciuto una persona che parla perfettamente il russo";
· al congiuntivo o al condizionale, quando indica un fatto come incerto, possibile, desiderato, temuto, ipotizzato e simili: "Ho bisogno di una persona che parli perfettamente il russo"; "Mi è stata presentata una persona che potrebbe aiutarci".
Nella forma implicita, la relativa ha il verbo:
· al participio, presente o passato, che di fatto può sempre essere risolto in forma di relativa esplicita: "Antonio, pur avendo studiato ingegneria, ora fa un lavoro non rispondente alle sue aspirazioni (= che non risponde alle sue aspirazioni)"; "Non mi è ancora arrivato il pacco spedito da Milano sette giorni fa (= che è stato spedito da Milano sette giorni fa)";
· all'infinito, introdotto da un pronome relativo in funzione di complemento indiretto: "Cerco una bella stoffa con cui foderare il divano"; "Avete trovato una baby sitter (a) cui affidare i bambini?";
· all'infinito, preceduto dalla preposizione da o senza alcuna preposizione. Anche in questo caso, la relativa implicita è risolvibile in una relativa esplicita: "Questo è l'abito da portare in tintoria (= che deve essere portato in tintoria)"; "Ho sentito il gatto miagolare (= che miagolava)".
La proposizione relativa impropria o circostanziale
La proposizione subordinata relativa assume spesso particolari sfumature di significato (temporale, causale, finale ecc.) che la portano a svolgere la medesima funzione delle varie subordinate circostanziali. In questo caso, più che di una vera relativa, si parla di una proposizione relativa impropria o, appunto, circostanziale, che può essere, a seconda della circostanza dell'azione che precisa:
· relativa-temporale: "Li ho incontrati che uscivano dal cinema (= mentre uscivano dal cinema)";
· relativa-causale: "Invidio Elena che è già in vacanza (= poiché è già in vacanza)";
· relativa-finale: "Chiamerò un idraulico che ripari il rubinetto (= affinché ripari il rubinetto)";
· relativa-consecutiva: "Vorrei una biro che non mi macchiasse le dita (= tale che non mi macchiasse le dita);
· relativa-concessiva: "Laura, che ha studiato inglese per tre anni (= pur avendo studiato inglese per tre anni), non è riuscita a tradurre quella poesia".
Le subordinate circostanziali
Le proposizioni subordinate circostanziali (o complementari indirette o avverbiali) sono proposizioni dipendenti che arricchiscono la proposizione da cui dipendono con precisazioni circostanziali (relative al fine, alla causa, all'occasione e simili di ciò che è detto nella proposizione stessa). Esse, dunque, svolgono nella frase la medesima funzione che nella proposizione svolgono i complementi indiretti e i complementi avverbiali:

A seconda della funzione logica che assolvono, sono chiamate, in perfetto parallelismo con i complementi indiretti ai quali corrispondono, proposizioni finali, causali, temporali ecc.

La proposizione finale
La proposizione subordinata finale indica il fine o lo scopo cui è diretta l'azione espressa nella proposizione reggente: Faremo di tutto perché tu sia felice. La finale esplicita è introdotta da congiunzioni o locuzioni come perché, affinché, che, onde, acciocché, in modo che e ha sempre il verbo al congiuntivo: "Ritirerò gli oggetti più pregiati affinché i bambini non li rompano"; "La donna ritirò gli oggetti più pregiati affinché i bambini non li rompessero".
La finale implicita è introdotta dalle preposizioni per, a, da, dalla congiunzione onde, dalle locuzioni con lo scopo di, al fine di, in modo di, nell'intento di e simili e ha sempre il verbo all'infinito: "Sono venuto qui per vederti"; "Bisogna impegnarsi molto per farcela"; "Luca è salito a lavarsi"; "Anna segue una dieta allo scopo di dimagrire"; "Pensateci bene, onde non pentirvi in futuro".

La proposizione causale
La proposizione subordinata causale indica la causa o la ragione per cui si compie l'azione o si verifica la situazione espressa nella reggente:
Non esco perché sono stanco.
Antonio è stato male per aver mangiato troppo alla festa di Paolo.
La causale esplicita è introdotta dalle congiunzioni e dalle locuzioni perché, poiché, giacché, che (usata invece di perché nel linguaggio familiare: "Dormi, che è tardi"), siccome, per il fatto che, dato che, dal momento che. Ha il verbo:

· all'indicativo, quando indica una causa reale: "Torno a casa perché è tardi"; "Siccome pioveva, la donna non uscì";
· al congiuntivo, quando indica una causa fittizia, cioè una causa solo ipotizzata ma non vera: "Antonio batteva i denti non perché avesse freddo (= causa ipotizzata), ma perché era terrorizzato (= causa reale) dalla situazione";
· al condizionale, quando la causa addotta ha un valore soggettivo, eventuale o potenziale: "Non parlare perché potresti pentirti"; "Taci, che vorrei studiare".
La causale di forma implicita, invece, è costruita:
· con il gerundio: "Essendo molto stanco, preferì non uscire";
· con il participio passato: "Spaventato dalle brutte notizie, rinunciò al viaggio";
· con l'infinito preceduto da per, di, a: "Il bracconiere pagò una multa per aver ucciso un capriolo"; "Ti ringrazio di avermi aiutato"; "Quei due sono stati fortunati ad avere dei genitori così".
Come si vede dagli esempi, la costruzione implicita della proposizione causale è possibile solo se il soggetto della causale è espresso o coincide con quello della reggente.
La proposizione consecutiva
La proposizione subordinata consecutiva indica la conseguenza o l'effetto di quanto è detto nella reggente: Il film era così divertente che tutti in sala ridevano. Nella forma esplicita, è introdotta dalla congiunzione che, anticipata nella reggente dagli avverbi così, tanto, talmente ecc. o dagli aggettivi tale, siffatto, simile ecc., oppure dalle congiunzioni composte cosicché, sicché, talché o dalle locuzioni congiuntive in modo tale che, al punto che ecc. La consecutiva esplicita ha il verbo:
· all'indicativo, se la conseguenza è reale: "Laura è così bella che le sta bene qualsiasi pettinatura"; "Si offese talmente che non ci parlò per anni"; "Ero tanto stanco che non riuscivo a dormire";
· al congiuntivo, quando la consecutiva esprime una possibilità o un'eventualità: "Il messaggio in segreteria deve essere formulato in modo tale che tutti lo possano capire";
· al condizionale, quando il verificarsi della conseguenza è subordinato a una condizione: "È così generoso che aiuterebbe tutti".
Nella forma implicita, la consecutiva è introdotta dalla preposizione da e ha il verbo all'infinito. La costruzione implicita della consecutiva è possibile solo se il suo soggetto coincide con quello della reggente: "Antonio è così ingenuo da credere a qualsiasi sciocchezza"; "Si stancò tanto da ammalarsi".
La proposizione temporale
La proposizione subordinata temporale indica quando si verifica, si è verificato o si verificherà quanto è detto nella reggente: Quando ti vedo, sono contento. Nella forma esplicita, la temporale è introdotta da varie congiunzioni e locuzioni congiuntive che indicano:
· contemporaneità fra l'azione espressa dalla subordinata e quella espressa dalla reggente, come quando, mentre, allorché, allorquando, come, al tempo in cui, nel momento in cui. In questo caso la temporale ha il verbo all'indicativo: "Quando ridi, sei bellissima"; "Mentre dormivamo, ha piovuto a dirotto"; "Tutto questo succedeva all'epoca in cui abitavamo ancora in campagna";
· posteriorità dell'azione espressa dalla reggente rispetto a quella della subordinata, come dopo che e una volta che. Il verbo è all'indicativo: "Dopo che ebbe parlato, si alzò e uscì";
· anteriorità dell'azione espressa dalla reggente rispetto a quella della subordinata, come prima che. Il verbo è al congiuntivo: "Poco prima che tu uscissi, ha telefonato Laura";
· altri rapporti cronologici fra la reggente e la subordinata, come da quando, finché, fino a che, fin quando, fin da quando, a mano a mano che, ogni volta che, tutte le volte che ecc. Il verbo è all'indicativo: "Da quando ho cambiato lavoro, mi sento più tranquillo"; "Finché non mi consegneranno l'auto nuova, andrò in ufficio a piedi"; "A mano a mano che avanzavamo, il sentiero si faceva più stretto".
Nella forma implicita, le temporali possono avere il verbo:
· all'infinito, introdotto da nel, prima di, dopo (di): "Nel salutarli, mi commossi"; "Rifletti, prima di parlare"; "Dopo aver lavato l'automobile, taglierò l'erba del giardino";
· al gerundio: "Tornando dall'ufficio, passerò in banca";
· al participio passato, solo o introdotto dalle locuzioni una volta, (non) appena e simili: "Finito il lavoro, gli operai smontarono l'impalcatura"; "(Una volta) arrivati, decideranno il da farsi". In taluni casi, il participio passato può essere seguito anche dalla congiunzione che e da una voce dei verbi essere o avere: "Finito che ebbe di scrivere la lettera, l'uomo andò subito a letto".
Come appare dagli esempi, la costruzione implicita è possibile solo se c'è identità di soggetto tra la temporale e la reggente.
La proposizione locativa
La proposizione subordinata locativa indica la posizione nello spazio in cui ha valore quanto è detto nella reggente: Dove lo zio viveva da ragazzo, hanno costruito un ipermercato con quattro parcheggi.
Da dove abito, vedo il mare. Esiste solo in forma esplicita, introdotta da un avverbio o da una locuzione avverbiale di luogo come dove, da dove, nel punto in cui, dal luogo in cui, con il verbo all'indicativo.

La proposizione modale
La proposizione subordinata modale indica il modo in cui si svolge l'azione espressa nella reggente: Comportati come ti sembra più opportuno.
Venne verso di noi urlando minacciosamente.
Il convoglio entrò in stazione sferragliando rumorosamente. Nella forma esplicita, essa è introdotta:

· dalle congiunzioni e dalle locuzioni come, nel modo che, nel modo in cui, con il verbo all'indicativo quando la modale esprime una circostanza certa e reale ("Ho cucinato il pesce come mi avevi suggerito tu"; "Tutto si è svolto nel modo che avevamo previsto") e al condizionale, quando la modale esprime un'opinione soggettiva o una circostanza di dubbio e di possibilità ("Mi consigliò proprio come avrebbe fatto mio padre");
· dalle congiunzioni e locuzioni come se, comunque, quasi che e simili, con il verbo al congiuntivo perché esprimono un'ipotesi: "Spende come se fosse la persona più ricca del mondo"; "Comunque vadano le cose, non devi preoccuparti"; "Si alzò improvvisamente dalla poltrona quasi fosse stato punto da uno spillo".
Nella costruzione implicita, che è possibile solo se c'è identità di soggetto con la reggente, la proposizione modale ha il verbo al gerundio presente o all'infinito preceduto da con o da a: "Li rimproverò parlando dolcemente"; "Il vecchio signore si diresse verso la pineta camminando a passi lenti"; "Con lo stare sempre zitto, si è reso antipatico a tutti"; "I due ragazzi passano l'intera serata a suonare la chitarra".
La proposizione strumentale
La proposizione subordinata strumentale indica l'azione o la circostanza mediante la quale si realizza quanto è espresso nella reggente: Sbagliando s'impara.
Ci commosse piangendo.
A furia di urlare, il figlio di mia sorella si fece sentire da tutto il vicinato.
Mario è diventato forte e robusto facendo molto sport.
A forza di insistere, l'abbiamo convinto.
Riflettendo su quanto era accaduto, comprese che sarebbe stato meglio per lui andarsene. La proposizione strumentale ha sempre e soltanto forma implicita, con il verbo al gerundio oppure all'infinito, preceduto dall'articolo e retto dalla preposizione con o introdotto da una locuzione come a furia di, a forza di.

La proposizione concessiva
La proposizione subordinata concessiva indica la circostanza nonostante la quale avviene il fatto espresso nella reggente. È così chiamata perché ammette - "concede" - l'esistenza di qualcosa che potrebbe costituire un ostacolo a che avvenga quanto è detto nella reggente, ma che, di fatto, non impedisce che avvenga: Benché sia aprile, fa ancora molto freddo.
Pur avendo pagato in contanti, non abbiamo ottenuto nessuno sconto. La proposizione concessiva può avere forma esplicita o implicita. Nella forma esplicita, la concessiva è introdotta:

· dalle congiunzioni e dalle locuzioni benché, sebbene, quantunque, nonostante, malgrado che, per quanto, con il verbo al congiuntivo: "Benché sia tardi, non ho sonno"; "Nonostante sia senza soldi, non vuole lavorare"; "Per quanto sia basso di statura, Luca è un ottimo giocatore di pallacanestro";
· dalle locuzioni anche se, neanche se, nemmeno se, con il verbo all'indicativo: "Anche se sono gemelle, Lia e Pia non si assomigliano per nulla";
· da aggettivi e pronomi indefiniti come chiunque, qualunque, qualsiasi, checché, con il verbo sempre al congiuntivo: "Qualunque cosa tu dica, non ti credo".
La concessiva implicita, che deve avere sempre lo stesso soggetto della reggente, ha il verbo al gerundio, preceduto da pur(e) o anche, oppure al participio passato, preceduto da sebbene, benché, quantunque e simili: "Pur essendo stato ferito, il cervo riuscì a fuggire"; "Anche lavorando tutta notte, non ce la faremo"; "Benché sconsigliato, non rinunciò al suo progetto".
La proposizione condizionale e il periodo ipotetico
La proposizione subordinata condizionale (o ipotetica) esprime la condizione da cui dipende l'avverarsi di quanto è espresso nella reggente:
Se nevicasse tutta la notte, domani potremmo sciare (= il fatto di sciare potrà realizzarsi solo nell'ipotesi che nevichi tutta la notte).
Nella forma esplicita, la condizionale è introdotta:

· per lo più, dalla congiunzione se con il verbo all'indicativo o al congiuntivo, a seconda che esprima un'ipotesi certa e reale: "Se esci, vengo con te" o un'ipotesi solo possibile o addirittura irreale: "Se continuasse a piovere, il fiume strariperebbe"; "Se tu fossi rimasto, questo non sarebbe successo";
· dalle congiunzioni o dalle locuzioni qualora, purché, nel caso che, nell'ipotesi che, a patto che, nell'eventualità in cui, con il verbo sempre al congiuntivo: "Qualora si verificassero degli imprevisti, te lo faremo sapere"; "Nel caso che il treno fosse in ritardo, perderemmo la coincidenza"; "Gli presto il motorino a patto che me lo riporti tra un'ora esatta".
Nella forma implicita, che richiede l'identità del soggetto tra subordinata e reggente o l'esplicitazione del soggetto stesso, la condizionale ha il verbo:
· al gerundio presente: "Continuando con questo ritmo (= se continuiamo con questo ritmo), finiremo il lavoro entro una settimana";
· al participio passato, da solo o preceduto dalla congiunzione se: "Se ben truccata (= se fosse ben truccata), Maria sembrerebbe carina"; "Ogni lavoro riesce meglio, eseguito con calma (= se viene eseguito con calma)";
· all'infinito presente, preceduto dalla preposizione a: "A lasciarlo fare (= se lo si lascia fare), è un disastro".
Il periodo ipotetico
La proposizione subordinata condizionale insieme alla sua reggente forma un'unità logica detta periodo ipotetico, cioè un periodo fondato su un'ipotesi da cui può o potrebbe derivare una conseguenza:





periodo ipotetico
                                                                    

Nel periodo ipotetico, la proposizione subordinata condizionale, che contiene l'ipotesi, si chiama pròtasi (dal greco prótasis, 'premessa') perché esprime la premessa, cioè la condizione da cui dipende quanto si dice nella reggente.
La proposizione reggente si chiama invece apòdosi (dal greco apódosis, 'conseguenza'), perché esprime la conseguenza che deriva o deriverebbe dal realizzarsi della condizione indicata nella proposizione subordinata:



pròtasi
= prop. subordinata condizionale
                                                      apòdosi
= prop.reggente
                      


periodo ipotetico
                                                                    



apòdosi
= prop.reggente
                         pròtasi
= prop. subordinata condizionale
                                           


periodo ipotetico
                                                                    

Il periodo ipotetico, a seconda del grado di probabilità dei fatti indicati nella pròtasi, può essere di tre tipi:

· periodo ipotetico della realtà: è quello in cui l'ipotesi espressa nella proposizione condizionale è presentata come un fatto reale e sicuro. Ha il verbo all'indicativo tanto nella pròtasi quanto nell'apòdosi, perché l'indicativo è il tempo della realtà:
Se vuoi, ti accompagno (= realtà nel presente).
Non sarai promosso se non ti impegnerai (= realtà nel futuro).
Se non sei partito, è stata solo colpa tua (= realtà nel passato).

Nell'apòdosi, talora, il verbo è all'imperativo:
Se piove, mettiti l'impermeabile.

· periodo ipotetico della possibilità: è quello in cui l'ipotesi è presentata come soltanto possibile, perché il fatto espresso nella pròtasi non è accaduto, ma potrebbe accadere. Ha il verbo al congiuntivo imperfetto nella pròtasi e al condizionale presente o all'imperativo e talora anche all'indicativo nella apòdosi:
Se lo incontrassi, glielo chiederei.
Se gli parlassi tu, forse accetterebbe.
Se ti chiamasse, va' subito.
Se fosse davvero così, io non ci sto.

· periodo ipotetico dell'irrealtà: è quello in cui l'ipotesi espressa nella pròtasi è non vera o impossibile, perché riguarda un fatto che non si può realizzare o che avrebbe potuto accadere ma non è mai accaduto. In questo caso, il verbo è al congiuntivo imperfetto nella pròtasi e al condizionale presente nell'apòdosi se l'ipotesi irrealizzabile si riferisce al presente:
Se fossi in te, non mi comporterei così.
Se, invece, l'ipotesi irrealizzabile si riferisce al passato, il verbo è al congiuntivo trapassato nella pròtasi e al condizionale passato nell'apòdosi:
Se fossi stato informato dell'accaduto, sarei partito.

Periodo ipotetico della realtà
pròtasi                                                               apòdosi
- indicativo                                                         - indicativo
- imperativo

Periodo ipotetico della possibilità
pròtasi                                                               apòdosi
- congiuntivo imperfetto                                     - condizionale presente
- imperativo
- (indicativo)

Periodo ipotetico dell'irrealtà
pròtasi                                                               apòdosi
- congiuntivo imperfetto                                     - condizionale presente
- congiuntivo trapassato                                     - condizionale passato
La proposizione eccettuativa
La proposizione subordinata eccettuativa indica una particolare circostanza a parte la quale è vero o avviene quanto espresso nella reggente:
Il contratto sarà firmato domani, salvo che si verifichino degli imprevisti.
Tranne che dar fuoco alla casa, quei due bambini hanno combinato di tutto. Nella forma esplicita, essa è introdotta dalle congiunzioni e dalle locuzioni fuorché o tranne che, eccetto che, salvo (che), se non che, a meno che (non), con il verbo all'indicativo per indicare un fatto reale ("Mario e Andrea si assomigliano molto, salvo che Andrea è più alto") e, più spesso, al congiuntivo: "Domani giocherò a tennis, a meno che non piova a dirotto".
Nella forma implicita, ha il verbo all'infinito introdotto dalle stesse congiunzioni e locuzioni: "Non possiamo far nulla, tranne che aspettare"; "Avrebbe fatto qualsiasi cosa, fuorché lavorare"; "Non ho potuto fare niente, se non che consigliarlo di venire da te".

La proposizione esclusiva
La proposizione subordinata esclusiva indica un fatto che viene escluso, che cioè si nega si sia verificato impedendo in qualche modo il fatto espresso nella principale:
L'animale entrò in giardino, senza che nessuno se ne accorgesse.
La donna si alzò dal letto, senza fare alcuno sforzo.
Nella forma esplicita, è introdotta dalla locuzione congiuntiva senza che o dalla congiunzione che seguita da un non e ha il verbo al congiuntivo: "Ha preparato tutto, senza che nessuno lo aiutasse"; "Non passa giorno che non si faccia vivo con una telefonata".
Nella forma implicita, è introdotta dalla congiunzione senza e ha il verbo all'infinito: "Laura è partita, senza salutare nessuno".

La proposizione aggiuntiva
La proposizione subordinata aggiuntiva aggiunge una circostanza accessoria a quanto è detto nella reggente:
Oltre a essere simpatico, quel tuo amico è anche intelligente.
Oltre che occuparsi personalmente di ogni cosa, il poveretto dovrebbe pagare tutto di tasca sua.
Di norma è usata in forma implicita, introdotta dalle locuzioni congiuntive oltre a e oltre che, con il verbo all'infinito.
La forma esplicita, introdotta dalla locuzione congiuntiva oltre che con l'indicativo, è ormai disusata: "Oltre che non ci sei mai, fai anche il prepotente".

La proposizione limitativa
La proposizione subordinata limitativa serve a limitare il significato di quanto è espresso nella reggente, specificando limitatamente a quale ambito va inteso ciò che in essa si dice:
Per quanto ne so io, Laura è ancora al mare.
In quanto a dire sciocchezze, non lo batte nessuno.
Nella forma esplicita, essa è introdotta:

· da locuzioni congiuntive come per quello che, per quanto, secondo quello che, secondo quanto, limitatamente a ciò che, in base a quello che e ha il verbo all'indicativo: "Per quanto è stato possibile, abbiamo rimediato ai suoi errori"; "Secondo quanto afferma lui, non ci sono difficoltà"; "Per quel che ne so io, domani i negozi sono chiusi";
· dalla congiunzione che, con il verbo al congiuntivo: "Che io sappia, un fenomeno simile non si è mai verificato".
Nella forma implicita, è introdotta da a, da, per oppure da (in) quanto a, relativamente a e ha il verbo all'infinito: "Quanto a lavare l'auto, ci penso io"; "Il programma è facile da installare, ma difficile da usare"; "Per andare, va ancora"; "A dire fandonie, è un campione".
La proposizione comparativa
La proposizione subordinata comparativa contiene un confronto con ciò che si dice nella reggente oppure stabilisce con essa un rapporto di analogia o di diversità:
Sei arrivato più tardi di quanto temevo.
L'esame è stato meno facile di quanto avessi previsto.
Paolo è davvero simpatico come pensavo.
Nella forma esplicita, essa può essere di tre tipi:

· di maggioranza, introdotta da più... che, più... di quello che, più... di quanto, meglio che, meglio di quanto;
· di uguaglianza, introdotta da così... come, tanto... quanto, tanto... come;
· di minoranza, introdotta da meno... di come (di quanto, di quello che), meno... che, peggio di come (di quanto, di quello che), peggio che.
In tutti e tre i casi, essa ha il verbo:
· all'indicativo, se il confronto è tenuto sul piano della certezza: "Il tempo è peggiore di quello che speravo"; "Sergio non è simpatico come sembra";
· al congiuntivo, se il confronto è su un piano di eventualità o probabilità: "Le vacanze sono state meno divertenti di quanto avessimo sperato";
· al condizionale, se il confronto è tenuto su un piano puramente soggettivo: "Carlo spende più di quanto dovrebbe".
Nella forma implicita, la comparativa è introdotta da piuttosto che, più che e ha il verbo all'infinito: "Preferisco andarmene piuttosto che stare qui con te"; "Parlava più che agire".
La proposizione avversativa
La proposizione subordinata avversativa indica un fatto o una circostanza che risultano contrari a quelli espressi nella reggente:
A Torino nevica, mentre in Liguria c'è il sole.
Invece di consultarci, ha fatto tutto di testa sua.
Nella forma esplicita, essa è introdotta dalle congiunzioni quando, mentre (spesso rafforzate dall'avverbio invece) e laddove e ha il verbo:

· all'indicativo: "Claudio è arrivato oggi mentre lo aspettavamo per domani";
· al condizionale, se la circostanza è presentata in forma soggettiva: "Continuava a parlare, laddove avrebbe fatto meglio a tacere".
Nella forma implicita, è introdotta da locuzioni come invece di, anziché, in luogo di, al posto di ecc. e ha il verbo all'infinito: "Anziché ridere, ascoltami"; "Invece di aiutare, ci fa perdere tempo".

 

Fonte: http://files.achillefolgieri.webnode.com/200000073-7e8f77f897/Analisi%20del%20Periodo%202.doc

sito web : http://files.achillefolgieri.webnode.com/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

 

Analisi del periodo

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

Analisi del periodo

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

 

Analisi del periodo