Espressionismo

 

 


 

Espressionismo

 

I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione).

 

Espressionismo

 

Le radici dell’espressionismo
Nella fase del postimpressionismo l’attività di alcuni pittori crea le premesse di uno degli stili fondamentali del Novecento: l’espressionismo. Il termine «espressionismo» nacque proprio in opposizione a quello di «impressionismo». I pittori impressionisti esprimono le proprie sensazioni visive. Esprimono, in sostanza, le emozioni del proprio occhio. I pittori espressionisti vogliono esprimere molto di più. Vogliono esprimere tutta le proprie emozioni interiori e psicologiche, non solo quelle sensoriali ottiche.Quello che storicamente viene definito «espressionismo», nasce intorno al 1905 contemporaneamente in Francia ed in Germania con due gruppi artistici: i «Fauves» e «Die Brucke». Le loro novità artistiche e stilistiche vengono preparate, dal 1880 in poi, dalla attività di tre principali pittori postimpressionisti: Van Gogh, Gauguin e Munch. In questi tre pittori la pittura non riproduce realtà visibili dall’occhio, ma riproduce il riflesso interiore della realtà esterna.Le motivazioni all’origine dell’opera di questi tre pittori sono molto diverse, così come sono diversi i risultati ai quali giungono. Tuttavia, sia Van Gogh, sia Gauguin, sia Munch, esprimono una forte carica di drammaticità che li pone su un piano opposto rispetto all’impressionismo. L’impressionismo è stato connotato da una gioiosità di fondo. Al contrario l’espressionismo, e tutto ciò che è venuto prima e dopo, a cominciare da Van Gogh, esprime sentimenti e sensazioni più intense e dolorose che toccano alcuni dei centri nervosi più profondi della natura umana.

 

Fonte: http://www.scuolatorella.it/AreaRagazzi/Lavori/Il_Decantismo/Le%20radici%20dell.doc

Sito web: http://www.scuolatorella.it/

 

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

 

 


 

Espressionismo

 

4          Espressionismo

 

L'origine dell'espressionismo moderno va ricercata nelle tensioni pitto­riche, socio-culturali e architettoniche che hanno prodotto lo stile di fine secolo dell'Art Nouveau. Tra quelle architettoniche spicca la figura di Gottfried Semper il quale viene riconosciuto come il codificatore dell'ornamentazione dinamica , ovvero di un’espressione in grado di attivare particolari stati emotivi per mezzo dell'architettura.
Sia nelle arti figurative che in architettura l'atteggiamento culturale dell'espressioni­smo è caratterizzato dalla negazione di ogni esperienza artistico-compositiva a priori e dalla ricerca di un continuo rinnovamento linguistico. E' più importante l'esperienza diretta, che porta a scoprire la realtà nelle sue manifestazioni, piuttosto che l'acquisizione nozionistica derivante da un indottrinamento non esperito.
Non vi sono regole codificate in architettura dato che l'espressionismo "tende a negare una sintassi comunicabile, e a ricercare piuttosto in ogni opera le proprie regole creative e va quindi giudicata proprio sul piano dello scontro della realtà e dell'occasione".
Sichtbarkeit, einfuhlung e volksgeist sono unite da un nuovo carattere linguistico che rifiuta ogni gestalt architettonica derivante dall'eclettismo storicistico, pronto a recepire lo zeitgeist come impegno partecipativo alla realtà moderna. Attraverso un grado di sperimen­tazione illimitato delle caratteristiche di liquidità e di plasticità del cemento armato, l'espressionismo invalida il pro­cesso creativo spaziale come addizione di interventi seriali e discreti derivanti sia dalla stereometria classica che dalle regole incipienti del moderno, per affermare il primato della continuità delle forme e degli spa­zi dell'architettura. All'interno di questa ricerca si sviluppa il lavoro di un precursore dell'Art Nouveau, Henry Van de Velde che con il Werkbundtheater progettato per l'esposizione organizzata a Colonia dal Werkbund nel 1914, scandisce una fase di passaggio tra il protorazionalismo e l'espressionismo. Ma sarà la tridimen­sionalità antiprospettica di Erich Mendelsohn a completare i caratteri del codice-stile che troverà nella torre Einstein a Potsdam del 1920-24, la composizione più emblematica.
Bruno Taut, leader del Novembergruppe, ribaltando il rapporto tra forma e funzione espresso da Sullivan scri­verà:

"(...) non sono le esigenze pratiche, ma la fantasia della forma a generare l'architettura. Così si dimostra che ciò che determina la volontà dell'architetto è qualcosa di completamente diverso dall'assoggettamento alle necessità funzionali e si chiarisce che questa volontà sta al di là di ciò che è essenzialmente pratico e che la maggior aspirazione dell'architetto è quel tipo di edifici in cui le istanze pratiche hanno un peso insignificante o addirittura nullo. In ogni epoca di splendore culturale tutti mirano a un'architettura che si elevi al di sopra delle strette necessità materiali e in questo senso si orientano le scelte architettoniche del periodo."

In Olanda si compie una delle maggiori diaspore della cultura architettonica contemporanea che avrà come poli opposti e inconciliabili l’espressionismo “Wendingen” della Scuola di Amsterdam da un lato, e l’astrazione neoplastica “De Stijl” con il suo centro a L’Aja dall’altro.
Tra i primi, Michel de Klerk (1884-1923), Pieter Lodewijk Kramer (1881-1961), Johan Melchior van der Mey (1878-1949), tutti facenti parte dell’atelier di E. Cuypers ai primissimi del ‘900, cercavano di esprimere il carattere delle città olandesi e in particolare della “Venezia fiamminga”. In essa sono presenti continui rimandi al linguaggio marittimo, come se le strade e i canali della città rappresentassero il mare e gli edifici le navi, e dove, quindi, edifici e città tendono a fondersi gli uni nell’altra creando un paesaggio urbano unico per continuità, carattere e intensità. Sono i bambini che vivono il quartiere a giovarsene, insieme alle donne che trascorrono gran parte del proprio tempo nel luogo di residenza, ma anche gli uomini che quando tornano a casa stanchi dal lavoro si meritano di vivere in un quartiere progettato a misura d’uomo.

 

“Come possiamo ringraziare questo lavoratore coraggioso per ciò che ha fatto per i nostri figli (…)? Non è magnifico, dopo la fatica del giorno, ritornare in una casa costruita di pura gioia? Non è come se ogni mattone ci chiamasse, venite o lavoratori, e riposate nelle vostre case”.

Wendingen, l’organo editoriale del gruppo, non fu una vera e propria rivista ma piuttosto un giornale, il giornale della Scuola di Amsterdam, e la sua redazione più che pubblicare manifesti ideologici si poneva l’obbligo di essere fedele a una linea culturale eroica, per la quale non vi sarebbe dovuta essere scissione tra architettura e urbanistica.
Tra i principali animatori dell'espressionismo troviamo: Fritz Höger che dà nuovo vigore al codice con la Chilehaus del 1923, una grande “nave” che transita per le strade di Amburgo; Kurt Schwitters che nella casa ad Hannover del 1924 decostruisce i nessi sintattici dello spazio approdando a un pre-informale e precorrendo il decostruttivismo; Hans Poelzig che smaterializza l’involucro nel progetto dell’interno del teatro di massa a Berlino del 1919; Rudolf Steiner che con il Ghoeteanum II a Donark (Basilea) del 1928 conferisce all’architettura espressionista il valore plastico della pietra preistorica scagliata.
L’espressionismo genererà il neo-espressionismo tra le cui opere vanno citate: la dinamicissima Filarmonica di Berlino di Hans Sharoun, capolavoro indiscusso e insuperato dell’architettura delle sale da concerto; l’Opera-House di Sidney di John Utzon, conformata da una serie di gusci che diventano simbolicamente le vele gonfie di un veliero in navigazione nella baia; il Terminal della TWA all’aeroporto J.F. Kennedy di New York progettato da Eero Saarinen secondo un impianto strutturale zoomorfo che dà vita a un guscio di copertura sostenuto da audaci quanto scultorei pilastri ad “Y”; molte opere di Ralph Erskine tra cui la cartiera Fors del 1953 dove le torri di ventilazione vengono modellate plasticamente come pagine di un libro aperto, il serpeggiante quartiere residenziale Byker a Newcastle upon Tyne completato nel 1981, l’Arca di Londra del 1994, edificio a forma di chiatta marina con un atrio interno antiprospettico e curvilineo.
Nella scena italiana il genio di Giovanni Michelucci combina l’espressionismo con l’architettura organica nelle chiese di San Giovanni Battista sull’autostrada A1, Firenze-Nord del 1961, di Borgomaggiore a San Marino, sempre del 1961, e dell’Immacolata Concezione a Longarone del 1970, nonché nelle strutture ricettive all’ingresso del parco di Pinocchio a Collodi del 1959. Luigi Moretti con la Casa del Girasole realizzata a Roma nel 1948, grazie a un profondo taglio che collega la spazialità dell’atrio su viale Bruno Buozzi con quello più interno, evita di concepire una palazzina con chiostrina, essendo questi spazi separati solo dal corpo scala-ascensore, che diventa l’albero dell’edificio. Con l’intervento del quartiere residenziale Incis a Decima, Roma, del 1960 Moretti e Adalberto Libera curvano i sedimi dei corpi di fabbrica così da ottenere spazi urbani modellati su forme concave e convesse. Con il Watergate di Washington del 1961 infine Moretti realizza quella modellazione circolare dei volumi degli edifici così cara in quegli anni a Ludovico Quaroni con il progetto mestrino delle Barene di San Giuliano del 1959.
La crisi dell'espressionismo, iniziata nella metà degli anni venti, è dovuta princi­palmente al carattere individualistico del movimento il quale non riuscì a trasfor­mare la propria continuità spaziale e plasticità architettonica in continuità propositiva. Mendelsohn è una personalità in rivolta, isolata, che rifiuta la scomposizione cubi­sta e, nonostante il suo grande successo nella Germania democratica, non partecipa ai grandi appuntamenti del periodo: la Bauhaus, l’Esposizione di Stoccarda, i CIAM, la mostra di New York del 1932.
Oltre al neo-espressionismo, la cui continuità può essere ricercata nella poetica dell'informale e negli esperimenti di arcologia di Paolo Soleri, una combinazione di questo codice con l’Hi-Tech può essere individuata nelle strutture ad albero di Meinhard von Gerkan, nella destrutturazione compositiva delle scocche e delle placche di Günter Domenig, nelle impalcature boccioniane di Frank Gehry, nelle modellazioni pluridimensionali di Massimiliano Fuksas.

 

Ambiti problematici:

 

1 - Rapporti architettura/città costruita:
Continuità dello spazio architettonico volta a coinvolgere progettualmente la città.
2 - Leggi di crescita e di sviluppo interne al progetto:
Stile anti-codice per eccellenza, non sono ammesse leggi di sviluppo seriale.
3 - Caratteristiche linguistiche degli elementi compositivi:
Composizioni dinamiche basate sull'uso di forme modellate sulla curva e sulle
linee oblique.
4 - Rapporti tra piano del contenuto e piano dell'espressione:
L'occasionalità e il momento presente vengono colti e "pietrificati" in un
attimo della loro esistenza.
5 - Caratteristiche volumetriche:
Forme libere e disprezzo per i volumi puri.
6 - Spazio interno e rapporto con l'esterno:
L'esterno dell'edificio è riflesso internamente e lo configura.
7 - Promesse:
Le libertà esistenziali si elevano al di sopra delle strette necessità materiali.

 


- Semper (1803-79), accreditato con l'Hittorf come lo scopritore della policromia nell'architettura Greca, è l'architetto tedesco più rappresentativo della metà del XIX secolo. Egli crede che un edificio debba esprimere le proprie funzioni nella pianta e nell'involucro esterno.

- V. Gregotti, L'architettura dell'espressionismo, in Casabella, n. 254

- La pura visibilità

- Introduzione al sentimento, sentire insieme, consenso.

- Spirito popolare.

- Aspetto, figura, forma.

- Spirito del tempo.

- L'edificio, andato distrutto, presentava un forte asse di simmetria che ne riduce la carica espressionista.

- Van De Velde ha vissuto il tardo espressionismo ricercando l'incontro tra "lo spirito gotico, la sua identificazione con il legname, la sua frenesia di smaterializzazione, e lo spirito dell'antichità ellenica. (…) E' ovvio che porre una questione di prevalenza dell'uno ri­spetto all'altra comprometterebbe irrimediabilmente l'equilibrio. Nulla comprenderemmo delle crea­zioni dei più radicali modernisti, se rifiutassimo di riconoscere lo spirito gotico nelle loro co­struzioni, che cercano di spogliarsi di ogni massa solida per apparire leggere come i tratti di matita e le parti acquarellate sui loro disegni. Nello stesso tempo tuttavia una forte corrente e imponenti creazioni architettoniche cercano di incorporare questo spirito del gotico nelle masse e nei volumi, animati, smaterializzati dal soffio e dalla presenza della vita, come nelle masse e nei volumi dell'architettura greca. Mi sembra indubbio che le due scuole debbano incontrarsi per conciliare il principio dell'astrazione con l'essenza della formula della plasticità, quella che poc'anzi ho tentato di definire." La via sacra, 1933; in Casabella n. 237, marzo 1960.

- Terza invariante del Linguaggio moderno dell'architettura di B. Zevi.

- Se Mendelsohn ne è il genio sarà Hans Sharoun a perpetuarne il messaggio fino agli anni settanta. (B. Zevi).

- Bruno Taut, La corona della città, 1919. Milano Ed. Mazzotta, 1973. (Anche in: Architet­tura e Urbanistica n.???, pag. 268)

- che costituisce la culla della scuola di Amsterdam.

- Questo interrogativo se lo poneva nel 1923 una donna che abitava una casa di M. de Klerk.

 

Fonte: http://www.ruggerolenci.it/Didattica/04%20Espressionismo.doc
Sito web: http://www.ruggerolenci.it/

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

 

L’Espressionismo

 

"Espressionismo" è un movimento culturale europeo circoscrivibile a circa un ventennio che coincide con i primi anni del 1900.

Nacque in Germania, tra il 1905 e il 1925, come movimento artistico che contrastava radicalmente i pittori allora in voga, usando colori aggressivi, linee dure e spezzate e deformando le proporzioni.

È un movimento di denuncia della realtà dei primi anni del secolo: la realtà amara della guerra, di perdita di valori, di aspre lotte di classe; è la rivolta di una società che da agricola si avvia a diventare industriale: nasce il capitalismo, viene favorito l’inurbamento nelle metropoli, il lavoro nelle fabbriche e iniziano le contestazioni di classe.

Proprio questi furono i temi principali e dolorosi degli artisti espressionisti che denunciano il disagio sociale nelle loro opere.

L'Espressionismo tedesco utilizzerà l'immagine come forma di denuncia politica e sociale: spesso i soggetti prediletti sono persone della strada, emarginati.

Il gruppo utilizza colori densi, che appaiono come incrostati sulla tela concorrendo a dare sgradevoli sensazioni che sottolineano la bruttezza della realtà e il degrado umano.

Per questo motivo si può ritenere un gruppo rivoluzionario con un orientamento ideologico preciso che esprime sin dall'origine un aperto dissenso nei confronti della società conservatrice della Germania del tempo.

L’Espressionismo artistico tedesco viene solitamente suddiviso in tre correnti:

  • il Ponte (in tedesco Die Brucke), si formò a Dresda nel 1905 (Ernest Ludwig Kirchner, Emil Nolde): gli artisti del Ponte denunciano il degrado della società di inizio secolo e vogliono rappresentare un "ponte" verso un futuro più perfetto
  • il Cavaliere azzurro (in tedesco Der Blaue Reiter) corrente formata nel 1911 da Vasilij Kandinskij  e Franz Marc , ricercava nell’arte una dimensione spirituale, spesso rappresentando la natura
  • la Nuova Oggettività (in tedesco Neue Sachlichkeit) si espresse con le opere di Otto Dix e George Grosz denunciando gli orrori della guerra e il degrado della politica tedesca.

Gli espressionisti estesero i loro interessi a ogni forma di comunicazione (letteratura, teatro, musica, cinema).

Per loro l’uomo era un alienato privo di spiritualità che viveva in una società falsa e ipocrita.

 

LA NUOVA OGGETTIVITA

Il 1° agosto del 1914 inizia la guerra: i tedeschi acclamano la guerra con un'esultanza patriottica, un ottimismo che li rende sicuri della vittoria e che si allarga anche agli intellettuali ed anche agli artisti.

Tra questi ultimi alcuni partono volontari per combattere, altri per aiutare nel servizio medico e nella Croce Rossa.

A molti la guerra, in un primo momento, appare come un evento che avrebbe distrutto il passato e avrebbe rinvigorito le forze giovani tendenti al rinnovamento.
Ma dopo il 1916 le cose cambiano.


Migliaia di caduti, il logoramento della guerra di trincea, la miseria dei civili affamati, lo spettacolo traumatico dei crateri causati dai bombardamenti, le mutilazioni, portarono ad una profonda delusione, ad una situazione di sofferenza.

Fu tutto ciò a generare la corrente del Realismo Espressionista o della Nuova Oggettività.
I temi preferiti saranno la miseria, la morte, le mutilazioni, contrapposte alle scene di agio e di ricchezza dei pochi arricchiti proprio dalla guerra.

 

 

Alcune opere degli espressionisti

espressionismo

 

 

 

E. L. Kirchner (corrente del Ponte):

La città non è un sereno e piacevole luogo di svago: i passanti sono privi di umanità, chiusi nella loro disperata solitudine.

 

 

 

 

 

espressionismo

 

 

 

E. L. Kirchner: Cinque donne per strada

L’autore rappresenta cinque prostitute in attesa nelle vie squallide di Berlino; i loro volti sono taglienti, simbolo dell'inaridirsi dei sentimenti

 

 

 

 

espressionismo

 

 

Franz Marc (corrente Cavaliere azzurro): Toro rosso

Dipingere la natura è un antidoto contro la frustrazione della vita moderna, una ricerca di armonia con l’universo

 

 

 

espressionismo

 

 

Otto Dix: (corrente Nuova oggettività):

raffigura in modo cruento e drammatico

 i disastri della Prima Guerra Mondiale.

 

 

 

 

 

 

espressionismo

 

 

Otto Dix: Venditore di fiammiferi

Un povero mutilato vende fiammiferi, i passanti gli scivolano accanto frettolosamente, ignorando la sua condizione: neppure il cagnolino ha rispetto di lui.

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: http://cmapspublic2.ihmc.us/rid=1G81ZYK26-1WY3RWL-CCL/1)%20Espressionismo.doc

 

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

 

 

 

 

Espressionismo

 

 

 

Home

 

link
Alimentazione
link
Animali
link
Architettura
link
Arte
link
Appunti
link
Astrologia e esoterismo
link
Astronomia
link
Benessere e salute
link
Biologia
link
Botanica
link
Chimica
link
Cinema e TV
link
Comunicazione
link
Cucina
link
Diritto
link
Dizionari e enciclopedie
link
Documenti utili
link
Economia
link
Filosofia
link
Fisica
link
Fisiologia
link
Fitness
link
Geografia
link
Giochi
link
Grammatica
link
Greco
link
Informatica
link Ingegneria
link
Lavoro
link
Latino
link
Lezioni - corsi
link
Lingue
link
Letteratura
link
Matematica
link
Medicina
link Meteo
link
Moda e spettacolo
link
Musica
link
Pedagogia e pediatria
link
Psicoanalisi e psicologia
link
Religioni
link
Riassunti
link
Scienze
link
Sociologia
link
Sport
link
Storia
link
Tempo libero
link
Tesine
link
Utility
link
Viaggi

 

Top

 

Espressionismo

 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale, pertanto non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001. I riassunti , gli appunti i testi e le citazioni contenuti nel nostro sito sono messi a disposizione gratuitamente a studenti, ricercatori, professori, tecnici con scopi illustrativi didattici e scientifici con il concetto del fair use e con obiettivo del rispetto della direttiva europea 2001/29/CE e della legge n. 633 art. 70 e dlg 68. Il sito è curato e coordinato dall’autore al solo scopo informativo e didattico. Pur ritenendo le fonti utilizzate affidabili, l'autore di questo sito non garantisce l'accuratezza e l'integrità delle informazioni contenute e pertanto declina ogni responsabilità per eventuali problemi o danni causati da errori o omissioni, nel caso tali errori o omissioni risultino da negligenza, caso fortuito o altra causa. Tutti gli appunti, le citazioni i testi e le immagini , sono proprietà dei rispettivi autori o case di produzione che ne detengono i diritti, qualora gli aventi diritto si ritenessero danneggiati dall'inserimento in questo sito dei predetti files o fossero stati inavvertitamente inseriti immagini, informazioni, testi od altro materiale coperto da Copyright saranno immediatamente rimossi e/o ne saranno citate le fonti su semplice segnalazione all' indirizzo e-mail indicato nella pagina contatti .

Gli obiettivi di questo sito sono il progresso delle scienze e delle arti utili in quanto pensiamo che siano molto importanti per il nostro paese i benefici sociali e culturali della libera diffusione di informazioni utili. Tutte le informazioni e le immagini contenute in questo sito vengono qui utilizzate esclusivamente a scopi didattici, conoscitivi e divulgativi. Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione). In questo sito abbiamo fatto ogni sforzo per garantire l'accuratezza dei tools, calcolatori e delle informazioni, non possiamo dare una garanzia o essere ritenuti responsabili per eventuali errori che sono stati fatti, i testi utilizzati sono stati prelevati da siti che li hanno messi a disposizione gratuitamente per farli conoscere nel web con scopi didattici. Se trovate un errore su questo sito o se trovate un testo o tool che possa violare le leggi vigenti in materia di diritti di autore, comunicatecelo via e-mail e noi provvederemo tempestivamente a rimuoverlo.

 


Espressionismo

 


 

Designed by Larapedia.com 1998 -2011