Religioni nel mondo

 


Portale religioni

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studenti , docenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche.

 

 

Indice portale religioni in ordine alfabetico

 

Religioni

 

Le religioni nel mondo


Da molti secoli le credenze religiose forniscono all’uomo certezze, speranze e immaginazione che questi non riesce a trovare nella sua esperienza terrestre. A partire già dalle prime forme di Homo sapiens Neanderthalensis l’Uomo ha cominciato ad attribuire valenze magiche all’atto del trapasso ed ha cominciato a nutrire la speranza di una vita dopo la morta, ovvero la speranza di superare la morte e la sua paura.
Oggi possiamo contare sul nostro pianeta circa tre grandi categorie religiose: animista, politeista e monoteista.
Religioni animiste
L’animismo è particolarmente diffuso in Africa e conta circa 200 milioni di fedeli. Non esiste una sola religione animista, ma molte: per questo si parla, al plurale, di culti animisti. Secondo queste credenze, vengono attribuite qualità divine o soprannaturali a cose, luoghi o esseri materiali. Queste religioni cioè non identificano le divinità come esseri superiori, bensì attribuiscono proprietà spirituali a determinate realtà materiali. Questo tipo di credenze è così chiamato perché si basa sull'idea di un certo grado di identificazione tra principio divino (anima) e aspetti “materiali” di esseri e realtà (anche "demoni" e altri enti).
Religioni politeiste
Tra le religioni politeiste si contano numerosissimi fedeli, specialmente in Asia. Tra le principali religioni di carattere politeista abbiamo l’induismo. Dare una definizione unitaria dell'Induismo è difficile, poiché esso – più che una singola religione in senso stretto – si può considerare una serie di correnti religiose, modi di comportarsi, abitudini quotidiane spesso diverse tra loro, aventi sì un comune nucleo di valori e credenze religiose, ma differenti tra loro a seconda del modo in cui interpretano la tradizione e la sua letteratura religiosa, e a seconda di quale aspetto diviene oggetto di focalizzazione per le singole correnti. Ufficialmente, si professano induisti coloro che seguono le seguenti regole:

  1. Accettano rispettosamente il libro sacro dei Veda come la più alta autorità riguardo agli argomenti religiosi e filosofici. Il libro dei Veda contiene insegnamenti importanti anche sulla vita di tutti i giorni.
  2. Mantengono uno spirito di tolleranza e di buona volontà per comprendere e apprezzare il punto di vista dell'interlocutore.
  3. Accettano l’esistenza di un ritmo costante del cielo che conosce periodi di creazione, di conservazione e di distruzione.
  4. Accettano la convinzione che le anime abitano i corpi degli individui e poi, alla fine della vita, passino ad altro corpo.
  5. Credono necessario adorare le Murti (rappresentazioni) delle divinità principali: esse sono hrishna, Shiva e Kalì.

Lo scintoismo, invece, diffuso maggiormente in Giappone, prevede l'adorazione dei Kami, un termine che si può tradurre come divinità, spiriti naturali o semplicemente presenze spirituali. Alcuni kami sono locali e possono essere considerati come gli spiriti guardiani di un luogo particolare, ma altri possono rappresentare uno specifico oggetto o un evento naturale, come per esempio Amaterasu, la dea del Sole. Il Dio dei cristiani in giapponese viene tradotto come "kami". Anche le persone illustri, gli eroi e gli antenati divengono oggetto di venerazione dopo la morte e vengono a loro volta annoverati tra i kami. La parola Shinto nasce dall'unione dei due termini: shin che significa "divinità", "spirito" e tō, che vuol dire "via", "sentiero". Quindi, Shinto significa letteralmente "pratica degli Dèi", "via degli Dèi". In alternativa a Shinto, l'espressione puramente giapponese — con il medesimo significato — per indicare lo Shintoismo è Kami no michi.
Nella seconda metà del XIX secolo, nel contesto del Rinnovamento Meiji fu elaborato lo Shinto di Stato che mirava a dare un supporto ideologico e uno strumento di controllo sociale alla classe dirigente giapponese, e poneva al centro la figura dell'imperatore e della dea Amaterasu, progenitrice della stirpe imperiale. Lo Shinto di stato fu smantellato alla fine della seconda guerra mondiale, con l'Occupazione del Giappone.
Lo zoroastrismo è una religione e filosofia basata sugli insegnamenti del profeta Zoroastro o Zarathustra ed è stata in passato la religione più diffusa nel mondo. E' forse la più antica delle religioni ancora esistenti, fondata prima del sesto secolo a.C. nell'antica Persia (attuale Iran). In questa religioni vi sono due spiriti contrapposti che si combattono, il dio buono Ahura Mazda, ed il dio cattivo Angra Manyu. La contrapposizione di questi dei è posta come momento creatore di tutto il cielo e la terra.
Religioni monoteiste
La più antica delle religioni monoteiste è quella ebraica.  Da essa si sono generate le altre religioni monoteiste. La grande differenza che separa l’ebraismo dalle altre religioni monoteiste è l’avvento del Messia: per il cristianesimo egli è arrivato. Secondo l’Islam, il Profeta è stato Maometto. Gli ebrei sono, invece, in attesa che il Messia giunga e porti pace sulla Terra.
Si rimanda agli appunti di cui abbiamo parlato lungamente in classe a proposito di questa religione; in queste righe si fa riferimento solo alla natura fondamentale del testo sacro della Torah. Esso consta dei primi cinque libri della Bibbia (nella tradizione cristiana, il Pentateuco). La parola Torah vuol dire Legge ed a questo testo si affianca il Talmud, ovvero lo Studio: si tratta di opere scritte da studiosi ebrei fino al XV secolo, nei quali si offre un’interpretazione della Legge. Atto di ingresso nella comunità degli adulti, vera azione di “maggiorità” religiosa è proprio quello di leggere la Torah in pubblico: i ragazzi ebrei leggono per la prima volta il testo con il Bar Mitzvah, all’età di 12 anni. Le ragazze anticipano questo rito all’anno precedente: esso prende il nome di Bat Mitzvah. Il termine mitzvah, d’altra parte, sta ad indicare precetto; ogni buon ebreo, infatti, per essere tale, dovrebbe compiere nell’arco della sua vita tutti i 613 precetti (mitzvot): alcuni di questi chiedono di astenersi dal compiere alcune azioni (come ad esempio mangiare carne di maiale, non usare cibi lievitati…) altri chiedono di compiere qualche azione specifica (per esempio, indossare un copricapo quando si entra in una sinagoga…). Le festività più importanti dell’ebraismo si rifanno tutte agli eventi raccontati nelle pagine bibliche. Per esempio, la festività della Pasqua viene indicata con il termine ebraico Pesach. Quando Dio annuncia al popolo di Israele, schiavo in Egitto, che lui lo libererà, egli dice: «In questa notte io passerò attraverso l'Egitto e colpirò a morte ogni primogenito egiziano, sia fra le genti che tra il bestiame». Ad ogni modo, ordina al popolo di Israele di marcare gli stipiti delle loro porte con del sangue di agnello cosicché. «Io vedrò il sangue e passerò oltre, colpirò invece con il mio castigo l'intero Egitto, e a voi non succederà niente». La frase passerò oltre viene resa con la parola Pesach; da questa trae origine il termine italiano Pasqua. In inglese viene invece utilizzata la traduzione letterale pass over contratto in Passover.  Lo Yom Kippur, invece, è il giorno ebraico della penitenza, esso viene considerato come il giorno ebraico più santo e solenne dell'anno. Il tema centrale è l'espiazione dei peccati e la riconciliazione. È proibito mangiare, bere, lavarsi, truccarsi, indossare scarpe di pelle ed avere rapporti sessuali. Il digiuno - astinenza totale da cibo e bevande - inizia qualche attimo prima del tramonto  e termina dopo il tramonto successivo, all'apparire delle prime stelle. Le persone malate consultano in anticipo un'autorità rabbinica competente per verificare se il loro stato le esenti dal digiuno.
Passiamo ora all’Islam. Il termine, com’è noto, indica sottomissione mentre l’aggettivo che in italiano indica colui che è seguace dell’Islam è musulmano; tale parola deriva dal termine arabo muslim che indica, appunto, l’assoggettamento a Dio.
La fede per i musulmani è basata sui "cinque pilastri". Per essere un "uomo dell'Islam" si deve possedere perfettamente la fede in questi principi ed esercitare il bene e la pietà. L'Islam si configura quindi come «intima pace dell'uomo con Dio» e il mùslim è colui che si affida con pienezza al Signore. Questo fiducioso abbandono è manifestato dal credente assolvendo per quanto può ai doveri espressi dai cinque arkān al-Islām, vale a dire i cinque "pilastri della fede islamica". Uno di questi per esempio, richiede la recitazione delle cinque preghiere ogni giorno: esse vanno recitate sempre in lingua araba.
La religione cristiana, infine, si differenzia in varie confessioni. La confessione cristiana afferma l'esistenza di un unico Dio in tre persone uguali e distinte, Padre, Figlio e Spirito Santo, creatore dell'universo e datore della vita e di bene. L'uomo, creato ad immagine e somiglianza di Dio, è dotato di libero arbitrio, in grado cioè di scegliere fra il bene e il male. Dio ha progressivamente rivelato se stesso e ha stabilito un'alleanza dapprima con il popolo d'Israele e poi attraverso Israele a tutte le genti portando l'alleanza a pieno compimento in Gesù Cristo il Messia, Figlio di Dio della stessa natura del Padre; Egli ha compiuto l'Antica Legge, e ha portato la nuova Salvezza a tutti popoli, con una nuova alleanza.  L'opera di Gesù Cristo prosegue nella Chiesa cattolica, guidata dallo Spirito Santo e istituita da Dio per la salvezza di tutte le genti. A capo della Chiesa Cattolica vi è il Papa (dalle prime sillabe iniziali delle parole latine pater pastorum): egli rappresenta tutto il Cattolicesimo sulla Terra ed è infallibile. La missione della Chiesa si esercita con gli insegnamenti, la preghiera, la liturgia e l'amministrazione dei sacramenti attraverso cui Dio offre in dono la grazia. Nella religione cattolica sono i sacerdoti a leggere la parola di Gesù Cristo, il Vangelo, ed ad interpretarla.
La Chiesa Ortodossa, cioè "di corretta opinione", (i cui aderenti definiscono anche come Chiesa Cattolica Ortodossa) è una comunione di Chiese cristiane separate dal papato romano, erede della cristianità dell'Impero bizantino, che riconosce un primato d'onore al Patriarca ecumenico di Costantinopoli. L'inizio ufficiale della Chiesa Ortodossa viene fatto generalmente risalire all'anno 1054, in seguito a quello che le fonti storiche definiscono tradizionalmente come il Grande Scisma, in seguito al quale quella che fu la chiesa di Stato dell'Impero romano vide la sua parte orientale e quella occidentale dividere le strade definitivamente, dopo secoli di controversie
Con il termine Ortodossia si designa il principale attributo della chiesa di Stato. L'aggettivo "ortodosso" veniva utilizzato, soprattutto in Oriente, per designare alcune dottrine o interpretazioni teologiche ritenute esatte, rispetto ad altre, considerate non corrette.
La Chiesa protestante ebbe origine dall’atto di protesta del monaco Martin Lutero. Questi affisse sulle mura della cattedrale di Worms, in Germania, nel 1517, le sue tesi che volevano segnalare una distanza con la Chiesa romana dell’epoca.
Il protestantesimo da un lato in gran parte accetta le dottrine fondamentali relative all'unicità di Dio, al ministero di Gesù e all'importanza della santificazione mediante lo Spirito santo, come espresso nei simboli di fede della chiesa antica. Ma,s soprattutto, stabilisce alcune differenze importanti: in primo luogo l’obbligo di ogni credente di leggere da solo, di interpretare da solo il testo sacro; infatti, duranti i riti religiosi protestanti no è il pastore a leggere, ma è un membro della comunità. Inoltre, nel Protestantesimo si accentua il rilievo della Bibbia nello stabilire la regola della fede, rispetto alla tradizione della Chiesa: ovvero che non può essere la mediazione della Chiesa a garantire la salvezza di un uomo, ma soltanto la sua fede. La Chiesa, dunque, non può assolvere per i peccati: solo Dio, con la sua bontà, può decidere se assolvere oppure no.  Questo concetto prende il nome  di dottrina della giustificazione per sola fede.
Religioni filosofiche
Si intendono come religioni filosofiche quelle che più dare una speranza concreta di una vita dopo la morte, insegnano un modo di vivere ed un comportamento giusto.
Il buddismo è maggiormente diffuso in Asia. Originato dagli insegnamenti di Siddhārtha Gautama, comunemente si compendia nelle dottrine fondate sulle Quattro nobili verità. Queste Quattro Nobili Verità contemplano l'aspetto pratico della condotta di vita e della pratica spirituale buddhista nel cosiddetto Nobile sentiero, che costituisce il secondo cardine dottrinale del Buddhismo. I punti salienti della visione buddhista della realtà indirizzata dall'insegnamento del Buddha, sono:

  1. la dottrina della sofferenza, ossia che tutti gli aggregati (fisici o mentali) sono causa di sofferenza qualora li si voglia trattenere ed essi cessano, oppure si voglia separarsene ed essi permangono.
  2. la dottrina dell'impermanenza, ossia che tutto quanto è composto di aggregati (fisici o mentali) è soggetto alla nascita ed è quindi soggetto a decadenza ed estinzione con la decadenza ed estinzione degli aggregati che lo sostengono;
  3. la dottrina dell'assenza di un io eterno e immutabile (ossia di un'anima),come conseguenza di una riflessione sui due punti precedenti.

Il confucianesimo è invece la religione più diffusa in Cina. E’ un complesso di credenze, riti e costumi fondati sull’antica saggezza cinese e associati al nome di Confucio, filosofo e uomo politico. Il rispetto delle tradizione, la gentilezza, la determinazione nello studio sono elementi essenziali per questa religione. Essa non promette la sicurezza di una vita ultraterrena, ma stabilisce le leggi morali per vivere in armonia con il mondo.
Il taoismo infine, sostiene che il piano del mondo non possa essere sovvertito. All’inizio della sua storia questa religione prevedeva che ogni uomo si confrontasse con se stesso e che derivasse dalla meditazione la sua saggezza. L'esistenza universale non è altro che un perpetuo avvicendarsi di trasformazioni e di fenomeni: il fatto più evidente di questa vicenda, è il continuo ed eterno alternarsi di esistenza e cessazione di questa. Secondo le idee occidentali, la morte è l'antitesi della vita: sono due termini diametralmente opposti, senza alcuna attinenza, assolutamente antitetici. Il Taoismo al contrario considera la vita e la morte in stretta relazione tra loro, come due stadi necessari della vita universale sulla terra, e della vita individuale degli esseri. Nel corso degli anni a questa credenza religiosa si sono aggiunti diversi altri culti: ora i seguaci del taoismo seguono un Pantheon piuttosto ampio e complesso di diverse divinità.


Fonte: http://www.liceocavalieri.it/public/Portale%20risorse/archiviorisorse%5CLe%20religioni%20nel%20mondo.docx

Autore del testo: non indicato nel documento di origine

 

 

Vocabolario liturgico:

 

abito liturgico

abito_liturgico.html

acqua benedetta

acqua_benedetta.html

altare

altare.html

ambone

ambone.html

amitto

amitto.html

ampolline

ampolline.html

anamnesi

anamnesi.html

anello

anello.html

animetta

animetta.html

anno liturgico

anno_liturgico.html

asciugatoio

asciugatoio.html

aspersorio

aspersorio.html

baldacchino

baldacchino.html

battistero

battistero.html

benedizionale

benedizionale.html

brocca

brocca.html

calice

calice.html

camice

camice.html

campanello

campanello.html

cantari

cantari.html

cappino

cappino.html

casula

casula.html

cero pasquale

cero_pasquale.html

ciborio

ciborio.html

cingolo

cingolo.html

colletta

colletta.html

continenza

continenza.html

corporale

corporale.html

cotta

cotta.html

credenza

credenza.html

croce

croce.html

dalmatica

dalmatica.html

embolismo

embolismo.html

epiclesi

epiclesi.html

eucologia

eucologia.html

evangeliario

evangeliario.html

faro

faro.html

ferula

ferula.html

fonte battesimale

fonte_battesimale.html

incenso

incenso.html

infusione

infusione.html

insegne episcopali

insegne_episcopali.html

lampada

lampada.html

leggio

leggio.html

lezionario

lezionario.html

mensa

mensa.html

messale

messale.html

messalino

messalino.html

ministrante

ministrante.html

ministri

ministri.html

mitra

mitra.html

navicella

navicella.html

ostensorio

ostensorio.html

pallio

pallio.html

paramenti

paramenti.html

pastorale

pastorale.html

patena

patena.html

pianeta

pianeta.html

piattello

piattello.html

pisside

pisside.html

piviale

piviale.html

prefazio

prefazio.html

preghiera eucaristica

preghiera_eucaristica.html

presbiterio

presbiterio.html

pulpito

pulpito.html

purificatoio

purificatoio.html

reliquiario

reliquiario.html

rituale

rituale.html

rubriche

rubriche.html

sacrario

sacrario.html

secchiello

secchiello.html

sede

sede.html

stola

stola.html

tabernacolo

tabernacolo.html

torce

torce.html

tovaglia

tovaglia.html

tronetto

tronetto.html

turibolo

turibolo.html

vasi sacri

vasi_sacri.html

veletta

veletta_.html

velo

velo.html

zucchetto

zucchetto.html

 

 

Glossario di buddismo :

 

ajna

ajna.html

anahata

anahata.html

aspetti di buddha

aspetti_di_buddha.html

abhidharma

abhidharma.html

aura

aura.html

bodhgaya

bodhgaya.html

buddha

buddha.html

bodhisattva

bodhisattva.html

benedizione

benedizione.html

buddha della luce infinita

buddha_della_luce_infinita.html

buddha della saggezza su un leone

buddha_della_saggezza_su_un_leone.html

campo di potere

campo_di_potere.html

cerimonia della corona

cerimonia_della_corona.html

chakra

chakra.html

circolo di potere

circolo_di_potere.html

contaminazioni

contaminazioni.html

canone buddhista pali

canone_buddhista_pali.html

corona nera

corona_nera.html

dharma

dharma.html

dharmakaya

dharmakaya.html

dakini rossa (tib.

dakini_rossa_tib.html

diamante nella mano

diamante_nella_mano.html

dea di lunga vita

dea_di_lunga_vita.html

energie di buddha

energie_di_buddha.html

emaho

emaho.html

gampopa

gampopa.html

gangkar ti-se

gangkar_tise_.html

gelug

gelug.html

grande perfezione

grande_perfezione.html

grande veicolo

grande_veicolo.html

geshe

geshe.html

gioia insuperabile

gioia_insuperabile.html

grande nero

grande_nero.html

guru

guru.html

guru rinpoche

guru_rinpoche.html

hata yoga

hata_yoga.html

hinayana

hinayana.html

illuminazione

illuminazione.html

impegno

impegno.html

iniziazione

iniziazione.html

kailash

kailash.html

karma

karma.html

kanyur

kanyur.html

karmapa

karmapa.html

khor-io

khorio.html

kirlian

kirlian.html

jnanayoga

jnanayoga.html

lama

lama.html

lignaggio kagyu

lignaggio_kagyu.html

livello di gioia

livello_di_gioia.html

livello di verita’

livello_di_verita.html

lung

lung.html

maha - ati

maha__ati.html

mahamudra

mahamudra.html

mahayana

mahayana.html

mandala

mandala.html

manipura

manipura.html

mantra

mantra.html

mahamudra

mahamudra.html

marpa

marpa.html

meditazione dei karmapa

meditazione_dei_karmapa.html

meditazione delle tre luci

meditazione_delle_tre_luci.html

mente illuminata

mente_illuminata.html

milarepa

milarepa.html

mente di diamante

mente_di_diamante.html

madhyamaka

madhyamaka.html

muladhara

muladhara.html

naropa

naropa.html

ngon dro

ngon_dro.html

nyngma

nyngma.html

om mani pad me hung

om_mani_pad_me_hung.html

occhi amorevoli

occhi_amorevoli.html

oceano onnipotente

oceano_onnipotente.html

piccolo veicolo

piccolo_veicolo.html

prana

prana.html

pratiche preliminari

pratiche_preliminari.html

principi del samaya

principi_del_samaya.html

promessa (voto) del bodhisattva

promessa_voto_del_bodhisattva.html

prezioso ornamento di liberazione

prezioso_ornamento_di_liberazione.html

protettore

protettore.html

puja

puja.html

purificazione, purificare

purificazione,_purificare.html

pugnale di diamante

pugnale_di_diamante.html

regno della grande gioia

regno_della_grande_gioia.html

rifugio

rifugio.html

regno puro

regno_puro.html

rinpoche

rinpoche.html

ritiro di tre anni

ritiro_di_tre_anni.html

ruota del tempo

ruota_del_tempo.html

sahasrara

sahasrara.html

sakya

sakya.html

sei insegnamenti di naropa

sei_insegnamenti_di_naropa.html

stato di gioia

stato_di_gioia.html

stato di verita’

stato_di_verita.html

stupa

stupa.html

sni-ne

snine.html

siddha

siddha.html

swadhisthana

swadhisthana.html

tantra(buddista)

tantrabuddista.html

tilopa

tilopa.html

tulku

tulku.html

testa di cavallo

testa_di_cavallo.html

tu-je chenpo

tuje_chenpo.html

upanishad

upanishad.html

wesak

wesak.html

vacuita’

vacuita.html

vajrayana

vajrayana.html

veda

veda.html

via di diamante

via_di_diamante.html

voto (promessa) del bodhisattva

voto_promessa_del_bodhisattva.html

ventre di diamante

ventre_di_diamante.html

veicolo

veicolo.html

vissuddha

vissuddha.html

yantra

yantra.html

yoga

yoga.html

 

 

Religioni nel mondo

 

 

Visita la nostra pagina principale

 

Religioni

 

 

Termini d' uso e privacy

 

 

 

 

 

 

Religioni