dal latino all'italiano

 


 

dal latino all'italiano

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

 

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

 

dal latino all'italiano

 

Si dice, comunemente, che l’italiano – così come le altre lingue romanze o neolatine: il portoghese, lo spagnolo, il catalano, il francese, il provenzale, il franco-provenzale, il sardo, il ladino, il friulano e il romeno – deriva dal latino. Siccome le lingue non sono organismi biologici, più corretto sarebbe dire che l’italiano continua il latino, che l’italiano è il latino adoperato oggi in Italia.
Poi, anche il latino è stato soggetto alle variazioni ricordate sopra, cioè sono esistite molte varietà di un’unica lingua chiamata latino. I fattori che hanno prodotto le varietà del latino sono diversi: il tempo, lo spazio, il livello stilistico, la condizione socioculturale degli utenti, la modalità di trasmissione (scritta o parlata) della lingua. E il fattore geografico si fuse col fattore etnico nel determinare altre diversità, riconducibili al cosiddetto sostrato linguistico prelatino.
Prima che i Romani estendessero il loro dominio a tutta l’Italia e a una gran parte dell’Europa, il latino era semplicemente uno degli idiomi parlati da una delle tante popolazioni che abitavano l’Italia.
Nel nord della penisola, procedendo da occidente a oriente, si incontravano i Liguri, le tribù dei Celti, i Reti e infine i Carni; a sud di questi ultimi, nel Veneto meridionale, erano stanziati i Veneti. Nella fascia immediatamente inferiore vivevano a est i Piceni, al centro gli Umbri e a ovest gli Etruschi; a nord di Roma erano i Falischi; nell’Italia centro-meridionale erano stanziati gli Oschi, nel Salento e nella Puglia i Messàpi, gli Iapìgi e i Dauni. Tutte queste popolazioni avevano una loro lingua: il ligure, il celtico, il retico, l’umbro, l’osco e così via. Alcuni idiomi (la maggior parte) avevano una comune origine indoeuropea; altri (come per esempio l’etrusco) no. Quanto alla Sicilia, prima della conquista romana vi si parlavano almeno tre lingue: il sicàno, idioma mediterraneo, il siculo, vicino al latino, e l’èlimo, di origine e caratteristiche incerte. In Sardegna, infine, era diffuso il paleosardo, parlata antichissima (anteriore alle migrazioni indoeuropee) e a noi del tutto sconosciuta.
Nel giro di qualche secolo il latino, da lingua di una piccola comunità che occupava un territorio ristretto presso l’ultimo tratto del Tevere, divenne la lingua di un popolo di conquistatori, padroni di gran parte dell’Europa e di vaste zone in Africa e in Asia.
Dopo la conquista da parte di Roma, quasi tutti i popoli vinti abbandonarono, nel giro di qualche generazione, la lingua d’origine e adottarono, come strumento di scambio, il latino. Intervenne, a determinare questo processo, un fattore fondamentale nel contatto fra due lingue: il prestigio. Quando due lingue entrano in concorrenza, quella che gode di maggior prestigio finisce sempre col prevalere.

 

Fonte:

http://cis01.central.ucv.ro/litere/idd/cursuri/an_3/lb_straina/italiana/istorialimbii_sem2_pirvu.doc

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Parola chiave google : dal latino all'italiano tipo file : doc

 

 

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

dal latino all'italiano

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

 

dal latino all'italiano