Catechismo della Chiesa Cattolica i simboli

 


 

Catechismo della Chiesa Cattolica i simboli

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

 

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

 

Catechismo della Chiesa Cattolica i simboli

Il Catechismo della Chiesa Cattolica elenca i simboli con cui è indicato lo Spirito Santo nella Bibbia. Questo elenco è condiviso da larga parte delle confessioni cristiane.

  • Acqua: come segno di nuova vita. Al tempo di Mosè la salvezza del popolo ebraico fu data dall'acqua scaturita dalla roccia, l'azione dello Spirito nel battesimo dona la nuova vita.
  • Fuoco: simboleggia la capacità delle azioni dello Spirito di trasformare le cose. È il simbolo riportato nei vangeli nel racconto della Pentecoste.
  • Nube e Luce: così è rappresentato lo Spirito Santo nei racconti di Mosè sul monte Sinai, dell'Annunciazione, della Trasfigurazione, dell'Ascensione.
  • Sigillo: legato al simbolo dell'unzione, indica come l'alleanza abbia carattere definitivo.
  • Mano: l'imposizione delle mani è un gesto usato già nella chiesa primitiva per invocare la discesa dello Spirito Santo
  • Dito di Dio: che ha scolpito i dieci comandamenti, con cui Gesù scacciava i demoni, ...
  • Colomba: durante il battesimo di Gesù (Mt 3,16)

Edouard Urech, Paolo Piazzesi, Franca Fiorentino Piazzesi, Dizionario dei simboli cristiani, Edizioni Arkeios, 1995 ISBN 9788886495035 online

LA COLOMBA COME SIMBOLO
Fin quasi dagli albori del Cristianesimo la colomba, animale dalla natura dolce e mite, è stato un simbolo di purezza e innocenza, che ha poi rappresentato l'intervento divino in alcuni episodi.
Come simbolo di mitezza è usata in vari episodi biblici. Per gli ebrei Giona (Yohnàh, "colombo") era ed è un nome maschile comune (Gna 1,1). In Ca 5,2 e 6,9 “Mia colomba” è un appellativo affettuoso rivolto alla Sulamita dal pastore innamorato e in Ca 1,15 e 4,1 gli occhi dolci di una ragazza sono paragonati a occhi di colomba.
Come simbolo di volontà divina è pure citata in alcuni passi della Bibbia. Nella Genesi (8, 11) è una colomba a portare a Noè il rametto d'ulivo che annuncia la fine del Diluvio universale e l'inizio della salvezza e di una nuova era di pace tra Dio e gli uomini. In Matteo 3,16 la colomba viene vista scendere dal cielo da Giovanni Battista durante il Battesimo di Cristo. Per questo inizialmente l'animale venne associato al battesimo (come in Tertulliano o in rappresentazioni artistiche del IV secolo).
Nei codici miniati del V e VI secolo la colomba si era però già slegata dal significato unicamente legato al battesimo, per assumere il ruolo di simbolo dello Spirito Santo, in episodi come l'Annunciazione o le raffigurazioni della Trinità (come fece dipingere san Paolino a Nola nel V secolo).
In seguito la colomba ebbe un significato ancora più ampio, arrivando a contraddistiguere tutte le azioni divine nell'umanità. Ad esempio nel IX secolo si trova san Gregorio comunemente affiancato da una colomba che rappresentava l'ispirazione divina che lo assisteva. Nel XV secolo una miniatura mostra una colomba accanto a Daniele tra i leoni.
Don Renzo Lavatori - da Il Dono di Dio - ed EDB

 Chi è lo Spirito Santo? Come si può esprimere e rappresentare la sua Persona, il suo essere proprio? Non è facile dare una definizione precisa e umanamente accessibile dello Spirito Santo. Infatti delle tre divine Persone egli è il più misterioso e nascosto.

Del Padre conosciamo i lineamenti descritti da Gesù, le cui caratteristiche possono essere avvicinate alla figura umana della paternità. Il Figlio si è manifestato nella perfetta realtà umana, quando si è incarnato ed è diventato uomo in tutto simile a noi, eccetto il peccato. Dello Spirito Santo invece non conosciamo alcuna rappresentazione adeguata, possiamo solo intravedere il suo mistero attraverso dei simboli o delle immagini che sono state proposte dalla Scrittura e dalla Tradizione della Chiesa. Le più usuali sono: il vento e il soffio; la colomba e il fuoco; l'olio dell'unzione e l'acqua; il Paraclito; il dono.
   1. Il vento e il soffio. Si inizia con queste due prime immagini perché il termine ebraico ruach come quello greco pneuma possono significare, oltre lo Spirito di Dio, anche il vento oppure il respiro e l'alito dell'uomo. A noi interessa soltanto il significato simbolico o la pregnanza dell'immagine che ci fa meglio capire la misteriosità dello Spirito Santo.
   Il "vento" indica la dinamicità e quindi la spazialità e la sua libertà, in quanto è il movimento dell'aria, che corre veloce e in molteplici direzioni; caratteristiche queste, proprie dello Spirito. In particolare il vento sta a significare l'essere sottile e impalpabile dello Spirito Santo. Il vento, alle volte leggero e rinfrescante, come la brezza, altre volte impetuoso e forte, come l'uragano, può essere paragonato allo Spirito che ispira dolcemente la mente e il cuore degli uomini, oppure scuote le coscienze e le travolge con forza per un rinnovamento totale.
   Il "soffio" o il "respiro" vitale è ciò che fa vivere e trasmette la vita. Tutto ciò che esiste e ha vita sulla terra è provocato dal soffio di Dio (Sal 104,29-30). Il collegamento tra il soffio e lo Spirito Santo è stato ben rimarcato dall'evangelista Giovanni sia al momento della morte di Gesù sia nel giorno di Pasqua. Gesù sulla croce «consegnò lo spirito» (Gv 19,30), indicando l'ultimo respiro di un uomo che sta morendo, ma anche invitando a scorgervi il dono escatologico dello Spirito sugli uomini. Inoltre Gesù, dopo la risurrezione, «alitò sui discepoli e disse: ricevete lo Spirito Santo» (Gv 20,22). Lo Spirito Santo dunque è come l'alito o il respiro della vita interiore del Figlio; esprime la potenza vitale che Cristo vuol comunicare o, più precisamente, è il soffio del Risorto che diffonde la sua vita filiale, contro cui non ha più potere la morte né il peccato.
   Il soffio o il vento indica anche la spontaneità, l'imprevedibilità. Per questo lo Spirito Santo agisce sempre in modo nuovo, al di là delle programmazioni o degli schemi prefissati. Nessuno può rendersi conto da dove venga e dove vada (Gv 3,8), come il vento la cui forza e il cui orientamento sono insondabili.
   2. La colomba e il fuoco. La "colomba" è il simbolo più usuale per indicare lo Spirito santo, in riferimento al battesimo di Gesù al Giordano. Infatti tutti quattro gli evangelisti raccontano la discesa dello Spirito in forma di colomba (Mc 1,10; Mt 3,16; Lc 3,22; Gv 1,32). Non si tratta di un'apparizione visibile dello Spirito, quanto piuttosto di una rappresentazione simbolica, in quanto lo Spirito è inteso come la forza soave e mite che viene riversata su Gesù e lo sospinge verso il suo ministero. Essa sta a significare l'amore benevolo di Dio che avvolge il Cristo.
   Alcuni Padri della Chiesa hanno visto nella colomba un'allusione al diluvio, in quanto le acque del battesimo possono ricordare le acque del diluvio (Gn 8,8-12), quando la colomba ha segnato la fine del castigo e l'inizio di una vita nuova sulla terra. Per questo il diluvio è considerato come figura del battesimo (1Pt 3,20-21), il quale toglie il peccato e comunica la rinascita in Cristo. In tal senso nella colomba viene espresso un simbolo di pace e di riconciliazione tra Dio e gli uomini, soprattutto è indicato l'amore divino che perdona i peccati e pone fine alla forza distruttrice del peccato.
   Altri studiosi hanno collegato la colomba con l'inizio della creazione, quando «lo Spirito di Dio aleggiava sulle acque» (Gn 1,2), volendo significare la forza fecondatrice e ordinatrice dello Spirito che, come colomba, volteggia sopra l'universo in formazione per portarvi l'ordine e la bellezza, per imprimervi l'armonia e la bontà quali riflessi dell'essere divino. Al momento del battesimo di Gesù s'instaura un nuovo mondo, fondato non più sul peccato, ma sulla pacificazione degli uomini con Dio, il quale li riconosce e abbraccia come figli nella potenza del suo Spirito.
   Altri ancora sottolineano nel paragone della colomba il movimento che essa fa quando svolazza sopra i suoi piccoli, accostandosi ad essi, senza toccarli, ma avvolgendoli della sua protezione e del suo amore. Ciò sottolinea sia la trascendenza e l'essere celeste dello Spirito sia la dolcezza e la cura amorosa della sua azione verso gli uomini.
   Anche "il fuoco" è rapportato allo Spirito Santo, secondo le parole di Giovanni il Battista: «Egli vi battezzerà in Spirito santo e fuoco» (Mt 3,11) e di Gesù stesso che afferma: «Sono venuto a portare il fuoco sulla terra e come vorrei che fosse già acceso» (Lc 12,49). Il fuoco sta a mostrare l'amore nuovo e grande che Gesù irradia sull'umanità e che egli vive profondamente fino al dono di sé sulla croce. Si tratta dell'amore di Dio che si fa presente, in Cristo e per Cristo, sulla terra, ricolmandola della sua luce e del suo calore. Così le "lingue di fuoco", che si posano sui discepoli a Pentecoste, vogliono esprimere l'ardore bruciante che infiamma i loro cuori per spingerli all'annuncio della buona notizia fino agli estremi confini del mondo.
   Questo fuoco, simbolo dell'amore di Dio, ha un duplice effetto: quello d'illuminare e riscaldare, quello di bruciare e annientare. Si tratta dell'azione interiore dello Spirito Santo, che accende di amore i cuori, ma insieme distrugge tutto ciò che vi si oppone. Egli sa portare luminosità e splendore, conforto e sostegno, ma sa anche annientare e distruggere le erbe secche e inaridite, che impediscono lo sbocciare di nuovi frutti e di nuova vita.
   3. L'olio dell'unzione e l'acqua. Dal fatto che la parola Messia significa "Unto" e che alcuni testi messianici descrivono il Messia ricolmo dello Spirito di Dio, nasce l'accostamento tra l'olio e lo Spirito. Inoltre il collegamento tra l'unzione e lo Spirito Santo è desunto dal testo di Is 61,1, dove la persona descritta dal profeta è consacrata con l'unzione in quanto lo Spirito del Signore è su di lui. L'unzione divina dunque indica la presenza permanente dello Spirito sull'eletto di Dio, affinché possa adeguatamente svolgere la sua missione. L'olio, che serve per attuare l'unzione, possiede le proprietà della forza e della gioia, della salute e della bellezza. Queste medesime caratteristiche sono applicate allo Spirito Santo.
   Nel battesimo al Giordano Gesù è stato unto di Spirito Santo e di potenza (At 10,38; cfr. Lc 4,18). Con l'unzione Gesù dà inizio al ministero della predicazione e all'attuazione della salvezza redentrice per l'umanità, che avrà il suo culmine con la morte in croce e con la risurrezione. Bisogna però tener presente che non solo la pasqua di Cristo è sotto lo Spirito, ma tutta l'esistenza terrena di Gesù va colta alla luce della consacrazione e santità dello Spirito in quanto fin dall'inizio è stato concepito nel seno di Maria per opera dello Spirito Santo (Lc 1,35).
   L'olio possiede anche la capacità di curare e di guarire le ferite, di lenire i dolori e di ammorbidire il corpo e conservarlo: proprietà queste, che si riferiscono anche all'azione consolatrice e plasmatrice dello Spirito Santo. I cristiani, similmente a Cristo, sono consacrati nel sacramento del battesimo e della cresima, dove sono ricolmati della forza e della luce divina per vivere e testimoniare la loro fede (cfr. 1Gv 2,2o.27).
   Il simbolo dell'acqua spesso nell'AT è posto in relazione con l'effusione dello Spirito Santo, secondo il testo di Is 44,3 (cfr. 32,15ss). La salvezza messianica è descritta nell'abbondanza dell'acqua che produce fertilità e salute. Da quest'acqua viene dissetato l'uomo alla ricerca di Dio (cfr. Sal 42,2-3; 63,1-2), in modo che la sua anima arida, come un deserto, sia irrorata e riprenda vita. Nel NT tale simbolismo continua, accostando l'effusione dello Spirito all'immersione nelle acque del battesimo, come annuncia Giovanni Battista (Gv 1,33) e come Gesù stesso conferma con la necessità di rinascere da acqua e da Spirito (Gv 3,5). Gesù promette fiumi d'acqua viva, cioè l'abbondanza dello Spirito Santo, a colui che crede in lui (Gv 7,37-39). Quest'acqua sgorgherà dal suo fianco squarciato sulla croce (Gv 19,34; cfr. Ap 22,1).
   4. Il Paraclito. Gesù, parlando ai discepoli nel cenacolo, prima della sua passione, chiama lo Spirito Santo con il nome di "Paraclito", come documenta il vangelo di Giovanni (Gv 14,16.26; 15,26; 16,7). Il termine letteralmente significa "colui che è invocato" (da para-kaléin = chiamare in aiuto) ed è tradotto giustamente con "avvocato" (ad-vocatus = chiamato presso qualcuno) o difensore oppure mediatore, in quanto compie la funzione d'intercessore o soccorritore. I Padri della Chiesa lo hanno inteso anche come "consolatore", ma in senso derivato, poiché il difensore o avvocato si fa strumento di protezione e di conforto.
   Gesù dice che lo Spirito Santo è «un altro Paraclito» (Gv 14,16), volendo con ciò mostrare che il primo Paraclito è lui stesso e che l'azione dello Spirito Santo sarà simile e in continuazione con la sua. Infatti Cristo è il difensore, perché si è messo dalla parte degli uomini colpevoli di peccato affinché fossero difesi e giustificati, salvandoli e redimendoli con la propria morte e risurrezione. Ora, dopo che Gesù è asceso al cielo, anche lo Spirito Santo è il Paraclito in quanto è presente nei discepoli, al fine di renderli fedeli alla verità del vangelo e suoi annunciatori coraggiosi, in modo che siano valido strumento di risanamento degli uomini da ogni peccato per trasformarli in figli di Dio. In particolare lo Spirito Santo è l'avvocato e il difensore degli apostoli e dei cristiani, quando questi dovranno affrontare le avversità e le persecuzioni degli uomini (Gv 15,26-27). Sarà proprio il Paraclito a suggerire e a insegnare in quei momenti ciò che bisogna dire (Lc 12,12; cfr. Mt 10,17; Mc 13,11). Ciò è avvenuto fin dai primi testimoni, che hanno annunciato la buona novella di Cristo fino all'effusione del sangue con il martirio, come nel caso di Stefano protomartire (At 6,10).
   5. Il Dono, lo Spirito e l'Amore. Lo Spirito Santo è chiamato anche "il Dono" e questa determinazione è forse la più adatta per indicare la complessità e la profondità della sua realtà. In effetti il dono costituisce un dato esperienziale comune e accessibile alla conoscenza umana e insieme contiene molteplici significati che complessivamente possono essere riferiti alla Persona e all'azione dello Spirito Santo, in modo che ne acquisti una luce maggiore. La Scrittura, come anche la Tradizione, il magistero della Chiesa e la liturgia affermano più volte che lo Spirito santo è "il Dono di Dio altissimo" (nell'inno del vespro di Pentecoste), oppure "dono ineffabile" o anche semplicemente "il dono dello Spirito Santo", come appare nella formula sacramentale della cresima: «Ricevi il sigillo del dono dello Spirito santo». Sembra che "il Dono" costituisca il nome personale e specifico dello Spirito Santo.
   In particolare il dono è segno e strumento di amore e di comunicazione interpersonale; esso manifesta anche lo spirito interiore di coloro che si donano. In tal modo è svelato il suo volto proprio e luminoso, con i nomi a lui caratteristici: Amore - Spirito - Comunione, immettendoci nel cuore del suo mistero. Egli è il Dono eterno e sussistente con cui il Padre si relaziona e si comunica al Figlio e il Figlio si abbandona e si dona al Padre; è il loro abbraccio beatificante e infinito che li rende un solo spirito di comunione e di vita.
   L'enciclica "Dominum et vivificantem" (1986) di Giovanni Paolo II si dilunga a scandagliare la vita intima delle tre divine Persone e a cogliere, in particolare, il senso e il valore della Persona dello Spirito Santo. Egli viene individuato come amore e dono personale: «Si può dire che nello Spirito Santo Dio esiste a modo di dono. È lo Spirito Santo l'espressione personale di un tale donarsi, di questo essere amore. È Persona-amore. È Persona-dono» (n.10).
   L'essere divino appare, in forza dell'essere dono dello Spirito santo, un atto di donazione reciproca nell'amore tra Padre e Figlio. Proprio lo Spirito, nella sua realtà personale di dono e di amore, consente alle Persone divine di farsi dono una con l'altra e di essere totalmente e concretamente comunione di amore. Lui è il segno o la manifestazione più totale e personale di questa eterna comunicazione del Padre e del Figlio. Perciò egli è definito «la Persona amore e la Persona dono», cioè il soggetto che si fa dono eterno di amore.

 

Fonte: http://www.unirc.it/documentazione/materiale_didattico/597_2009_186_4682.doc

Sito web da visitare: http://www.unirc.it/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

Nota : se siete l'autore del testo sopra indicato inviateci un e-mail con i vostri dati , dopo le opportune verifiche inseriremo i vostri dati o in base alla vostra eventuale richiesta rimuoveremo il testo.

Parola chiave google : Catechismo della Chiesa Cattolica i simboli tipo file : doc

 

Catechismo della Chiesa Cattolica i simboli

 

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

Catechismo della Chiesa Cattolica i simboli

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

 

Catechismo della Chiesa Cattolica i simboli