Punteggiatura italiana regole

 

 


 

Punteggiatura italiana regole

 

I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

 

FUNZIONI DELLA PUNTEGGIATURA


1. Funzione segmentatrice: consiste nel separare tra loro diversi elementi di un testo, evitando possibili ambiguità. Esempio:
I gitanti che erano arrivati in ritardo persero il treno (=non tutti i gitanti).
I gitanti, che erano arrivati in ritardo, persero il treno (=tutti i gitanti).
2. Funzione temporale: la punteggiatura può scandire la successione temporale dell’azione. Esempio:
“Il tennis - rispose Carla; dopo di che andarono ciascuno nella propria stanza” (A. Moravia)
3. Funzione emotiva: alcuni segni interpuntivi danno indicazioni sull’intonazione e sul significato. Esempio:
Hai capito ?
Hai capito !
Hai capito…
4. Funzione di commento: si ha quando un segno interpuntivo attira l’attenzione sul senso di una o più parole. Ad esempio quando mettiamo una parola tra virgolette per segnalarne un uso improprio o particolare. Esempio:
Durante la dittatura di Pinochet sono “sparite” molte persone

SEGNO PER SEGNO


Il punto


REGOLE: Il punto si usa quando c’è un’interruzione forte, o per indicare che si cambia argomento o perché su un argomento trattato si aggiungono informazioni di diverso tipo.
CONSIGLI PRATICI: Il punto si mette sempre in coda ad un’abbreviazione (pag.=pagina) o nel mezzo di una contrazione (gent.ma prof.ssa = gentilissima professoressa); se un periodo termina con un’abbreviazione, il punto non si ripete, ad esempio: le città di Roma, Milano, Torino, ecc. (e non “ecc..”). Come hai appena letto…se un periodo finisce con una parentesi, il punto si mette fuori della parentesi !
ARTE: Cerchiamo il punto là dove è incluso in un’altra parola: appuntare qualcosa significa segnare solo alcune parole per richiamarne alla mente altre. L’appunto è una parola ricca di altri sensi. Un “appuntamento” è qualcosa che si attende e che allo stesso tempo dobbiamo ricordare: è qualcosa che abbiamo fissato nel passato e ci attende nel futuro. Una “puntura” è un dolore concentrato in un solo luogo. Uno “spunto” è l’azione di togliere una punta (“spuntare”) ed è anche un’idea, un’astuzia, lo spunto è anche quel qualcosa in più che serve per risolvere una situazione, nello sport lo “spunto” è quella energia in più, spesa nel punto giusto, che permette di vincere una gara: lo spunto vincente ! Nella pratica medica si usano “punti” di sutura, negli uffici invece un “punto” è una graffetta, che tiene insieme i fogli. Il punto è allo stesso tempo una porta che chiudiamo alle nostre spalle e un legame con ciò che verrà dopo: ciò che viene dopo un punto non potrà mai più dimenticare quello che prima del punto è stato detto. Il punto sottolinea il ritmo del testo, le pause, i ritorni, i rallentamenti, le accelerazioni, indica il ritmo del tempo e della memoria, indica il movimento della nostra vita, che è fatta di tempo e memoria. Il punto è come il nostro respiro: è il respiro della lingua, ora sereno, ora affannato.


Il punto interrogativo


REGOLE: Il punto interrogativo si usa quando vogliamo dare un’intonazione interrogativa a un periodo.
CONSIGLI PRATICI: Non si mette il punto interrogativo dopo un’interrogativa indiretta (“le chiesi qual era il suo nome”); dopo il punto interrogativo si usa la lettera maiuscola (a volte possiamo trovare la minuscola se una prima frase interrogativa è seguita da altre interrogative da essa dipendenti).
ARTE: Non c’è segno d’interpunzione che più di questo implichi la presenza di un altro, fosse anche un altro se stesso. Dietro il punto interrogativo si nasconde l’incontro con l’altro, è un segno che porta con sé terrore e apertura, ansia e speranza. Ci propone un enigma e ci lascia in silenzio a cercare una risposta. Il punto interrogativo ci offre la possibilità di trovare una risposta possibile alle nostre domande: è il segno della speranza, perché la vera disperazione è una vita senza domande.


Il punto esclamativo


REGOLE: È il segno che denota l’intonazione esclamativa. In passato era anche chiamato punto “affettuoso”, “appassionato”, “ammirativo”, perché esprime anche questi sentimenti.
CONSIGLI PRATICI: Dopo questo segno si usa in genere la maiuscola. Possiamo trovare la minuscola solo se non si crea nella frase una pausa, ma una semplice intonazione.
ARTE: Il punto esclamativo è l’interpunzione della giovinezza ! Abbonda nei quaderni e nei diari dei ragazzi, diventando spesso triplice (!!!). A volte non lo si scrive, ma lo si disegna con uno spessore ! È il segno della nostra personalità, dei nostri affetti e delle nostre scelte più profonde: questa idea non la cambio ! Questo sono io e mi va di gridarlo a tutti !!!


La virgola


REGOLE: È il segno grafico che indica la pausa più breve e serve per separare tra loro le proposizioni all’interno di un periodo; serve anche per separare complementi, apposizioni e attributi all’interno di una frase. È il segno interpuntivo che dipende maggiormente dalle scelte di chi scrive.
CONSIGLI PRATICI: La virgola si usa negli elenchi di nomi e aggettivi, per separarli tra loro (“Mi piacciono Vasco, Ligabue, Renga e Antonacci”); In genere non si mette la virgola davanti ad “e, o, né”, però se queste congiunzioni non indicano un legame logico tra le due frasi possiamo anche trovarla (“Date qui, e andata innanzi” scriveva Alessandro Manzoni); è consigliabile usare la virgola prima delle apposizioni (“Ecco Michele, fratello di Carla”), prima e dopo un vocativo (“Insomma, caro figliolo, io non ho colpa”), prima e dopo un inciso (“Non mi piace, a dire il vero, il tuo comportamento”). Non si deve usare la virgola per separare: verbo e complemento oggetto (non si scrive: “Ho letto, un bel libro”), verbo essere e parte nominale (non si scrive: “Totti è, un fuoriclasse”), soggetto e verbo (non si scrive: “Mario, gioca a calcio”). Non si usa la virgola prima di complementi introdotti da preposizioni (non si scrive, ad esempio: “Mi intristiscono le giornate, di pioggia”).
ARTE: La virgola è il segno più libero, indipendente e creativo che possediamo. Esistono delle regole, e la virgola incurante se le scrolla di dosso, non le sopporta, punto e basta. È una via di fuga dal carcere della grammatica verso la libertà del puro suono, del ritmo per il ritmo. È il tentativo più riuscito di far assomigliare il senso di uno scritto al suono della voce: il significato di una parola all’uomo che la dice.


Il punto e virgola


REGOLE: Segno grafico che introduce un membro del periodo in posizione autonoma rispetto all’antecedente. Segna un distacco, più forte della virgola, tra parti di uno stesso periodo.
CONSIGLI PRATICI: Il punto e virgola assolve nel periodo la stessa funzione che la virgola ha nella frase, può servire a dividere le diverse proposizioni che costituiscono un periodo.
ARTE: Il punto e virgola è il segno ambiguo per eccellenza; è uno e doppio, ma pur se doppio è praticamente introvabile nella gran parte degli scritti che ci capita di leggere. Per capire cosa ci vuol dire il punto e virgola non dobbiamo pensarlo come una “media” tra la pausa breve della virgola e quella lunga del punto. Il punto e virgola rappresenta la possibilità che una cosa sia allo stesso tempo se stessa e il suo contrario: è un collegamento che chiude e una chiusura che collega; una separazione che unisce e un’unione che separa…è il segno della vertigine. Il punto e virgola è il segno col quale possiamo rimandare l’avvento del punto, della fine, della certezza: esso è allora anche il segno della complessità, del dubbio sistematico, dell’allontanamento da un giudizio finale in nome del piacere dell’argomentazione.


I due punti


REGOLE: Segno grafico che serve ad introdurre un chiarimento o un approfondimento su quanto illustrato in precedenza.
CONSIGLI PRATICI: I due punti servono: a) ad introdurre la conseguenza logica di quanto espresso nella reggente (“La palla entrò in rete: tutto lo stadio si alzò in piedi”): causa-effetto; b) ad introdurre nuovi dettagli su quanto già detto: funzione descrittiva; c) ad introdurre una frase che ha, rispetto a quella che la precede, il valore di un’apposizione (“Ho lavorato ai Caraibi: una specie di vacanza”): funzione appositiva; d) ad introdurre il discorso diretto, seguiti dalle virgolette. Bisogna evitare i due punti nel discorso indiretto dopo un verbo di “dire” (non si scrive “ha detto: una cosa che non condivido”).
ARTE: Quello che fanno i due punti è: promettere. Questo segno apre una piccola suspence. È anche l’annuncio di un dono: dopo i due punti ci sarà regalata, svelata, una conoscenza ulteriore. Sono il fiocco rosso che racchiude e nasconde il dono: i due punti ci fanno sapere che dopo una breve attesa (l’attesa, si sa, rende più forte il piacere di una conquista) la nostra voglia di conoscere sarà soddisfatta. A meno che non si affaccino, come accade nelle poesie di Edoardo Sanguineti, su un baratro imprevisto, sul silenzio misterioso del rigo bianco:


I puntini di sospensione


REGOLE: Serie di tre punti posti in fine di un periodo per significare una conclusione implicita. Se si trovano all’inizio di un periodo indicano che il discorso è la continuazione di un altro discorso già iniziato.
CONSIGLI PRATICI: Possiamo usare i puntini per indicare un’esitazione, una reticenza, un silenzio; un altro uso è quello “brillante”, quando i puntini sono inseriti prima di una parola o espressione “a sorpresa” o comica; se racchiusi in parentesi quadre, in questo modo […], ci servono a indicare che in un testo che stiamo ricopiando abbiamo saltato alcune parole.
ARTE: I puntini di sospensione sono il regno dell’inesprimibile, si usano per dire quello che non si può dire. Sono anche il segno della velocità, perché evitano di farci dire quello che è inutile dire. Sono anche un segno della nostra infelicità, il segno della malinconia pensierosa, del dolore che non trova le parole per raccontarsi e si limita a un significativo silenzio. I puntini sono il segno del limite, segnano un confine e mettono in dubbio l’illusione umana di poter conoscere qualsiasi cosa…


Virgolette, trattini e parentesi


REGOLE E CONSIGLI: Le virgolette si usano prima e dopo un passo o una parola riportati. Quelle basse si usano per una citazione o per trascrivere un titolo di una rivista (gli «Annali»), quelle alte segnalano l’uso particolare di un’espressione, quelle chiamate ‘apici’ invece sono usate per qualificare il significato di un vocabolo («friends significa ‘amici’»). Il trattino si usa per separare due date (15-16 giugno), per unire due nomi (viaggio Roma-Milano), per unire un prefisso a un nome in una parola nuova (maxi-premio). Un trattino più lungo, chiamato ‘lineetta’ si usa per introdurre un discorso diretto o per racchiudere gli incisi, al posto delle parentesi. Quest’ultimo segno serve a racchiudere frasi o parole accessorie o incidentali prive di rapporti sintattici col periodo in cui sono inserite.
ARTE: Virgolette, trattini e parentesi sono gli scaffali della nostra lingua, le vecchie casse che conserviamo in soffitta e in cui possiamo scoprire tesori inaspettati. Sono anche una piacevole deviazione dal cammino: i trattini sono un ponte che devi salire e poi scendere per tornare alla frase principale, il primo trattino ti fa salire, il secondo ti fa ridiscendere; le parentesi invece sono una stanza, non si fanno scavalcare (bisogna aprirle per entrare nella stanza e poi richiuderle per uscire). Virgolette, trattini e parentesi sono un modo per esplorare i sentieri che procedono paralleli rispetto alla strada diretta, chi li sceglie ha l’animo dell’avventuriero, non si accontenta del solco tracciato, ma vuole che il proprio discorso sia aperto all’altro, al diverso, all’imprevisto.

 

Ernest Hemingway, Versi sciolti (1916)

fonte: http://digilander.libero.it/robertotalamo/punteggiatura.doc

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

 

 


 

Punteggiatura italiana regole

SCHEDA

LA PUNTEGGIATURA

 

I SEGNI DI INTERPUNZIONE
e
IL LORO SIGNIFICATO

 

QUANDO SI USANO E QUANDO NON SI USANO

IL PUNTO

 

 

SI USA

Indica una pausa forte del discorso; viene utilizzato per concludere un periodo ed è seguito dalla lettera maiuscola.
Quando è seguito da un a capo indica la fine di un paragrafo, ovvero di un’unità logico-argomentativa.

1. Quando finisce un argomento e ne inizia uno nuovo viene utilizzato il punto e il nuovo argomento inizia a capo riga.

2. È preferibile non eccedere nell’uso dei punti (frase segmentata), per evitare un’eccessiva frammentazione dell’argomentazione.

LA VIRGOLA

 

 

SI USA

Indica una pausa breve del discorso; viene utilizzata per separare elementi del discorso.

1. Nelle liste, in cui gli elementi sono coordinati senza congiunzione.
Ho comprato pane, frutta, carne e il giornale.

2. Per l’isolamento di un inciso (una parola o una frase che possono essere eliminate senza mutare il senso del discorso).
Si potranno fare le votazioni, alla fine della seduta, se non mancherà il numero legale.
ATTENZIONE: Se un inciso viene aperto da una virgola, questo deve essere chiuso da una virgola simmetrica.

3. Prima del che relativo, quando questo svolge il ruolo di inciso.
La ragazza, che non sapeva nulla, chiese spiegazioni.
La ragazza che è appena passata è bionda.

4. Per isolare un’apposizione che possa essere eliminata lasciando inalterato il senso della frase.
Domani vedrai mio padre, una persona speciale.

5. Per separare proposizioni coordinate senza congiunzione.
Il cane corre, abbaia, morde.

6. Per separare proposizioni coordinate con congiunzione, soprattutto avversativa.
Il cane abbaia, ma non morde.

7. Per separare proposizioni subordinate, soprattutto con il participio e il gerundio.
La votazione, mancato il numero legale, fu interrotta.
Mancando il numero legale, non si può procedere alla votazione.

8. Per separare proposizioni subordinate temporali, concessive, ipotetiche.
Quando arrivò la polizia, i ladri erano già scappati.
La polizia non riuscì a prenderli, benché fosse arrivata subito.

9. Quando nella frase, senza l’uso della virgola, vi possono essere fraintendimenti di senso.
Tutti gli studenti, seduti nei banchi, salutarono il Preside. (Tutti gli studenti)
Tutti gli studenti seduti nei banchi salutarono il Preside. (Solo quelli seduti tra i banchi)

10. Per separare elementi simili tra loro o assonanti.
Siamo venuti alle tre, tre di noi hanno preso il treno.

 

NON SI USA

 

1. Tra soggetto e verbo (anche quando il soggetto è ampliato con aggettivi o avverbi).
La votazione, fu interrotta. → La votazione fu interrotta.
La votazione che tutti aspettavano, fu interrotta. → La votazione che tutti aspettavano fu interrotta.

2. Tra predicato e oggetto.
L’assemblea interruppe, la votazioneL’assemblea interruppe, la votazione.
Mario è, insegnante. → Mario è insegnante.

3. Tra un nome e il suo aggettivo.
Mario ha tenuto una lezione, interessante. → Mario ha tenuto una lezione interessante.

4. Per separare due frasi indipendenti. È meglio usare il punto e virgola o il punto fermo (soprattutto se sono presenti altre virgole).
Questo studio prende in esame la lingua poetica delle avanguardie letterarie, la loro funzione all’inizio del XX secolo è stata determinante. Questo studio prende in esame la lingua poetica delle avanguardie letterarie; la loro funzione, all’inizio del XX secolo, è stata determinante. oppure Questo studio prende in esame la lingua poetica delle avanguardie letterarie. La loro funzione, all’inizio del XX secolo, è stata determinante.

6. Generalmente è preferibile non usare le due virgole per separare un inciso molto breve, ma la scelta in questo caso è soggettiva.
Tutta la lezione, infatti, era dedicata alla scrittura. oppure
Tutta la lezione infatti era dedicata alla scrittura.

IL PUNTO E VIRGOLA

 

 

SI USA

Indica una pausa di durata e valore intermedi tra il punto e la virgola.

1. Per separare due proposizioni autonome, ma legate dallo stesso contenuto (altrimenti si usa il punto fermo).
Questo manuale può essere utile per imparare a scrivere all’università; per apprendere le principali tecniche di redazione e di editing; per scrivere un curriculum vitae.

2. Per la separazione di due proposizioni coordinate.
Questo studio prende in esame la lingua poetica delle avanguardie letterarie; la loro funzione, all’inizio del XX secolo, è stata determinante.

I DUE PUNTI

 

 

SI USANO

Indicano che quanto li segue costituisce una spiegazione o una causa di quanto li precede.
Indicano una pausa superiore al punto e virgola e inferiore al punto fermo.

1. Per introdurre un’enumerazione, un elenco.
Questo manuale insegna alcune tecniche per svolgere le seguenti attività: leggere criticamente, scrivere testi, fare l’editing.

2. Per introdurre una spiegazione o una dimostrazione:
Sono stato a un brunch: una colazione a metà mattinata.

3. Per introdurre un discorso diretto.
Allora gli chiesi: “Perché non si venuto?».

4. Per introdurre proposizioni causali (sostituiscono poiché), consecutive (sostituiscono cosicché), esplicative (sostituiscono infatti).
Aveva rinunciato al colloquio: [poiché] l’avevano da poco assunto in un’altra azienda.

 

NON SI USANO

 

Generalmente non si usano in una stessa frase due volte i due punti dichiarativi o in sostituzioni delle subordinate sopra elencate (ma con molte eccezioni).
Aveva rinunciato al colloquio: l’avevano da poco assunto in un’altra azienda: il suo nuovo impiego gli piaceva molto.

IL PUNTO ESCLAMATIVO

 

 

SI USA

Indica che la frase che precede è una esclamazione.

Nelle frasi esclamative (da usare raramente nei testi saggistici).

 

 

IL PUNTO INTERROGATIVO

 

 

SI USA

Indica che la frase che precede è una interrogazione.

1.  Nelle proposizioni interrogative.
2. Nelle domande retoriche (da usare con parsimonia nei testi saggistici).

I TRE PUNTINI DI SOSPENSIONE

 

 

SI USANO

Indicano un’interruzione del discorso per lasciare qualcosa di sottinteso o per permettere al lettore di suggerire una personale interpretazione.

Nei discorsi diretti.

I TRE PUNTINI DI OMISSIONE

 

 

NON SI USANO

Tre puntini tra parentesi tonda (...) o quadra [...] indicano una volontaria omissione del discorso.

Nella scrittura saggistica non si usano generalmente i puntini di sospensione, mentre sono molto frequenti i tre puntini tra parentesi tonda o quadra, a indicare una lacuna nella citazione.

LE VIRGOLETTE

 

 

SI USANO

Indicano la delimitazione del discorso diretto, o l’evidenziazione di una parola usata in senso particolare. [→ § 4.1.5]

1. Per mettere in particolare evidenza una parola:
Gli argomenti “contro” non mancano.

2. Per segnalare che una parola non viene usata secondo il suo significato proprio:
Ha creato una pubblicità che esprime tutta la “filosofia” dell’azienda.

3 Per i nomi stranieri (in alternativa con il corsivo):
Andammo al “briefing”.

I TRATTINI /LE LINEETTE

 

 

SI USANO

Indicano una delimitazione del discorso. [→ § 4.1.5]

1. Per introdurre il discorso diretto al posto delle virgolette.
Allora gli chiesi: - Perché non si venuto?-.

2. Per la delimitazione di un inciso.
La votazione - sebbene si fossero avvisati tutti i partecipanti - non ebbe luogo per mancanza del numero legale.

3. Per racchiudere le informazioni bibliografiche di una citazione.
Nell’universo infinito della letteratura - scrive Calvino in una delle Lezioni americane - s’aprono sempre altre vie da esplorare, nuovissime o antichissime, stili e forme che possono cambiare la nostra immagine del mondo...

LE PARENTESI TONDE

 

 

SI USANO

Delimitano un inciso, a scopo esplicativo, che tuttavia non è indispensabile al senso della frase.

Per introdurre una specificazione, un commento, un’indicazione di minore importanza.
La scrittura all’università (per i cambiamenti introdotti dalla recente riforma) è diventata materia di insegnamento.
La scrittura all’università (sia del triennio che del biennio specialistico) è diventata materia di insegnamento.

LE PARENTESI QUADRE

 

 

SI USANO

Servono a delimitare una porzione di testo all’interno o meno di una parentesi tonda.

Nelle note, per specificare un’indicazione bibliografica.
M. Della Casa, Scrivere testi: il processo, i problemi educativi, le tecniche, Torino, Einaudi, 2001 [I ed. 1994].

 

Materiali tratti da: P. ITALIA, Scrivere all’università: manuale pratico con esercizi e antologia di testi, Firenze,
autore : Le Monnier università, 2006.

fonte: http://docenti.lett.unisi.it/files/91/1/1/6/SCHEDA_Punteggiatura.doc

 

Laboratorio di Scrittura – Università Roma Tre

 

 

La punteggiatura

 

(1)

 

La punteggiatura: definizioni generali

  • Il principale scopo è quello di suddividere il testo secondo una struttura per facilitarne la lettura e la comprensione

 

  • Non è vero che la punteggiatura riproduce solo le pause e le intonazioni del parlato
  • L’uso dei diversi segni di punteggiatura è legato a circostanze storiche e a convenzioni precise – che vanno apprese

 

  • La punteggiatura non è un insieme di regole dogmatiche: in molti casi la decisione di usare un segno di interpunzione è legata allo stile di chi scrive
  • I segni di punteggiatura possono essere usati in più modi, con un peso e un valore diversi

 

(2)

 

Semplificando, possiamo individuare tre stili nell’uso della punteggiatura:

 

  • Punteggiatura minima

E’ una punteggiatura povera, spesso usata da scrittori inesperti o nelle trascrizioni dal parlato: compaiono soprattutto virgole e punti, raramente i due punti e il punto e virgola. Non è errata se il testo è costituito da frasi brevi.

 

  • Punteggiatura giornalistica

Vengono utilizzati tutti i segni, anche se il punto e virgola appare raramente. La caratteristica principale e l’abbondanza di punti, che compaiono anche al posto delle virgole.

Esempio:

Brutte notizie. Ma interessanti. Facciamoci coraggio, ed affrontiamole. Apriamo un atlante geografico e diamo un’occhiata all’Europa. E’ piccolissima, in confronto al resto. E’ un’isoletta. Ricca di benessere e di civiltà (finché dura). Non si sa quanto può durare. Perché intorno si sono verificati dei clamorosi naufragi. La nave del comunismo, la nave del postcolonialismo sono andate a fondo. I naufraghi cercano disperatamente di raggiungere le nostre rive. [...]

L’autore mette fra parentesi addirittura un sintagma aggettivale come “ ricca di benessere e di civiltà” oppure una proposizione causale (“perché intorno...”). Prima di “ricca” si sarebbe potuta usare una virgola, mentre prima di “perché” non era necessario nessun segno interpuntivo. Una punteggiatura così è efficace in un giornale, ma è sconsigliabile in uno scritto formale, di tipo universitario o scolastico.

 

  • Punteggiatura classica

E’ più ricca, denota esperienza e maturità: vengono sfruttati abbondantemente i due punti e il punto e virgola. Spesso si accompagna a periodi lunghi e articolati.

 

(3)

 

I principali segni di interpunzione

Il punto è il principale segno e serve per indicare una pausa forte che conclude una frase o un periodo. Il punto e a capo è il segno più importante: indica la fine dei capoversi e dei paragrafi permettendo di cogliere la struttura del testo. Vediamo alcune regole pratiche sull’uso del punto a capo:

  • Presentare una sola idea per capoverso
  • Non fare (possibilmente) capoversi più lunghi di 200-300 parole
  • Creare capoversi di lunghezza simile
  • Meglio troppi che troppo pochi
  • Lasciare uno spazio bianco

 

La virgola indica una breve pausa e il suo uso è molto vario. Vediamo i casi principali:

  • Nelle liste. (“Ho incontrato Franco, Maria, Iacopo e Giovanni”). La virgola non viene generalmente usata davanti alla e prima dell’ultimo elemento. Ma se c’è ambiguità meglio usarla: “Ho incontrato molti amici del liceo: Franco con Marina, Flavio, Giuseppe con Leo, e Luca”).
  • Per separare gli incisi. Caratteristica degli incisi è di poter essere cancellati senza lasciare sospeso il periodo in cui sono collocati. Esempi:

 

    • “La verità, come tutti sanno, ha molte facce”

Una attenzione particolare richiedono le proposizioni relative: solo in alcuni casi svolgono il ruolo di inciso. Esempi:

“La ragazza che ho incontrato poco fa si chiama Luisa” [rel. restrittiva]

Ma:

“Manzoni, che è il mio scrittore preferito, non è amato da tutti” [rel. esplicativa]

  • Prima di una apposizione. Anche le app. hanno un ruolo secondario e possono essere eliminate. “Paolo viveva a Trieste, una città ventosa e piena di fascino”.

 

  • Per separare le prop. subordinate. In particolare, la virgola va quasi sempre utilizzata prima e/o dopo costrutti col participio o il gerundio:
    • “Il critico, letto il libro, dette un giudizio negativo”
    • “Essendo stato trasferito a Bari, vendette il suo appartamento fiorentino”

 

L’uso delle virgole con le subordinate esplicite è legato in parte allo stile di chi scrive: l’uso della virgola evidenzia la struttura del periodo, mentre la mancanza della virgola sottolinea il collegamento tra la principale e la subordinata. La virgola viene più usata se la sub. anticipa la reggente:

  • “Tutti applaudirono quando Fabio tornò”
  • “Se vuoi partire, non insisterò”
  • “Poiché era molto stanco(,) se ne tornò a casa”

 

  • Per separare il vocativo. (tipo di inciso)

 

  • “Francesca, vieni qui!”
  • “Non correre, Francesca”
  • “Senti, bambino, dimmi la verità”
  • Per mettere in evidenza il soggetto o l’oggetto

 

  • “Correva, il bambino, senza preoccuparsi degli altri”
  • “Il gelato, non devi mangiarlo tutti i giorni”
  • Per separare i diversi complementi

 

  • “Sulla riva del mare, con una gran gioia in corpo, dopo un intero inverno nella prigione dei vestiti, i ragazzi si abbronzavano al sole”

Se i complementi sono brevi la virgola è facoltativa:

  • “A marzo(,) in Sicilia (,) il clima è gia tiepido”

 

Il punto e virgola indica una pausa più forte della virgola. Il suo è in parte legato allo stile dello scrivente. Ci sono due usi principali del punto e virgola:

  • Nelle enumerazioni complesse
  • Per separare proposizioni coordinate complesse.

 

  • “La storia della Lego sembra uscita da una favola di Andersen. C’era una volta un artigiano, Ole Kirk, che fabbricava con le sue mani pupattole in legno dipinto; poi, in meno di dieci anni, ecco che attorno  a lui operava una azienda capace di sfornare oltre 300 tipi di giocattoli diversi”

Il punto e virgola viene usato generalmente anche prima di alcune congiunzioni per concludere un periodo ampio e articolato. Per esempio la congiunzione tuttavia spesso viene separata dal testo precedente con un punto e virgola.

  • “Aveva combattuto molte battaglie; tuttavia si sentiva stremato”

 

I due punti raramente vengono utilizzati per scandire il periodo (compito tipico del punto e virgola); spesso invece svolgono il  ruolo di veri e proprio connettivi. Ecco gli usi principali:

  • Come congiunzione (causali, consecutive, esplicative)

 

  • “Ho passato la mattina in palestra perché oggi avevo tempo”
  • “Ho passato la mattina in palestra: oggi avevo tempo”
  • “E’ così maturo e preparato che salterà l’ultimo anno”
  • “E’ maturo e preparato: salterà l’ultimo anno”

 

  • “Fa davvero caldo, infatti ci sono 40 gradi”
  • “Fa davvero caldo: ci sono 40 gradi”

 

  • Per introdurre l’enumerazione degli elementi di un insieme
  • “Ho conosciuto il nonno di Andrea: ha novanta anni ed è ancora incredibilmente lucido e attivo”
  • “Mao: un donnaiolo, un tiranno e poi?”

 

  • Per introdurre un discorso diretto

 

  • Per introdurre un commento, una apposizione

 

  • “La kenzia viene aggredita da un patogeno che provoca l’imbrunimento delle foglie: l’anticamera della morte”
  • “Tom Cruise e Nicole Kidman: l’ex coppia pefetta”

Fonte: http://www.comunicazione.uniroma3.it/UserFiles/File/Files/708_Punteggiatura%20teoria.doc

Autore del testo non indicato nel documento di origine del testo

 

 

 

LABORATORIO DI SCRITTURA IN LINGUA ITALIANA

 

Rossana Melis

PARAGRAFAZIONE E PUNTEGGIATURA

USO DELLA VIRGOLA

(testo di riferimento: M.T. Serafini, Come si scrive, Milano, Bompiani, 1992)

A - per separare gli elementi delle liste:
Ho incontrato Franco, Leo, Paola e Marina
(in casi in cui gli elementi della lista sono di più parole e si potrebbero creare ambiguità, è consigliabile la virgola prima della e: Ho incontrato molti compagni del liceo: Franco con Paola, Flavio con Leo, e Marina)

B - per separare gli incisi (apposizioni, attributi, intere proposizioni):
Alberto Tomba, il grande sciatore italiano, è un ragazzo estroverso
La verità, come tutti sanno, ha molte facce
Attenzione alle proposizioni relative, che possono essere restrittive (limitative) o esplicative (appositive). Le prime, che introducono informazioni indispensabili, non costituiscono un inciso, e non vanno tra virgole:
La ragazza che ho incontrato poco fa si chiama Francesca
La gara a cui ho partecipato era molto importante
Le seconde forniscono una informazione aggiuntiva, quindi costituiscono un inciso:
Proust, che è il mio scrittore preferito, non è amato da tutti

C - prima di un'apposizione:
Paolo viveva a San Francisco, una città ventosa e piena di fascino

D - per separare le proposizioni coordinate (per asindeto):
Marco legge, Fabio gioca a palla
Sono tornato a casa, ho aperto il frigorifero, ho cenato e poi sono andato a letto
In alcuni casi in cui le proposizioni sono coordinate con congiunzione, si mette una virgola prima della congiunzione. In particolare, la virgola è [sempre] presente prima della congiunzione avversativa ma:
Il bambino aveva sonno, ma non voleva andare a letto

E - per separare le proposizioni subordinate (se hanno le caratteristiche degli incisi. In particolare prima e/o dopo costrutti con il participio o il gerundio):
Il critico, letto il libro, dette un giudizio negativo
Essendo stato trasferito a Roma, vendette il suo appartamento fiorentino
Nelle subordinate esplicite l'uso è legato in parte allo stile di chi scrive. La virgola viene usata più frequentemente se la subordinata anticipa la reggente:
Tutti applaudirono quando Paolo tornò
Se vuoi partire, non insisterò
Poiché era molto stanco(,) se ne tornò a casa
Se ne tornò a casa poiché era molto stanco

F - per separare i diversi complementi [considerati come una lista]:
Sulla riva del mare, con una gran gioia del corpo, dopo un intero inverno nella prigione dei vestiti, i ragazzi si abbronzavano al sole
(ma se i complementi sono brevi la virgola è facoltativa:
A marzo(,) in Sicilia(,) il clima è già tiepido)

G - per separare il vocativo:
Francesca, vieni qui!
Non correre, Francesca
Senti, bambino, dimmi la verità

H - per mettere in evidenza il soggetto o l'oggetto. Generalmente la virgola non viene usata all'interno delle unità soggetto - predicato e predicato - complemento oggetto. Quando l'ordine degli elementi di queste due unità viene invertito, evidenziando il soggetto o l'oggetto, la virgola viene invece usata:
Correva, il bambino, senza preoccuparsi degli altri
Doveva davvero preoccuparsi, quella donna così sensibile
Il gelato, non devi mangiarlo tutti i giorni .

 

ESERCITAZIONI

Riportiamo quattro testi privati della punteggiatura. Inseritela e poi verificate negli originali quali sono state le scelte degli autori.

testo 1

la mamma così festosa aveva fatto diventare serio papà lui sapeva disse quando moriva e si aprì con noi in quel modo nuovo leggero e tragico insieme sapeva che io potevo sfuggirgli noi della loro storia non avevamo mai immaginato nulla per anni la mamma ci sembrò solo bella e gaia papà era secondo noi più interessante lei certo diventò più allegra quando noi fummo cresciute anche se lo era sempre al suo modo improvviso rapido la gioia della mamma nell'accoglierci quando tornavamo da scuola il suo correre incontro a papà che rincasava noi lo giudicavamo ingenuo mentre papà che vedevamo ora più grave quasi taciturno rispetto al tempo di Ponte Stura era considerato da noi più profondo della mamma questo fu nella nostra fanciullezza dopo il nostro giudizio fu rovesciato papà ci sembrò troppo semplice incominciammo a intravvedere una gravità nei silenzi della mamma ad avvertire qualcosa di intenso di misterioso nella sua bellezza fin che la nostra stessa giovinezza ci rese ottuse indifferenti a quello che "loro" potevano essere o non essere accettammo con naturalezza quasi con noncuranza che essi fossero buoni con una specie di compatimento che fossero felici quando papà si ammalò non ci rendemmo conto che la mamma era ancora quasi giovane sapevamo soltanto che lui era vecchio ma quando lei è morta abbiamo avvertito quella perdita con una lucidità crudele come un'operazione chirurgica subita senza anestesia

 

testo 2

gli elettori dicevano perché De Sanctis non viene perché non scrive egli ci disprezza e permette che il suo nome diventi coperchio di altri nomi e di altri interessi ed io dissi andrò io là voglio vedere da presso cosa sono questi elettori e che specie di lavoro vi si è fatto e se equivoco c'è voglio io togliere l'equivoco e per la prima volta ho fatto un viaggio elettorale tornai ieri ancora commosso nella mente mi si volgeva tutta una storia pregna di grandi dolori e di grandi gioie ricca di osservazioni interessanti avevo imparato più in quei paeselli che in molti libri e dissi questo non è più storia mia è storia di tutti ci s'impara tante cose è il mondo studiato dal vero e dal vivo e studiato da uno che sotto i capelli bianchi serba il core giovine e intatto il senso morale e potente la virtù dell'indignazione ecco materia viva di una commedia elettorale e non ne conosco nessuna ancora

 

testo 3

Luciano Bianciardi è stato uno scrittore disperato che racconta in primo luogo la propria disperazione un anarchico cresciuto in provincia che dà l'assalto alla grande città del nord e vorrebbe vederla saltare per aria era inevitabile che la vita minacciasse in qualche modo l'opera sette anni fa Pino Corrias gli dedicò un libro-inchiesta una biografia molto ben documentata fatta di testimonianze raccolte presso gli amici i semplici conoscenti i pochi familiari e i colleghi di lavoro un monumento all'incapacità di trovare il passo giusto nonostante le occasioni era stato Bianciardi bibliotecario alla Chelliana di Grosseto quando Dante Isella indaga su un codice portiano ivi custodito gli risponde proprio il bibliotecario professor Bianciardi che poi Isella ringrazierà pubblicamente alla fine della prefazione all'edizione critica delle poesie portiane siamo nei primi anni cinquanta a Grosseto insieme a Carlo Cassola Bianciardi esplora il mondo delle miniere si angoscia per la palese ingiustizia e per lo sfruttamento degli operai scrive con Cassola un libro I minatori della Maremma poi va a Milano dove entra alla Feltrinelli una Feltrinelli ancora da inventare arrivano i "fatti d'Ungheria" il '56 Bianciardi racconta tutto nell'Integrazione che è del '60 un libro ironico ma tranquillo senza le punte del suo capolavoro La vita agra che è di soli due anni posteriore

 

testo 4

8 la punteggiatura il principale scopo della punteggiatura è suddividere un testo secondo la sua struttura facilitandone quindi la lettura e la comprensione sull'uso dei segni di interpunzione si dicono talvolta alcune inesattezze per esempio non è sempre vero che la punteggiatura riproduca nello scritto le pause e le intonazioni del parlato l'uso dei diversi segni di punteggiatura è legato a convenzioni che vanno apprese una per una inoltre la punteggiatura viene insegnata in modo dogmatico mentre solo in alcuni casi vi sono regole che obbligano o proibiscono l'uso di un segno di punteggiatura in molti casi la decisione di usare un segno di interpunzione è legata allo stile di chi scrive i segni della punteggiatura possono essere usati in più modi con un peso e un valore diversi in questo capitolo si passano in rassegna i segni di punteggiatura prestando attenzione alla loro funzione e alle differenze di uso legate a stili diversi 8 1 stili nell'uso della punteggiatura nell'uso della punteggiatura si possono individuare alcuni stili per semplicità ci limitiamo a indicarne tre la punteggiatura minima classica e giornalistica

 

 

 

 

 

originale del testo 1

(L. Romano, La penombra che abbiamo attraversato, in Opere, a cura di C. Segre, Milano, Mondadori, 1991, vol I, pp. 1036-37)

 

La mamma, così festosa, aveva fatto diventare serio papà.
- Lui sapeva, - disse quando moriva, e si aprì con noi in quel modo nuovo, leggero e tragico insieme, sapeva che io potevo sfuggirgli.
Noi della loro storia non avevamo mai immaginato nulla.
Per anni la mamma ci sembrò solo bella e gaia; papà era, secondo noi, più interessante.
Lei certo diventò più allegra quando noi fummo cresciute, anche se lo era sempre al suo modo improvviso, rapido. La gioia della mamma nell'accoglierci quando tornavamo da scuola, il suo correre incontro a papà che rincasava, noi lo giudicavamo ingenuo; mentre papà, che vedevamo ora più grave, quasi taciturno rispetto al tempo di Ponte Stura, era considerato da noi più profondo della mamma. Questo fu nella nostra fanciullezza.
Dopo, il nostro giudizio fu rovesciato. Papà ci sembrò troppo semplice; incominciammo a intravvedere una gravità nei silenzi della mamma, ad avvertire qualcosa di intenso, di misterioso nella sua bellezza. Fin che la nostra stessa giovinezza ci rese ottuse: indifferenti a quello che "loro" potevano essere o non essere. Accettammo con naturalezza, quasi con noncuranza che essi fossero buoni, con una specie di compatimento che fossero felici.
Quando papà si ammalò, non ci rendemmo conto che la mamma era ancora quasi giovane; sapevamo soltanto che lui era vecchio. Ma quando lei è morta, abbiamo avvertito quella perdita con una lucidità crudele; come un'operazione chirurgica subita senza anestesia.

 

originale del testo 2

(F. De Sanctis, Un viaggio elettorale. Racconto, in Un viaggio elettorale seguito da discorsi biografici, dl taccuino parlamentare, ecc., a cura di N. Cortese, Torino, Einaudi, 1968, p. 8)

Gli elettori dicevano: perché De Sanctis non viene? perché non scrive? Egli ci disprezza: e permette che il suo nome diventi coperchio di altri nomi e di altri interessi. Ed io dissi: andrò io là, voglio vedere da presso cosa sono questi elettori, e che specie di lavoro vi si è fatto, e se equivoco c'è, voglio io togliere l'equivoco. E per la prima volta ho fatto un viaggio elettorale.
Tornai ieri, ancora commosso. Nella mente mi si volgeva tutta una storia pregna di grandi dolori e di grandi gioie, ricca di osservazioni interessanti; avevo imparato più in quei paeselli che in molti libri. E dissi: questo non è più storia mia; è storia di tutti, ci s'impara tante cose. È il mondo studiato dal vero e dal vivo e studiato da uno, che sotto i capelli bianchi serba il core giovine e intatto il senso morale e potente la virtù dell'indignazione. Ecco materia viva di una commedia elettorale. E non ne conosco nessuna ancora.

 

originale del testo 3

(P. Mauri, Bianciardi passione e disperazione, «la Repubblica», 10 novembre 2000)

Luciano Bianciardi è stato uno scrittore disperato che racconta in primo luogo la propria disperazione, un anarchico cresciuto in provincia che dà l'assalto alla grande città del nord e vorrebbe vederla saltare per aria ... Era inevitabile che la vita minacciasse in qualche modo l'opera. Sette anni fa Pino Corrias gli dedicò un libro-inchiesta, una biografia molto ben documentata, fatta di testimonianze raccolte presso gli amici, i semplici conoscenti, i pochi familiari e i colleghi di lavoro. Un monumento all'incapacità di trovare il passo giusto. Nonostante le occasioni. Era stato, Bianciardi, bibliotecario alla Chelliana di Grosseto. Quando Dante Isella indaga su un codice portiano ivi custodito gli risponde proprio il bibliotecario professor Bianciardi, che poi Isella ringrazierà pubblicamente alla fine della prefazione all'edizione critica delle poesie portiane. Siamo nei primi anni cinquanta. A Grosseto, insieme a Carlo Cassola, Bianciardi esplora il mondo delle miniere, si angoscia per la palese ingiustizia e per lo sfruttamento degli operai. Scrive, con Cassola, un libro, I minatori della Maremma, poi va a Milano dove entra alla Feltrinelli: una Feltrinelli ancora da inventare. Arrivano i "fatti d'Ungheria", il '56. Bianciardi racconta tutto nell'Integrazione, che è del '60: un libro ironico, ma tranquillo, senza le punte del suo capolavoro, La vita agra che è di soli due anni posteriore.

 

originale del testo 4

(M.T. Serafini, Come si scrive, Milano, Bompiani, 1992, p. 229)

LA PUNTEGGIATURA

Il principale scopo della punteggiatura è suddividere un testo secondo la sua struttura, facilitandone quindi la lettura e la comprensione. Sull'uso dei segni di interpunzione si dicono talvolta alcune inesattezze; per esempio, non è sempre vero che la punteggiatura riproduca nello scritto le pause e le intonazioni del parlato: l'uso dei diversi segni di punteggiatura è legato a convenzioni che vanno apprese una per una. Inoltre la punteggiatura viene insegnata in modo dogmatico, mentre solo in alcuni casi vi sono regole che obbligano o proibiscono l'uso di un segno di punteggiatura. In molti casi, la decisione di usare un segno di interpunzione è legata allo stile di chi scrive: i segni della punteggiatura possono essere usati in più modi, con un peso e un valore diversi.
In questo capitolo si passano in rassegna i segni di punteggiatura, prestando attenzione alla loro funzione e alle differenze di uso legate a stili diversi.
8.1 Stili nell'uso della punteggiatura.
Nell'uso della punteggiatura si possono individuare alcuni stili; per semplicità ci limitiamo a indicarne tre: la punteggiatura minima, classica e giornalistica.

 

Fonte: http://carioca40.altervista.org/iqbal/italiano/puntegg2.doc
Autore: Rossana Melis

 

 

Punteggiatura italiana regole

 

 

 

Home

 

link
Alimentazione
link
Animali
link
Architettura
link
Arte
link
Appunti
link
Astrologia e esoterismo
link
Astronomia
link
Benessere e salute
link
Biologia
link
Botanica
link
Chimica
link
Cinema e TV
link
Comunicazione
link
Cucina
link
Diritto
link
Dizionari e enciclopedie
link
Documenti utili
link
Economia
link
Filosofia
link
Fisica
link
Fisiologia
link
Fitness
link
Geografia
link
Giochi
link
Grammatica
link
Greco
link
Informatica
link Ingegneria
link
Lavoro
link
Latino
link
Lezioni - corsi
link
Lingue
link
Letteratura
link
Matematica
link
Medicina
link Meteo
link
Moda e spettacolo
link
Musica
link
Pedagogia e pediatria
link
Psicoanalisi e psicologia
link
Religioni
link
Riassunti
link
Scienze
link
Sociologia
link
Sport
link
Storia
link
Tempo libero
link
Tesine
link
Utility
link
Viaggi

 

Top

 

Punteggiatura italiana regole

 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale, pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001. I riassunti , gli appunti i testi e le citazioni contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente a studenti, ricercatori, professori, tecnici con scopi illustrativi didattici e scientifici con il concetto del fair use e con obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e della legge n. 633 art. 70 e dlg 68. Il sito è curato e coordinato dall’autore al solo scopo informativo e didattico. Pur ritenendo le fonti utilizzate affidabili, l'autore di questo sito non garantisce l'accuratezza e l'integrità delle informazioni contenute e pertanto declina ogni responsabilità per eventuali problemi o danni causati da errori o omissioni, nel caso tali errori o omissioni risultino da negligenza, caso fortuito o altra causa. Tutti gli appunti, le citazioni i testi e le immagini , sono proprietà dei rispettivi autori o case di produzione che ne detengono i diritti, qualora gli aventi diritto si ritenessero danneggiati dall'inserimento in questo sito dei predetti files o fossero stati inavvertitamente inseriti immagini, informazioni, testi od altro materiale coperto da Copyright saranno immediatamente rimossi e/o ne saranno citate le fonti su semplice segnalazione all' indirizzo e-mail indicato nella pagina contatti .

Gli obiettivi di questo sito sono il progresso delle scienze e delle arti utili in quanto pensiamo che siano molto importanti per il nostro paese i benefici sociali e culturali della libera diffusione di informazioni utili. Tutte le informazioni e le immagini contenute in questo sito vengono qui utilizzate esclusivamente a scopi didattici, conoscitivi e divulgativi. Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione). In questo sito abbiamo fatto ogni sforzo per garantire l'accuratezza dei tools, calcolatori e delle informazioni, non possiamo dare una garanzia o essere ritenuti responsabili per eventuali errori che sono stati fatti, i testi utilizzati sono stati prelevati da siti che li hanno messi a disposizione gratuitamente per farli conoscere nel web con scopi didattici. Se trovate un errore su questo sito o se trovate un testo o tool che possa violare le leggi vigenti in materia di diritti di autore, comunicatecelo via e-mail e noi provvederemo tempestivamente a rimuoverlo.

 


Punteggiatura italiana regole

 


 

Designed by Larapedia.com 1998 -2011