Cronologia matematica

 


Cronologia matematica

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Cronologia matematica

 

 

-50.000

Traccia di conteggi da parte dell'uomo di Neanderthal

-25.000

Disegni geometrici primitivi da parte dell'uomo di Cro-Magnon

-15.000

Nell'attuale Libano, si sono trovate ossa di animali, risalenti a questo periodo, che mostrano intaccature riunite in gruppi di eguale cardinalità.

-4241

Presunta origine del calendario egiziano

-3000

Numeri geroglifici in Egitto

-1850

Papiro di Mosca: notazione posizionale in Mesopotamia

-1700

Papiro di Rhind: rotolo lungo cinque metri, composto da quattordici fogli di papiro, contiene decine di problemi matematici di vario tipo.

 

 

-600

Il greco Talete (624-546 circa) è considerato il fondatore della geometria. Sebbene non abbiamo nessun documento certo, gli vengono attribuiti i teoremi sulla similitudine dei triangoli, in particolare quello che porta il suo nome.

-500

Il greco Pitagora (580-497 circa) è il fondatore di una scuola matematica, filosofica e religiosa con sede a Crotone. Nessun documento scritto ci è pervenuto di questo pensatore. Gli si attribuisce il famoso teorema sui triangoli rettangoli che porta il suo nome.

-400

Il greco Ippocrate (460-377) scrive il primo trattato di geometria.

Democrito (460-370), Eudosso (408-353), Archita di Taranto risolvono importanti problemi di geometria e aritmetica).

Zenone enuncia i famosi paradossi.

 

 

-300

Euclide organizza negli Elementi i teoremi di geometria e di teoria dei numeri ottenuti dalla cultura  matematica greca dell'epoca. Procede per definizioni, postulati e teoremi con una esposizione che è rimasta classica per ogni tempo.

Aristotele codifica le leggi del ragionamento logico.

-200

Archimede di Siracusa (287-212) si occupa di aritmetica, algebra, geometria, fisica; risolve importanti problemi sulle equazioni cubiche; anticipa il calcolo logaritmico e il calcolo integrale.

Ipparco (190-125) fonda la trigonometria piana e sferica.

Apollonio studia le coniche.

Eratostene effettua la prima misurazione del diametro della Terra.

-100

Erone compie importanti studi di geometria e di fisica

 

 

100

Tolomeo nell'Almagesto tratta problemi di trigonometria piana e sferica.

200

Diofanto studia l'aritmetica, usa i simboli algebrici ed enuncia le regole per risolvere le equazioni di primo e secondo grado

500

Il latino Boezio compie ricerche di logica e geometria.

600

Gli Indiani usano la notazione posizionale e i numeri indù.

I Cinesi introducono l'estrazione di radice quadrata.

800

Gli Arabi diffondono la numerazione posizionale indiana, detta poi arabica.

L'arabo al-Khuwarizmi compone il trattato Al-giabr wa'l mu kabala, da cui deriva il nome algebra. Dal nome di questo matematico deriva il nome algoritmo.

1000

L'indiano Sridhara dà una chiara esposizione dell'uso del numero 0, affermando che a+0=a, a-0=a, a·0=0, 0·a=0.

 

 

1200

L'italiano Fibonacci di Pisa (1175-1240) nel trattato Liber Abaci introduce in Europa il sistema di numerazione arabo, nonché i risultati algebrici della cultura musulmana.

1500

L'italiano Luca Pacioli (1445-1510) scrive il primo trattato generale di aritmetica e algebra, Summa, con un accenno al calcolo delle probabilità e ai logaritmi.

Gerolamo Cardano tratta le cosiddette grandezze immaginarie.

Niccolò Fontana detto Tartaglia espone la regola per la risoluzione delle equazioni di terzo grado ridotte.

Il francese Viète introduce l'algebra simbolica, che permette di scrivere lunghe espressioni algebriche, secondo il metodo moderno.

 

 

1600

Napier  Buergi inventano, indipendentemente l'uno dall'altro, i logaritmi.

Briggs pubblica le prime tavole dei logaritmi a base 10.

Fermat coglie i principi essenziali della geometria analitica.

Cavalieri studia il calcolo infinitesimale.

Nel 1636 Descartes pubblica il Discours de la méthode che contiene i fondamenti della geometria analitica.

Pascal dà le basi della geometria proiettiva e del calcolo delle probabilità.

Newton crea il calcolo delle flussioni, poi detto calcolo infinitesimale.

Anche Leibniz crea, indipendentemente da Newton, e con simbolismi differenti il calcolo differenziale.

 

 

1700

Eulero introduce il calcolo delle variazioni, applicando i metodi del calcolo differenziale alle curve e alle superfici.

Bernoulli e Lagrange sviluppano la teoria delle equazioni integrali e differenziali applicandola alla geometria e alla meccanica

 

 

1800

Gauss dimostra il teorema fondamentale dell'algebra: ogni equazione ha tante equazioni quanto è il suo grado. Nel campo della geometria introduce lo studio della curvatura delle superfici e mette in crisi la geometria euclidea.

Laplace introduce in modo rigoroso la teoria della probabilità.

Cauchy e Weierstrass rendono rigoroso il calcolo infinitesimale.

Monge e Poncelet fondano la geometria descrittiva e la geometria proiettiva.

Lobacevskij e Bolyai,indipendentemente l'uno dall'altro, studiano una geometria che contraddice il postulato di Euclide sulle parallele.

Riemann fonda le geometrie euclidee e non euclidee sul concetto di metrica.

Boole applica il calcolo algebrico alla logica.

Cantor formula la teoria degli insiemi.

Klein dà un quadro completo, attraverso la teoria dei gruppi di trasformazioni delle varie geometrie sorte nell'Ottocento: proiettiva, metrica, euclidea, ellititica, iperbolica, topologia.

Frege si propone di unificare logica e aritmetica.

Peano costruisce una simbologia per il calcolo logico e per le dimostrazioni matematiche.

Enriquez organizza in modo rigoroso la geometria proiettiva.

 

 

1900

Hilbert dà una formulazione puramente assiomatica della geometria.

Ricci-Curbastro Levi-Civita creano il calcolo differenziale assoluto, strumento utilizzato da Einstein per formulare la teoria della relatività.  

Russell cerca di fondare la matematica su basi puramente logiche.

Brouwer in contrapposizione ritiene esclusivamente intuitivi i principi della matematica.

Volterra fonda il calcolo funzionale.

von Newmann elabora la teoria dei giochi.

Goedel dimostra che nei sistemi formali è possibile individuare proposizioni indimostrabili, ne consegue che l'aritmetica non può fondarsi su se stessa.

Wiener introduce la cibernetica e la teoria dell'informazione.

Thom intraprende lo studio delle catastrofi o del caos, ossia delle trasformazioni improvvise.

Mandelbrot espone lo studio dei frattali, forme geometriche irregolari che appaiono simili se osservate su scale diverse.

 

 

Fonte: http://europa.uniroma3.it/cdlsfp_no/files/639bdb99-4ceb-499e-b968-55d6611ad4d6.doc

Sito web da visitare: http://europa.uniroma3.it

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Nota : se siete l'autore del testo sopra indicato inviateci un e-mail con i vostri dati , dopo le opportune verifiche inseriremo i vostri dati o in base alla vostra eventuale richiesta rimuoveremo il testo.

Parola chiave google : Cronologia matematica tipo file : doc

 

Cronologia matematica

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

Cronologia matematica

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

Cronologia matematica